Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria
BIOTECNOLOGIE PER L'ALIMENTAZIONE
Insegnamento
BIOTECNOLOGIE FITOSANITARIE E RISPOSTA DELLE PIANTE AGLI STRESS
MVO2045239, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
BIOTECNOLOGIE PER L'ALIMENTAZIONE (Ord. 2011)
IF0362, ordinamento 2011/12, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum BIOTECNOLOGIE PER L'ALIMENTAZIONE [001LE]
Crediti formativi 13.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese BIOTECHNOLOGY IN PLANT PROTECTION
Sito della struttura didattica http://www.agrariamedicinaveterinaria.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione (BCA)
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/scuolaamv/course/view.php?idnumber=2017-IF0362-001LE-2016-MVO2045239-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede LEGNARO (PD)
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile FRANCESCO FAVARON AGR/12
Altri docenti NICOLA MORI AGR/11
SILVIA QUAGGIOTTI AGR/13

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline biotecnologiche comuni BIO/10 3.0
CARATTERIZZANTE Discipline biotecnologiche comuni BIO/13 10.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
ESERCITAZIONE 1.0 8 17.0 Nessun turno
LABORATORIO 1.0 8 17.0 Nessun turno
LEZIONE 11.0 88 187.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 02/10/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
5 Commissione A.A. 2016/17 01/12/2016 30/11/2017 FAVARON FRANCESCO (Presidente)
MORI NICOLA (Membro Effettivo)
QUAGGIOTTI SILVIA (Supplente)
SELLA LUCA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Sono necessarie le conoscenze relative alle seguenti discipline: Biochimica, Biologia, Biologia cellulare, Biologia molecolare, Genetica, Microbiologia generale
Conoscenze e abilita' da acquisire: Approfondimento delle basi genetiche e genomiche e dei meccanismi fisiologici e molecolari che regolano l’adattamento degli organismi patogeni e parassiti alle piante ospiti, e la plasticità della risposta delle piante agli stress biotici e ambientali. Acquisizione della capacità di riconoscere le principali cause di danno alle colture e di prevedere gli effetti sulla qualità dei prodotti vegetali. Saper scegliere le applicazioni biotecnologiche più idonee per contenere i danni sui prodotti evitando o riducendo il ricorso ai presidi fitosanitari
Modalita' di esame: Valutazione della preparazione mediante colloquio orale sui contenuti del corso e presentazione di un elaborato su un argomento di approfondimento assegnato.
Criteri di valutazione: La valutazione si baserà sulla dimostrata acquisizione dei concetti base della disciplina, sulla capacità di prevedere gli effetti dei diversi tipi di stress sulla fisiologia della pianta e le conseguenze sul prodotto, e sulla capacità di proporre soluzioni biotecnologiche originali per prevenire o rimediare le conseguenze dannose delle avversità biotiche e abiotiche.
Contenuti: Il corso è suddiviso in 3 parti riguardanti la protezione dalle malattie (6 CFU) e dagli agenti infestanti (4 CFU) e l’adattamento delle piante agli stress ambientali (3 CFU).
Biotecnologie per la protezione dalle malattie (6 CFU)
- La difesa delle piante e dei prodotti vegetali destinati all’alimentazione umana e animale dalle avversità: aspetti economici e ambientali, ruolo delle biotecnologie.
- Richiami di: biologia degli agenti infettivi (virus e viroidi, mollicutes, batteri, oomiceti, funghi), diagnosi delle malattie delle piante e dei prodotti destinati all’alimentazione umana e animale
- Meccanismi della patogenicità e virulenza, e della resistenza delle piante alle malattie. Miglioramento della resistenza delle piante per mezzo della manipolazione genetica e dell'attivazione dei sistemi naturali di difesa. Interazioni con le risposte delle piante alle avversità abiotiche.
- Funghi fitopatogeni che producono micotossine prima e dopo la raccolta dei prodotti vegetali.
- Il contenimento delle malattie con la lotta biologica e con i presidi fitosanitari: meccanismi d’azione, sviluppo di resistenze, residui nei prodotti vegetali, legislazione.

Biotecnologie per la protezione dagli agenti infestanti (4 CFU)
- La difesa delle piante e dei prodotti vegetali destinati all’alimentazione umana e animale dai parassiti animali: entità dei danni, ecologia degli infestanti
- Tecniche di rilevamento delle infestanti nelle derrate e negli ambienti di lavorazione. Impiego dei mezzi di comunicazione intra e interspecifica per il monitoraggio. Tecniche molecolari in uso per la caratterizzazione ed identificazione degli artropodi di interesse economico.
- Strategie di controllo degli artropodi dannosi: controllo biologico, chimico, integrato. I prodotti fitosanitari: generalità, legislazione, modalità d’impiego. Impatto dei prodotti fitosanitari sulle biocenosi. Impiego delle biotecnologie nella difesa dagli artropodi dannosi ai prodotti vegetali.
- Dannosità e controllo delle principali specie di artropodi dei prodotti vegetali. Artropodi come vettori di malattie per l’uomo. Riferimenti legislativi per le produzioni alimentari.

Risposta delle piante agli stress
- Concetto di stress, plasticità fenotipica ed individualità, riposta allo stress, cross-talk tra stress, transgenesi nel miglioramento genetico della risposta agli stress.. Caso studio: associazione caldo-secco.
- La percezione dello stress, ruolo della membrane plasmatica e dei recettori, le GTPasi come “interruttore molecolare” nella risposta agli stress.,Caso studio: lo stress da anossia ed il reostato ROP.
Stress ossidativo e omeostasi ROS. ROS come molecole segnale nello sviluppo e nella risposta allo stress. Casi studio: lo svilippo dei peli radicali e la PCD (morte cellulare programmata) .
- Altri elementi nella trasduzione dello stress. Vie di segnalazione mediate dal calcio e dalle protein kinasi, ruolo delle MAPK nelle risposte a stress, regolazione della trascrizione genica come risposta di stress, principali gruppi di fattori di trascrizione coinvolti in tale risposta, microRNA e stress abiotici
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Le lezione frontali costituiscono la parte preponderante del corso (88 ore). Le attività di laboratorio (16 ore) riguardano l'applicazione di tecniche morfologiche, chimiche e molecolari per individuare gli agenti di danno e gli effetti delle avversità sulle risposte fisiologiche della pianta e sulle caratteristiche dei prodotti. Inoltre, saranno confrontati alcuni protocolli per valutare l’efficacia degli agenti di biocontrollo e di sostanze attive.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Oltre ad alcuni testi consigliati dai docenti (vedi sotto), saranno rese disponibili le slides del docente e sarà proposto del materiale bibliografico (articoli scientifici relativi a casi studio e review) su specifici argomenti del corso.
Testi di riferimento:
  • Rees D., Insects of stored products. --: CSIRO, 2004. Cerca nel catalogo
  • Hagstrum D., Subramanyam B., Fundamentals of Stored-Product Entomology.. --: AACC, 2006. Cerca nel catalogo
  • Buchanan, Gruissem, Jones., Biochemistry & Molecular Biology of Plants. Rockville, Maryland, US: ASPP, 2017. Cerca nel catalogo
  • Trematerra P., Gentile P., Gli animali infestanti in molini e pastifici e la loro gestione.. --: Chiriotti Editori, 2007. Cerca nel catalogo
  • Matta A., Buonaurio R., Favaron F. , Scala A., Scala F., Fondamenti di Patologia vegetale. --: Patron, --. In stampa
  • De Cicco v., Bertolini P., Salerno M.G., Patologia postraccolta dei prodotti vegetali. --: Piccin, 2008. Cerca nel catalogo