Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Giurisprudenza
GIURISPRUDENZA
Insegnamento
DIRITTO DELL'ARBITRATO
GIP5070759, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Laurea magistrale ciclo unico 5 anni in
GIURISPRUDENZA (Ord. 2014)
GI0270, ordinamento 2014/15, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum GENERICO - SEDE DI TREVISO [999TV]
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese ARBITRATION LAW
Sito della struttura didattica http://www.giurisprudenza.unipd.it
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede TREVISO
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile LUCA PENASA IUS/15

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINI O INTEGRATIVE D.M.270/04 Attività formative in ambiti disciplinari affini o integrativi a quelli di base e caratterizzanti, anche con riguardo alle culture di contesto e alla formazione interdisciplinare IUS/15 6.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 6.0 48 102.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 26/02/2018
Fine attività didattiche 01/06/2018

Syllabus
Prerequisiti: È necessaria la conoscenza delle nozioni fondamentali del diritto privato e del diritto processuale civile.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso è volto a fornire le nozioni teorico-pratiche necessarie per lo studio del diritto dell’arbitrato, allo scopo di formare futuri professionisti del diritto capaci di inquadrare, affrontare e risolvere, con capacità operative concrete, problemi giuridici attinenti al campo dei mezzi di risoluzione delle controversie alternativi rispetto alla giurisdizione statale.
Verrà dato adeguato rilievo alla prospettiva comparatistica e transnazionale, tenendo in debita considerazione le legislazioni di altri Stati, l'arbitrato internazionale ed estero, gli influssi del diritto dell'Unione Europea.
Lo studente alla fine del corso sarà in grado di:
- comprendere e valutare i principi ed istituti fondamentali del diritto dell'arbitrato;
- predisporre e interpretare degli accordi compromissori e redigere atti relativi a un processo arbitrale;
- affrontare con capacità critica casi pratici, prospettandone le possibili alternative qualificazioni giuridiche e gli effetti che a queste conseguono;
- illustrare appropriatamente, oralmente o per iscritto, problemi giuridici complessi e le loro possibili soluzioni.
Modalita' di esame: Prova orale
Criteri di valutazione:
Contenuti: 1. Caratteristiche generali dell'arbitrato nel quadro degli strumenti di risoluzione delle liti alternativi alla giurisdizione statale.
2. Evoluzione della disciplina dell'arbitrato dal c.p.c. del 1940 alla riforma del 2006.
3. Arbitrato e Costituzione.
4. Le controversie arbitrabili.
5. L'arbitrato rituale.
5.1. La convenzione di arbitrato.
5.2. Gli arbitri.
5.3. Il processo arbitrale.
5.4. La tutela cautelare.
5.5. Il lodo.
5.6. L'impugnazione per nullità del lodo.
5.7. La revocazione e l'opposizione di terzo.
6. L'arbitrato irrituale.
7. Gli arbitrati speciali.
8. L'arbitrato estero.
9. L'arbitrato e il diritto dell’Unione Europea.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali e seminari volti all'approfondimento di casi giurisprudenziali.
Ogni cfu corrisponde a un carico didattico di 8 ore di attività frontale (lezione o seminario) da svolgersi in aula.
Eventuali esercitazioni potranno essere offerte previa valutazione del docente.
Oltre all'attività di tutorato di Facoltà, non sono previste altre specifiche attività di supporto alla didattica.
Non è prevista alcuna attività formativa a distanza.
D'accordo col docente potrà essere organizzato un processo arbitrale simulato, a cui gli studenti potranno partecipare nella veste di difensori di una delle parti.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Per gli studenti frequentanti, la prova orale verterà su appunti e materiali dalle lezioni, oppure - a loro scelta - sui contenuti del testo di riferimento.
Gli studenti frequentanti potranno redigere un elaborato critico su uno dei temi del corso: in tal caso la prova orale avrà ad oggetto, oltre a tale tema, i soli argomenti trattati a lezione, che saranno concordati col docente.
Testi di riferimento:
  • Mauro Bove, La giustizia privata. Padova: Cedam, 2015. pp. 1-283; 321-387. Cerca nel catalogo