Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
POLITICA INTERNAZIONALE E DIPLOMAZIA
Insegnamento
DIRITTO E RELIGIONI
EPP5070938, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
POLITICA INTERNAZIONALE E DIPLOMAZIA
SP1426, ordinamento 2008/09, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese LAW AND RELIGIONS
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile ROSSELLA ALESSANDRA BOTTONI IUS/11

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative IUS/11 6.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 6.0 45 105.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 25/09/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018

Syllabus
Prerequisiti: Nessuno, a parte le nozioni di cultura generale che ci si aspetta siano state acquisite, nel corso dell'intero percorso formativo, da studentesse e studenti universitari all'ultimo anno di corso.
Conoscenze e abilita' da acquisire: CONOSCENZE
- Modelli dei rapporti tra Stato e confessioni religiose nei paesi europei
- Standards europei di tutela del diritto di libertà religiosa
- Disciplina giuridica del fenomeno religioso in Italia
- Problemi contemporanei di libertà religiosa e convivenza civile nelle società multireligiose
ABILITA'
- Acquisizione del linguaggio tecnico-giuridico
- Capacità di comprensione dei testi giuridici esaminati nel corso
- Sviluppo del ragionamento logico-giuridico
- Capacità argomentative e abilità nella comunicazione orale
Modalita' di esame: Il corso è strutturato in 4 moduli. I contenuti dei moduli I e II saranno oggetto di un questionario scritto; quelli dei moduli III e IV di un esame orale.
Criteri di valutazione: Il questionario scritto, che verte sui contenuti dei moduli I e II, è finalizzato a valutare non solo il grado di conoscenza delle nozioni fondamentali esaminate, ma anche la capacità di comprensione dei testi giuridici.
L'esame orale, relativo ai moduli III e IV, è volto a valutare non solo il grado di conoscenza delle nozioni fondamentali esaminate, ma anche il grado di abilità nella comunicazione orale e di competenza nel linguaggio tecnico-giuridico.
Il voto finale sarà così assegnato:
- da 0 a 10 punti per i moduli I e II;
- da 0 a 10 punti per il modulo III;
- da 0 a 10 punti per il modulo IV;
- la lode sarà determinata dalla partecipazione attiva alle lezioni.
Contenuti: MODULO I: I RAPPORTI TRA STATO E CONFESSIONI RELIGIOSE NELLO SPAZIO EUROPEO
La classificazione tradizionale dei modelli di rapporti tra Stato e Chiesa. I sistemi di unione o subordinazione, i sistemi di coordinazione e i sistemi di separazione: evoluzione storica.
L’orientamento dello Stato in materia religiosa. Confessionismo e laicità.
Il “modello europeo” di rapporti tra Stato e confessioni religiose.
L’autonomia dottrinale ed organizzativa delle confessioni religiose.
La collaborazione selettiva dello Stato con le confessioni religiose.
MODULO II: GLI STANDARDS EUROPEI DI TUTELA DEL DIRITTO DI LIBERTÀ DI COSCIENZA E DI RELIGIONE
La libertà di credere e di non credere. Le visioni del mondo tutelate dall’art. 9 CEDU.
La libertà di manifestare la propria religione o credo
- mediante l’insegnamento. Il proselitismo;
- mediante il culto. La questione delle moschee e dei minareti;
- mediante le pratiche. I simboli religiosi. Le regole alimentari religiose;
La “libertà di fare” in nome della propria visione del mondo: matrimonio, famiglia, educazione della prole.
La “libertà di non fare” in nome della propria visione del mondo. La questione dell’obiezione di coscienza.
MODULO III: LA DISCIPLINA GIURIDICA DEL FENOMENO RELIGIOSO IN ITALIA
Le fonti del diritto ecclesiastico
Il diritto individuale di libertà religiosa
Fattore religioso e principio di eguaglianza:
- L’eguaglianza dei cittadini davanti alla legge
- L’eguale libertà delle confessioni religiose
- Il divieto di discriminazione fra enti per motivi religiosi
I rapporti tra Stato e confessioni religiose:
- I principi
- I rapporti con la Chiesa cattolica
- I rapporti con le confessioni religiose diverse dalla cattolica
Il finanziamento delle confessioni religiose
MODULO IV: PROBLEMI CONTEMPORANEI DI LIBERTÀ RELIGIOSA E CONVIVENZA CIVILE NELLE SOCIETÀ MULTIRELIGIOSE
Il modulo IV è strutturato come un percorso differenziato: ogni studente/ssa sceglierà e approfondirà un argomento a seconda dei propri interessi. Gli argomenti e i relativi materiali da studiare saranno indicati su Moodle.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso è formalmente strutturato in lezioni frontali, con il sostegno di presentazioni in powerpoint.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Per i moduli I, II e III, la dispensa scaricabile da Moodle (a cui i frequentanti aggiungeranno gli appunti presi a lezione).
Per il modulo IV, il materiale che sarà comunicato su Moodle.

I frequentanti avranno una riduzione del programma, e potranno sostenere l'esame secondo modalità indicate all'inizio del corso.
Testi di riferimento: