Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
GIURISPRUDENZA
GIURISPRUDENZA
Insegnamento
DIRITTO DELL'ARBITRATO
GIP5070759, A.A. 2016/17

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2012/13

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Laurea magistrale ciclo unico 5 anni in
GIURISPRUDENZA (Ord. 2008)
GI0270, ordinamento 2008/09, A.A. 2016/17
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum GENERICO - SEDE DI TREVISO [999TV]
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese ARBITRATION LAW
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/giurisprudenza/course/view.php?idnumber=2016-GI0270-999TV-2012-GIP5070759-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede TREVISO
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile LUCA PENASA IUS/15

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
GIP5070759 DIRITTO DELL'ARBITRATO LUCA PENASA GI0270

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINI O INTEGRATIVE D.M.270/04 Attività formative in ambiti disciplinari affini o integrativi a quelli di base e caratterizzanti, anche con riguardo alle culture di contesto e alla formazione interdisciplinare IUS/15 6.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso V Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 6.0 48 102.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 27/02/2017
Fine attività didattiche 09/06/2017

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
2 A.A. 2017/18 sede di Treviso 02/10/2017 30/09/2018 PENASA LUCA (Presidente)
PILLONI MONICA (Membro Effettivo)
TURATTO SILVIA (Membro Effettivo)
MORGANTE VALENTINA (Supplente)
NEGRI MARCELLA (Supplente)
ZUFFI BEATRICE (Supplente)
1 A.A. 2016/17 sede di Treviso 03/10/2016 30/09/2017 PENASA LUCA (Presidente)
PILLONI MONICA (Membro Effettivo)
TURATTO SILVIA (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti: È necessaria la conoscenza delle nozioni fondamentali del diritto privato e del diritto processuale civile.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso è volto a fornire gli strumenti teorico-pratici necessari per lo studio del diritto dell’arbitrato, quale strumento di risoluzione delle controversie alternativo rispetto alla tutela giurisdizionale assicurata dai giudici statali.
Modalita' di esame: Prova orale
Criteri di valutazione:
Contenuti: 1. Caratteristiche generali dell'arbitrato nel quadro degli strumenti di risoluzione delle liti.
2. Arbitrato e Costituzione
3. Arbitrato rituale
3.1. La convenzione d’arbitrato
3.1.1. Il compromesso, la clausola compromissoria e la convenzione d’arbitrato in materia non contrattuale.
3.1.2. Il regime della convenzione d’arbitrato: l’arbitrabilità delle controversie; la forma della convenzione; le regole di interpretazione della convenzione; i requisiti essenziali e i requisiti accidentali.
3.1.3. L’efficacia della convenzione di arbitrato. Gli effetti nei confronti dei terzi
3.2. Gli arbitri.
3.2.1. Il contratto d'arbitrato; i doveri e i diritti degli arbitri.
3.2.2. Nomina degli arbitri (anche nell’arbitrato con pluralità di parti) e sostituzione degli arbitri.
3.2.3. Indipendenza degli arbitri.
3.3. Il processo arbitrale.
3.3.1. La domanda d'arbitrato e i suoi effetti.
3.3.2. La costituzione dell'organo arbitrale.
3.3.3. Le regole generali di svolgimento del processo arbitrale; l'istruttoria; il termine per la pronuncia del lodo; le questioni incidentali.
3.3.4. L’arbitrato con pluralità di parti.
3.3.5. La tutela cautelare.
3.3.6. I rapporti con il processo davanti al giudice statale.
3.3.7. Eventi anomali del processo arbitrale.
3.4. Il lodo
3.4.1. Deliberazione; requisiti essenziali del lodo; il lodo parziale e non definitivo.
3.4.2. Gli effetti del lodo.
3.4.3. Il deposito del lodo ai fini dell'exequatur .
3.4.4. La correzione.
3.5. Le impugnazioni dei lodi.
3.5.1. L’impugnazione per nullità: caratteristiche dell’impugnazione; i motivi di nullità; il giudizio rescindente e il giudizio rescissorio.
3.5.2. La revocazione e l'opposizione di terzo.
4. Arbitrato irrituale
4.1. La convenzione d’arbitrato irrituale: qualificazione giuridica ed effetti
4.2. Il procedimento arbitrale irrituale
4.3. Il lodo irrituale: efficacia ed impugnative
5. Tipi speciali di arbitrato
6. Arbitrato estero
6.1. La convenzione a favore di arbitrato estero
6.2. Il riconoscimento dei lodi esteri
6.3. I motivi ostativi del riconoscimento
6.4. Il giudizio di riconoscimento ed esecuzione del lodo estero
7. Arbitrato e diritto dell’Unione Europea
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali e seminari volti all'approfondimento di casi giurisprudenziali.
Ogni cfu corrisponde a un carico didattico di 8 ore di attività frontale (lezione o seminario) da svolgersi in aula.
Eventuali esercitazioni potranno essere offerte previa valutazione del docente.
Oltre all'attività di tutorato di Facoltà, non sono previste altre specifiche attività di supporto alla didattica.
Non è prevista alcuna attività formativa a distanza.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Per gli studenti frequentanti, la prova orale verterà su appunti e materiali dalle lezioni, oppure - a loro scelta - sui contenuti del testo di riferimento.
Testi di riferimento:
  • Mauro Bove, La giustizia privata. Padova: Cedam, 2015. pp. 1-284; 321-388 Cerca nel catalogo