Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
DIRITTO DELL'ECONOMIA
Insegnamento
DIRITTO DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE
SPM0013251, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2015/16

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
DIRITTO DELL'ECONOMIA
SP1841, ordinamento 2011/12, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese INTERNATIONAL TRADE LAW
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede ROVIGO
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile FRANCO SILVANO TONI DI CIGOLI

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative IUS/13 6.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 6.0 45 105.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 25/09/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti: Una buona dimestichezza e conseguente capacità di lavoro:
a. rispetto ai concetti fondamentali della teoria generale del diritto,
b. poi rispetto alle categorie ed i principali istituti del diritto privato, commerciale, dellUnione Europea e comparato;
c. e finalmente rispetto all'architettura del sistema delle fonti non solo domesticamente dispiegato.
Conoscenze e abilita' da acquisire: 1. Knowledge and understanding - L’allievo deve acquisire un linguaggio giuridico particolare, costruito sull’interazione tra il livello internazionale, transnazionale, sopranazionale [inspecie Europeo] e domestico [nell’esempio italiano]; lo stesso allievo dovra’ finalmente cosi’ essere in grado di comprendere il linguaggio ed il significato della dottrina, delle norme e della giurisprudenza in materia, necessariamente tra loro combinati perche’ - anche per quanto riguardi il commercio internazionale - il diritto non coincide con la legge; la completa copertura degli articolati contenuti dell’attivita’ formativa prevista dovrà consentire l'apprendimento delle nozioni necessarie per avere una comprensione di base del complesso diritto che e’ al contempo regolatore ed espressione giuridica dei mercati [cosi’ approcciandosi anche quel fenomeno che da alcuni e’ sintetizzato con “globalizzazione del diritto”]. Tali finalita’ sono conseguite non solo attraverso la didattica tradizionale ma anche attraverso attivita’ didattiche integrative che vedano l’intervento sia di studiosi delle aree disciplinari di riferimento che di operatori di organismi internazionali o vocati all’internazionalizzazione.
2. Applying knowledge and understanding - L’allievo – anche attraverso una attivita’ di ricerca richiesta per la redazione di un paper - dovra’ saper utilizzare e maneggiare con sufficiente sicurezza la dottrina, la normativa e la giurisprudenza di base in materia [magari combinando quelle che nel commercio internazionale possono essere le diverse fonti del diritto] e cosi’ acquisendo dimestichezza di base anche con i meccanismi di regolazione giuridica degli interessi in giuoco nei mercati.
3. Making judgements - L’allievo dovra’ saper valutare gli esiti – anche a primi fini pratici - ottenibili dall’applicazione dello strumentario giuridico succennato utilizzabile nell’ambito della materia, conoscendone a livello di base, potenzialita’ e limiti [anche riguardo alla tematica dell’internazionalizzazione dell’impresa].
4. Communication skills - L’allievo dovra’ dimostrare di saper giuridicamente argomentare in italiano oltre che dimostrare una qualche dimestichezza con i termini del diritto commerciale internazionale latamente inteso [ed ampiamente riconducibili alla lingua inglese].
5. Learning skills - L’allievo dovra’ infine possedere metodologie di ricerca e conoscenze scientifico-giuridiche in materia comunque necessarie magari ad affrontare approfondimenti tecnico-applicativi o studi specialistici correlati alla materia.
Modalita' di esame: La verifica del profitto è strutturata in una prova scritta ed una prova orale od in una prova solo scritta oppure in una prova solo orale.
1. Per gli studenti frequentanti è prevista alternativamente 1.1. – l’attiva partecipazione alle attivita’ didattiche integrative e la redazione di un paper (di circa 3.000 parole) su uno degli argomenti trattati dal docente e con lo stesso poi concordato; il detto paper è da vedersi consegnato al più tardi entro due settimane dal termine del Corso; l’esame consiste poi in una prova orale che muove dalla discussione del detto paper e verte sugli appunti dalle lezioni e sui materiali indicati dal docente nel corso delle lezioni stesse; il voto finale è bilanciato tra la prova scritta (il detto paper) e quella orale (oltre a tenersi di conto della partecipazione alle lezioni ed alle attivita’ didattiche integrative); 1.2. - la sola redazione di un paper (di circa 6.000 parole) su uno degli argomenti trattati dal docente e con lo stesso poi concordato; il detto paper è da vedersi consegnato al più tardi entro due settimane dal termine del Corso; l’esame consiste poi in una prova orale che muove dalla discussione del detto paper e verte sugli appunti dalle lezioni e sui materiali indicati dal docente nel corso delle lezioni stesse; il voto finale è bilanciato tra la prova scritta (il detto paper) e quella orale (oltre a tenersi di conto della partecipazione alle lezioni).
2. Per gli studenti non frequentanti l’esame è previsto nella forma di una prova scritta ed in una eventuale integrazione orale e verte sul programma e sui testi indicati; la prova scritta consiste in tre domande a risposta aperta; agli studenti che superino positivamente la prova scritta è lasciata la facoltà di chiedere una integrazione orale, ed il voto ottenuto nella prova scritta farà poi media con il voto ottenuto nella prova orale.
Criteri di valutazione: Per i frequentanti - attiva partecipazione all'attività didattica, partecipazione alle attività integrative, capacità di ragionamento e di argomentazione sugli istituti (anche in forma scritta), comprensione dell'evoluzione del diritto commerciale internazionale, europeo, comparato e transnazionale, lettura ed interpretazione delle fonti in forma orale.
Per i non frequentanti - capacità di ragionamento e di argomentazione sugli istituti (in forma scritta), comprensione dell'evoluzione del diritto commerciale internazionale, europeo, comparato e transnazionale, lettura ed interpretazione delle fonti in forma scritta (ed eventualmente orale).
Contenuti: Il corso è strutturato per fornire la conoscenza di base del profilo gius-privatistico del commercio internazionale; così, ed in successione, è data dapprima una generale introduzione al diritto privato degli affari sia internazionale, che europeo e comparato (con speciale enfasi sull'English Common Law), per poi passare, dando centralità al contratto, alle pertinenti tematiche classiche del diritto internazionale privato e per prestare infine attenzione alle obbligazioni nascenti dal contratto commerciale, con una cura riservata alla Convenzione di Vienna sulla compravendita internazionale; sono inoltre previste alcune considerazioni sia sui principi UNIDROIT dei contratti commerciali internazionali che sul tema del "mercato interno" europeo; da ultimo sono presentati aspetti di risoluzione delle controversie commerciali internazionali (con riferimenti sia alla litigation che all'arbitration).
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Alle lezioni ordinariamente previste si aggiungono seminari, gruppi di studio, workshops ed attività di Laboratorio.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: F. Galgano, Lex Mercatoria, Il Mulino, ultima edizione
Testi di riferimento:
  • Fabio Bortolotti, Diritto commerciale internazionale. --: CEDAM, --. Ultima edizione Cerca nel catalogo