Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Ingegneria
INGEGNERIA CIVILE
Insegnamento
ASEISMIC DESIGN OF BUILDING STRUCTURES - COSTRUZIONI IN ZONA SISMICA
INO2043578, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
INGEGNERIA CIVILE (Ord. 2010)
IN0517, ordinamento 2010/11, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum Percorso Comune
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese ASEISMIC DESIGN OF BUILDING STRUCTURES
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale (ICEA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione INGLESE
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile FRANCESCA DA PORTO ICAR/09

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Ingegneria civile ICAR/09 9.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 9.0 72 153.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 26/02/2018
Fine attività didattiche 01/06/2018

Syllabus
Prerequisiti: Tecnica delle Costruzioni I e II
Conoscenze e abilita' da acquisire: Metodologie, tecniche ed indicazioni normative per:
- progettare in termini prestazionali nuovi edifici di calcestruzzo armato e di muratura in zona simica;
- valutare e ridurre la vulnerabilità sismica di edifici esistenti di c.a. e di muratura;
- valutare e ridurre la vulnerabilità dei componenti cosiddetti “non strutturali”;
- ottimizzare l’impiego delle risorse disponibili ai fini della mitigazione del rischio sismico sia a scala del singolo edificio che a scala urbana e territoriale.
Grande familiarità deve essere acquisita in tale ambito con:
- i metodi più avanzati teorici, numerici, e numerico-sperimentali di valutazione della “capacità” e della “domanda” di edifici e di componenti non strutturali soggetti ad azioni sismiche;
- gli approcci probabilistici classici o più avanzati, applicati anche ai fini della “classificazione sismica” degli edifici come richiesto dalle più avanzate linee guida nel settore della gestione del rischio sismico;
- le tecnologie più innovative per la realizzazione di nuovi edifici e per la riparazione/il rinforzo di edifici esistenti, con particolare attenzione ai sistemi di isolamento simico.
Modalita' di esame: Prova pratica: progetto e verifica di edifici per azioni sismiche.
Criteri di valutazione: Lo studente dovrà dimostrare di avere compreso e di saper affrontare, nella pratica, la progettazione strutturale di una costruzione in zona sismica e la valutazione della vulnerabilità sismica di strutture esistenti.
Contenuti: - Il rischio sismico. Definizione di pericolosità: origine, intensità, classificazione dei terremoti; effetti di sito; sismicità indotta ed attivata. Definizione di esposizione, costi e malfunzionamenti legati ai danni alle componenti non strutturali (tamponamenti, controsoffitti, impianti, oggetti d’arte, etc). Vulnerabilità sismica di strutture in calcestruzzo armato e muratura, anche in riferimento ai danni osservati in recenti terremoti. Criteri generali di progettazione e modellazione in campo sismico, azione sismica e requisiti delle strutture nei confronti degli stati limite. Metodi di analisi lineare e non lineare (statica e dinamica) e criteri di verifica. Approcci agli spostamenti (Diplacement-Based Design and Assessment). Criteri per la classificazione della vulnerabilità degli edifici ai fini della valutazione del rischio sismico.
- Esempi di calcolo di strutture in CA: strutture a telaio e strutture a lame; confronto tra metodi di analisi, verifiche degli elementi con gerarchia delle resistenze, dettagli costruttivi.
- Esempi di calcolo di strutture in muratura portante: confronto tra strutture in muratura semplice ed armata; confronto tra risultati di analisi statiche lineari e statiche non lineari.
- Valutazione della vulnerabilità sismica, indagini sulle strutture e interventi di adeguamento/miglioramento per strutture esistenti. Approccio normativo, livelli di conoscenza e fattori di confidenza. Tecniche di rinforzo e metodi di verifica di edifici in CA e in muratura con materiali tradizionali e innovativi (FRP, FRG, SRG, TRM…).
- Introduzione alla dinamica di strutture isolate alla base. Dispositivi anti-sismici: isolatori e dissipatori. Esempio di calcolo di una struttura isolata alla base. Protezione sismica del contenuto strutturale (oggetti ed impianti).
- Metodi numerici per l'analisi statica e dinamica delle strutture e applicazioni pratiche con programmi di calcolo. Introduzione al Building Information Modeling (BIM) per applicazioni all’ingegneria strutturale e alla progettazione sismica.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Didattica frontale con svolgimento in classe di progetti. Integrazioni con video di prove sperimentali (e visite al laboratorio durante prove speciali, se possibile) ed immagini di danni alle strutture dovuti al terremoto per una migliore comprensione del comportamento delle strutture. Al fine di fornire informazioni aggiornate e contribuire efficacemente all’acquisizione delle conoscenze ampie e diversificate che è necessario possedere in tale ambito, il corso si avvale della collaborazione in forma seminariale di specialisti di diversi settori, anche appartenenti alla Commissione Nazionale Grandi Rischi – Settore Rischio sismico. Ad esempio:
- E. Guidoboni (EEDIS) - L’approccio storico ai terremoti: conoscere e usare i dati
- F. Mulargia (UNIBO) – Ridurre il rischio sismico in Italia
- D. Dozio (ARUP Italia) – Sistemi di stabilità laterale per edifici alti
- M. Banfi (HIRUN) – Prove sperimentali su sistemi di isolamento sismico
- J. Rots (TU Delft) – Modellazione e sperimentazione di strutture in muratura e problemi di sismicità indotta con riferimento al caso di Groningen
- C. Zanchetta (TeMA)– Building Information Modeling: workability and interoperability in structural design
- G. Granello (UCNZ) – Long term performance of post-tensioned timber structures
Per approfondire le conoscenze acquisite, vi è la possibilità di svolgere attività formative specialistiche nell’ambito di progetti di ricerca e collaborazioni a livello nazionale ed internazionale.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Viene messa a disposizione degli studenti una dispensa completa delle lezioni in formato slide.
Testi di riferimento:
  • Ministero delle Infrastrutture, DM 14/01/2008: Norme tecniche per le costruzioni. --: Gazzetta Ufficiale n. 29 del 4 febbraio 2008, --. Suppl. Ordinario n. 30 Cerca nel catalogo
  • Ministero delle Infrastrutture, Circolare 02/02/2009 contenente le Istruzioni per l’applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al DM14/01/2008. --: Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26 febbraio 2009, --. Suppl. Ordinario n. 27
  • EUROPEAN COMMITTEE FOR STANDARDIZATION, UNI EN1998-1:Progettazione delle strutture per la resistenza sismica-Parte 1: Regole generali, azioni sismiche e regole per gli edifici. --: --, --. 2005