Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
STORIA E TUTELA DEI BENI ARTISTICI E MUSICALI
Insegnamento
FILOLOGIA LATINA
LE07102889, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2015/16

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
STORIA E TUTELA DEI BENI ARTISTICI E MUSICALI
LE1855, ordinamento 2011/12, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese LATIN PHILOLOGY
Sito della struttura didattica http://www.beniculturali.unipd.it/www/homepage/
Dipartimento di riferimento Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica (DBC)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MARTINA ELICE L-FIL-LET/04

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE07102889 FILOLOGIA LATINA MARTINA ELICE LE0598

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative L-FIL-LET/05 9.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 9.0 63 162.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 26/02/2018
Fine attività didattiche 01/06/2018

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti: È richiesta una buona conoscenza della lingua e delle letteratura latina.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Al termine del corso lo studente dovrà aver acquisito:
1. una conoscenza di base della storia della trasmissione dei testi classici, e in particolare modo latini;
2. le nozioni fondamentali della critica testuale (metodo stemmatico; tipologie di errore, lettura e allestimento di apparati critici);
3. la capacità di riflettere criticamente sui casi concreti di tradizione analizzati a lezione.
Modalita' di esame: Esame orale
Criteri di valutazione: Nel corso dell'esame finale verranno valutate la conoscenza dei fondamenti della disciplina (storia della trasmissione dei testi, critica testuale, tecniche dell'edizione); l'abilità e la precisione nella traduzione dal latino; la capacità di analizzare problemi testuali, di leggere e confrontare gli apparati critici, di riflettere sui meccanismi della tradizione.
Contenuti: 1. Linee di storia della filologia classica con particolare riferimento al latino.
2. I presupposti e i principi fondamentali della critica del testo e le nozioni essenziali della tecnica dell’edizione.
3. ‘Dare il buon esempio’: teoria e prassi dell’esempio nei testi retorici e grammaticali latini.

1. La prima parte del corso consiste in un’introduzione al concetto di filologia classica, alla storia e agli strumenti fondamentali della disciplina. Verranno affrontati i seguenti argomenti, approfonditi attraverso la lettura di alcuni testi latini significativi e di una selezione di pagine critiche: materiali di trasmissione e strumenti scrittori; il formato del libro: dal rotolo al codice; libri e biblioteche nel mondo antico; le origini della filologia a Roma; la trasmissione dei testi dall’Antichità al Medioevo: l’età tardoantica; l’apporto insulare nella trasmissione dei classici; la rinascita carolingia; l’Umanesimo e l’età della stampa. Verranno inoltre presentati i principali strumenti della disciplina: i repertori bibliografici; le collane e le collezioni; i sussidi informatici.

2. Nella seconda parte del corso verranno presentate le nozioni fondamentali della critica testuale: il metodo stemmatico: recensio ed emendatio; tipologia delle varianti testuali; le edizioni critiche: testo critico e apparato critico.

3. La terza parte del corso verte sugli exempla nella letteratura retorica e grammaticale latina. Attraverso la lettura di una selezione di testi significativi saranno illustrati i meccanismi della trasmissione peculiari di questa parte dei trattati retorici e grammaticali. Saranno inoltre analizzate modalità espressive, tecnica e funzione della citazione a partire da un inquadramento complessivo della riflessione teorica antica sugli exempla.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali con momenti di discussione seminariale.
Visita d'istruzione alla Biblioteca universitaria di Padova.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: I testi oggetto del corso e ulteriori materiali bibliografici verranno forniti o indicati nel corso delle lezioni.
Testi di riferimento:
  • T. D. Reynolds-N. G. Wilson, Copisti e filologi.. Padova: Antenore, 2016. Cerca nel catalogo
  • F. Stok, I classici dal papiro a Internet.. Roma: Carocci editore, 2016. Cerca nel catalogo
  • P. Chiesa, Elementi di critica testuale. Bologna: Pàtron, 2012. Cerca nel catalogo
  • H. Keil, Grammatici Latini, ex recensione H. Keilii, I-VII; VIII Supplementum, continens anecdota Helvetica ex recensione H. Hageni. Lipsiae: Teubner, --. Cerca nel catalogo
  • G. A. Ferrari, Libro. Torino: Bollati Boringhieri, 2014. Cerca nel catalogo
  • K. Halm, Rhetores Latini minores. Lipsiae: Teubner, --. Cerca nel catalogo
  • G. Calboli (a cura di), Cornifici Rhetorica ad C. Herennium, Introduzione, testo critico, commento a cura di G. Calboli. Bologna: Pàtron, 1993. Cerca nel catalogo