Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
STUDI EUROPEI
Insegnamento
DIRITTO PRIVATO EUROPEO
SPM0013272, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
STUDI EUROPEI
SP1866, ordinamento 2013/14, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum DIRITTO DELL'INTEGRAZIONE EUROPEA [001PD]
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese EUROPEAN PRIVATE LAW
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MANUELA MANTOVANI IUS/01

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE giuridico IUS/01 6.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 6.0 45 105.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 02/10/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti: - Buona conoscenza della lingua italiana parlata e scritta.
- Conoscenza dei principali istituti del diritto privato (soprattutto: disciplina del contratto in generale, diritto di famiglia, responsabilità civile)
Conoscenze e abilita' da acquisire: - Conoscenza delle aree del diritto privato interessate dal processo di armonizzazione europea;
- comprensione dei problemi legati al processo di armonizzazione del diritto privato europeo: linguaggio, modelli e strumenti;
- capacità di rielaborare con spirito critico le nozioni acquisite e di proporre soluzioni ai problemi pratici connessi al processo di armonizzazione europea nelle materie del diritto privato.
Modalita' di esame: Prova orale. Per gli studenti frequentanti: eventuale presentazione dei risultati di ricerche individuali o di gruppo su argomenti concordati con il docente.
Criteri di valutazione: v. sopra
Contenuti: v. punto successivo
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: 1. L’idea di diritto privato europeo: le diverse accezioni;
2. Le fonti del diritto europeo;
3. I modelli di integrazione giuridica: armonizzazione, uniformazione, unificazione;
4. Linguaggio e regole: alla ricerca di un linguaggio condiviso per L’Europa;
5. L’attività di uniformazione delle Istituzioni dell’UE: regolamenti e direttive comunitarie; le sentenze della Corte di Giustizia UE;
6. Il processo di armonizzazione in materia di famiglia: i Regolamenti n.1347/2000/CE (c.d. Bruxelles II) e 2201/2003/CE (c.d. Bruxelles II bis), e n. 1259/2010/UE;
7.Le iniziative di uniformazione provenienti da gruppi di studiosi:l’attività della Commission on European Family Law;
8. Il processo di armonizzazione in materia di responsabilità civile: l’attività dello European Group on Tort Law;
9. Il processo di uniformazione del diritto contrattuale: i documenti dell’UE in materia contrattuale;
10. Segue: Le comunicazioni della Commissione europea sul diritto contrattuale: Aquis communautaire e Common frame of reference;
11. Le iniziative provenienti da gruppi di studiosi: lo Study Group on a European civil code e il Gruppo Acquis;
12. l “Principi di diritto europeo dei contratti” (PECL), Principi Acquis e “Draft Common frame of reference” (DCFR): un confronto con il diritto italiano;
13. Sviluppi successivi: il Feasibility Study on a european contract Law for Consumers and Businesses;
14. (segue)La proposta di regolamento per un diritto comune europeo della vendita (CESL)
15. La direttiva UE sul Digital Single Market
16. Prove di armonizzazione: la formazione del contratto; i doveri precontrattuali;
17. Segue: i principi di buona fede e ragionevolezza;
18. Segue: l’invalidità.

Il metodo di insegnamento consiste in parte nella didattica tradizionale (frontale); in parte nella elaborazione autonoma dei materiali distribuiti agli studenti durante il corso.
E' poi auspicabile la partecipazione attiva del gruppo, sotto la guida del docente, alla discussione sulle tematiche del corso.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio:
Testi di riferimento:
  • G. Alpa, Diritto privato europeo (Cap. 1, 2, 9, 10). Milano: Giuffré, 2016. le pagine dei testi indicati per la preparazione dell'esame sono disponibili in fotocopia presso il Centro copie del Dipartimento Cerca nel catalogo