Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE
Insegnamento
DIRITTO PUBBLICO E DEL WELFARE
EPP3051398, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE
SF1738, ordinamento 2011/12, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 12.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PUBLIC LAW AND WELFARE
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile ANTONINO SCALONE IUS/09
Altri docenti FEDERICA TURLON

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline giuridiche IUS/09 12.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 12.0 90 210.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 25/09/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018

Syllabus
Prerequisiti:
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso intende trattare innanzitutto il tema dello Stato, con particolare riferimento alla sua struttura concettuale, alla sua genesi storica e alle sue trasformazioni.
In secondo luogo intende delineare i caratteri principali del Welfare State, con particolare riferimento alla sua genesi, alle sue funzioni, alle sue trasformazioni e alla sua crisi.
In terzo luogo intende trattare, con particolare riferimento al testo costituzionale, il tema dei diritti sociali.
In quarto luogo, intende fornire un quadro della legislazione vigente in tema di servizi sociali.
Lo studente dovrà essere in grado:
a. di esprimersi con proprietà di linguaggio e di illustrare in modo chiaro ed esauriente gli argomenti di studio;
b. di comprendere testi dottrinali di media difficoltà, collocandoli all'interno del dibattito sull'argomento;
c. di orientarsi all'interno di un testo normativo riconoscendone il tipo, la struttura e l'articolazione;
d. di operare osservazioni critiche su quanto studiato;
e. di utilizzare e applicare quanto appreso nell'ambito specifico del proprio corso di studi.
Modalita' di esame: Prof. Scalone
Prova scritta con domande a risposta chiusa e aperta

Dott.ssa F. Turlon
La prova d’esame è scritta.
Si sostanzia in cinque domande:
Tre domande a risposta chiusa in cui al candidato sarà richiesto di risolvere un caso pratico in cui è coinvolto l’assistente sociale.
Due domande a risposta aperta sui temi oggetto del programma indicato.

Durante la prova potranno essere consultati i testi normativi (Codice civile e Codice penale non commentati).
Criteri di valutazione: Saranno presi in considerazione la conoscenza degli argomenti in programma, la proprietà di linguaggio, la capacità di esposizione e la coerenza nell'argomentazione.
Contenuti: Prof. A. Scalone
-Il concetto di Stato e la sua struttura logica;
-nascita, evoluzione e trasformazione dello Stato;
-il Welfare State;
- i diritti sociali (con particolare riferimento alla Costituzione italiana);
- la legislazione dei servizi sociali.

Dott.ssa Federica Turlon

La famiglia nell’ordinamento italiano: dalla fase fisiologica alla fase patologica con particolare riferimento al ruolo del servizio sociale nelle procedure giudiziali di separazione, divorzio e scissione delle coppie di fatto. L’affidamento del minore al Servizio Sociale ex art. 337 ter, comma 2, c.c.

Le misure di protezione nelle relazioni familiari e il ruolo assunto dal Servizio Sociale: - la tutela civile (obbligo di segnalazione da parte del Servizio Sociale; sospensione/decadenza dalla responsabilità genitoriale ex art. 330/333 c.c. e affidamento del minore al Servizio Sociale; ordini di protezione contro gli abusi familiari) e la tutela penale (allontanamento dalla casa familiare del maltrattante e abusante);

La tutela del minore vittima di reato: Obblighi di denuncia da parte del Servizio Sociale; assistenza dei Servizi Minorili dell’Amministrazione della giustizia e dei Servizi di Assistenza istituiti dagli Enti Locali.

Il minore autore di reato: competenze dei Servizi Minorili dell’Amministrazione della giustizia e dei Servizi di Assistenza istituiti dagli Enti Locali.

Le misure amministrative nei confronti del minore irregolare nella condotta e nel carattere: l’affidamento al Servizio Sociale ex art. 25 R.D.L. 1404/1934
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso sarà realizzato attraverso lezioni frontali con l'eventuale uso di slide; particolare attenzione sarà riservata alla lettura e all'analisi dei testi.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Quanto inserito nella presente pagina relativamente a programma, modalità d'esame, libri di testo vale indifferentemente sia per i frequentanti che per i non frequentanti.
Ulteriori materiali di studio in aggiunta ai testi indicati in bibliografia saranno inseriti nella piattaforma Moodle; essi saranno parte integrante del programma d'esame.
Testi di riferimento:
  • E. Codini-A. Fossati-S.A. Frego Luppi, Manuale di diritto dei servizi sociali. Giappichelli: Torino, 2013. Cerca nel catalogo
  • C.CASCONE – S. ARDESI – M. GIONCA, Diritto di famiglia e minorile per operatori sociali e sanitari. Padova: Cedam, 2014. PARTE I: Capitolo II PARTE II: Capitolo III, Capitolo IV, Capitolo VII, Capitolo VIII, Capitolo IX PARTE III; Capitolo XI, Capitolo XII, Capitolo XIII