Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SCIENZE ARCHEOLOGICHE
Insegnamento
CULTURA E PRODUZIONE ARTISTICA DEL MONDO CLASSICO
LEO2044218, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE ARCHEOLOGICHE
LE0616, ordinamento 2014/15, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese CULTURAL AND ARTISTIC PRODUCTION OF THE CLASSICAL WORLD
Dipartimento di riferimento Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica (DBC)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile CECILIA ROSSI L-ANT/07

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso
LEO2044218 CULTURA E PRODUZIONE ARTISTICA DEL MONDO CLASSICO CECILIA ROSSI LE0612

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative L-ANT/07 6.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 6.0 42 108.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 02/10/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018

Syllabus
Prerequisiti: L'insegnamento è rivolto agli studenti della laurea magistrale in possesso di buone conoscenze di archeologia e storia greca e romana.
Conoscenze e abilita' da acquisire: L’insegnamento si pone come scopi formativi l’acquisizione di conoscenze metodologiche e lo sviluppo di capacità critiche finalizzate allo studio dei manufatti artistici del mondo classico e al loro inquadramento nel contesto sociale ed economico di riferimento.
Modalita' di esame: La verifica consiste in un colloquio orale. Non sono previste prove scritte.
Criteri di valutazione: L’esame sarà volto ad accertare l’adeguata conoscenza degli argomenti in programma, valutando la chiarezza espositiva, le capacità di sintesi e la proprietà di linguaggio, con particolare attenzione all’utilizzo del lessico disciplinare appropriato. Verranno quindi valutate le capacità analitico-descrittive e le abilità acquisite nel riconoscimento tipologico-funzionale dei manufatti e delle tecniche di lavorazione ad essi associate.
Contenuti: L’insegnamento intende fornire un inquadramento storico e critico delle produzioni artistico-suntuarie del mondo classico. Le lezioni si apriranno con un’introduzione volta a chiarire l’ambito di indagine e le materie prime implicate, ponendo l’accento sulla differenza concettuale tra produzione artistica e artigianato. Attraverso l’analisi delle fonti letterarie, verrà illustrato il parere degli antichi, il livello di apprezzamento e il favore goduto dalle singole produzioni con particolare attenzione alle eccellenze.
Saranno prese in esame le problematiche relative alla lavorazione artistica dei metalli preziosi e semi-preziosi (oro, argento, bronzo), delle pietre dure, del vetro e dei materiali di natura organica (osso, corno e avorio). Partendo da un’accurata disamina delle fonti, verrà ripercorso, per ciascun materiale, il processo di lavorazione dal reperimento della materia prima alla realizzazione del prodotto finito, con attenzione alle tecniche di fabbricazione e decorazione e al loro sviluppo diacronico.
Verranno quindi illustrate le categorie di manufatti prodotti (oggetti di arredamento, vasellame, monili e oggetti di abbigliamento) con inquadramento degli aspetti tipologici e discussione delle implicazioni socio-economiche.
Un’ultima parte del programma sarà dedicata alle procedure di prelievo sul campo, in fase di scavo, e agli accorgimenti di preservazione dei materiali, prima dell’effettivo restauro.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: L’insegnamento prevede lezioni frontali, con presentazioni Power Point che raccolgono abbondante materiale grafico e fotografico in modo da agevolare il riconoscimento dei materiali e la comprensione delle tecniche di lavorazione. Tale documentazione, in formato .pdf, sarà messa a disposizione in rete solo al termine del corso.
A integrazione delle lezioni frontali è prevista la visita di un Museo e/o di un Laboratorio di Restauro per un approccio diretto ai materiali.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Oltre allo studio dei testi indicati, lo studente dovrà prepararsi sugli appunti delle lezioni e sulla documentazione .pdf fornita al termine delle lezioni. Gli studenti che non siano in grado di frequentare sono invitati a concordare il programma d’esame con la docente.

Per approfondimento delle tematiche affrontate nelle lezioni si suggerisce la lettura dei seguenti contributi, oltre allo studio dei testi di riferimento indicati nello specifico campo:

Gleba M. 2008, Auratae vestes: gold textiles in the ancient Mediterranean, in Purpureae Vestes II. Vestidos, textiles y tintes. Estudios sobre la producción de bienes de consumo en la Antigüedad. Actas del II Symposium Internacional sobre Textiles y Tintes del Mediterráneo en el mundo antiguo (Atenas, 24-26 noviembre 2005), a cura di C. Alfaro, L. Karali, València, pp. 61-77.

Lippolis E. 2009, Oreficeria e società nel mondo greco, in Ornamenta 1. Oreficeria antica e medievale. Tecniche, produzione, società, a cura di I. Baldini Lippolis, M.T. Guaitoli, Imola (BO), pp. 35-70.

Papi E. 2002, La turba inpia: artigiani e commercianti del Foro Romano e dintorni (I sec. a.C. – 64 d.C.), in Journal of Roman Archaeology, 15, pp. 45-62.
Testi di riferimento:
  • Bejor G., Castoldi M., Lamburgo C., Panero E., Botteghe e artigiani. Marmorari, bronzisti, ceramisti e vetrai nell’antichità classica. Milano: Mondadori Università, 2012. Di questo testo solo i seguenti capitoli: 1 (pp. 1-26), 2 (pp. 27-62), 5 (pp. 209-223).
  • Papini M., Arte romana. Città di Castello (PG): Mondadori Università, 2016. Di questo testo solo i seguenti capitoli: 9 (pp. 279-284), 14 (pp. 384-400), 15 (pp. 401-423), 17 (pp. 450-466). Cerca nel catalogo