Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
COMUNICAZIONE
Insegnamento
COMUNICAZIONE PUBBLICA DELLA SCIENZA
SUP5070399, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
COMUNICAZIONE
IF0313, ordinamento 2015/16, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PUBLIC COMMUNICATION OF SCIENCE
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile FEDERICO NERESINI SPS/07

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative SPS/07 9.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 9.0 63 162.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 01/10/2018
Fine attività didattiche 18/01/2019

Syllabus
Prerequisiti: Il corso di studio non prevede propedeuticità.
Tuttavia, viene data per scontata la conoscenza dei concetti basilari e dei principali approcci teorici della sociologia.
Si presume, inoltre, una buona conoscenza della lingua inglese.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso si propone di fornire:
a) una conoscenza di carattere introduttivo relativa alla Public Communication of Science and Technology (PCST) nella prospettiva degli Science and Technology Studies (STS);
b) una conoscenza dei principali approcci teorici e degli strumenti concettuali più rilevanti per comprendere e valutare la comunicazione pubblica della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica, facendo riferimento al quadro teorico precedentemente acquisito(cfr punto a);
c) le abilità di base necessarie per l’utilizzo di opportuni strumenti di rilevazione ed elaborazione dati via web così da essere impiegati per la realizzazione di una buona comunicazione della scienza e della tecnologia. Per acquisire al meglio queste abilità è necessaria la frequenza delle lezioni.
Modalita' di esame: STUDENTI FREQUENTANTI:
la verifica dell’acquisizione delle conoscenze e delle abilità acquisite grazie alla frequenza del corso si articola in due fasi:
a) realizzazione di un post per un blog sulle controversie tecnoscientifiche di carattere pubblico, anche mediante l’utilizzo degli strumenti di rilevazione, elaborazione e analisi di dati sperimentati durante il corso;
b) a partire dal post di cui al punto precedente, discussione volta ad accertare la comprensione dei contenuti dei testi di riferimento che verranno indicati durante le lezioni. Verrà posta almeno una domanda per ciascuno dei contenuti del corso.

STUDENTI NON FREQUENTANTI:
la verifica dell’acquisizione delle conoscenze consiste in una prova scritta volta ad accertare la comprensione dei contenuti dei testi di riferimento.
La prova scritta avrà una durata massima di 2,5 ore e sarà composta da 6/8 domande aperte. Alla prova scritta potrà eventualmente seguire un'integrazione mediante colloquio con il docente, qualora la prova scritta presentasse aspetti da approfondire per una corretta valutazione.
Criteri di valutazione: Il livello di apprendimento degli studenti verrà valutato attraverso la combinazione dei seguenti criteri:
a) grado di conoscenza dei contenuti affrontati nel corso delle lezioni e/o nei testi di riferimento;
b) capacità di utilizzare concetti e approcci sociologici affrontati durante le lezioni e/o presenti nei testi di riferimento per interpretare sociologicamente i fenomeni oggetto di studio;
c) abilità di rielaborazione autonoma di concetti, modelli e teorie nel rispetto della loro formulazione originaria e della coerenza argomentativa;
d) capacità di utilizzo delle conoscenze e delle abilità acquisite durante il corso per la realizzazione di una buona comunicazione pubblica della scienza e della tecnologia (per i soli studenti frequentanti).

La proprietà di linguaggio e la correttezza sintattico-grammaticale sono considerate un ovvio prerequisito e sono dunque oggetto di valutazione da parte del docente, tanto nell’esposizione orale, quanto nell’elaborazione scritta.
Contenuti: Il corso si articola in tre parti:

a) la prima parte consiste in una rassegna di carattere introduttivo del complesso di attività legate alla comunicazione pubblica della scienza e della tecnologia (PCST), anche analizzando alcuni casi di studio;

b) nella seconda parte del corso l’attenzione si concentra sull’evoluzione della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica alla luce dei principali approcci sviluppati nell’ambito degli studi sociali sulla scienza e sulla tecnologia (STS), allo scopo di approfondire in una prospettiva più ampia i contenuti già affrontati nella prima parte;

c) data la loro importanza per la PCST, la terza parte del corso propone un approfondimento sul tema delle controversie tecno-scientifiche, vale a dire questioni di pubblico interesse nelle quali la scienza e la tecnologia giocano un ruolo di primo piano - come per esempio il cambiamento climatico, l’energia nucleare, lo sviluppo del web 2.0 e i social media, la realtà aumentata, le grandi opere. Verranno presentati anche strumenti di raccolta, elaborazione e analisi dei dati – principalmente disponibili sul web - utili allo scopo di analizzare tali controversie mostrandone le caratteristiche, l’evoluzione e l’articolazione in connessione con le problematiche comunicative. In questa prospettiva verranno presi in esame anche i processi di coinvolgimento degli stakeholder e dei cittadini per la governance delle controversie tecnoscientifiche.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Oltre alle tradizionali lezioni frontali, gli studenti verranno coinvolti attivamente in discussioni opportunamente sollecitate da letture, filmati e dalla partecipazione di esperti.

Agli studenti frequentanti verrà inoltre offerta la possibilità di imparare e di utilizzare alcuni strumenti per la raccolta, elaborazione e analisi di dati, con particolare riferimento a quelli disponibili sul web e ai cosiddetti digital methods.

Se il numero degli studenti frequentanti lo consentirà sarà organizzata una visita didattica presso un laboratorio di ricerca.

La frequenza è vivamente consigliata.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: PER GLI STUDENTI FREQUENTANTI:
indicazioni sui testi d'esame verranno fornite durante le lezioni;
i powerpoint presentati a lezione saranno disponibili nella pagina Moodle del Corso riservata agli studenti frequentanti;
nella pagina Moodle verrà inoltre caricata la bibliografia d'esame e quella utile a chi volesse approfondire gli argomenti trattati.
Testi di riferimento:
  • David J. Bennett and Richard C. Jennings (eds), Successful Science Communication: Telling It Like It Is. Cambridge: Cambridge University Press, 2011. Vanno preparati solo i seguenti capitoli: 1, 4, 6, 17, 19, 22, 26, 27.
  • Neresini F., Il nano-mondo che verrà. Verso la società nanotecnologica. Bologna: il Mulino, 2011. In alternativa a Neresini F., Magaudda P. (2011) e a Bucchi M., Neresini F. (2006) Cerca nel catalogo
  • Ancarani V., La scienza decostruita. Milano: Franco Angeli, 1996. Cerca nel catalogo
  • Neresini F., And Man descended from the Sheep. The Public Debate on Cloning in the Italian Press. --: PUBLIC UNDERSTANDING OF SCIENCE, 9, pp.359-382, 2000. In alternativa a Neresini F., K. Dimopoulos, M. Kallfass, HP. Peters (2009) e a Tiozzo B., Mari S., Magaudda P., ... (2011)
  • Neresini F., K. Dimopoulos, M. Kallfass, HP. Peters, Exploring a Black Box. Cross-national Study of Visits Effects on Visitors to Large Physics Research Centers in Europe. --: SCIENCE COMMUNICATION, 30, 4, 506-533, 2009. In alternativa a Neresini F. (2000) e a Tiozzo B., Mari S., Magaudda P., ... (2011)
  • Tiozzo B., Mari S., Magaudda P., Arzenton A., Capozza D., Neresini F., Ravarotto L., Development and Evaluation of a Risk-Communication Campaign on Salmonellosis. --: FOOD CONTROL, 22, 1, pp.109-117, 2011. In alternativa a Neresini F. (2000) e a Neresini F., K. Dimopoulos, M. Kallfass, HP. Peters (2009)
  • Bucchi M., Neresini F. (a cura di), Cellule e cittadini. Milano: Sironi, 2006. Preparare solo i capitoli 1, 2, 3, 5 - In alternativa a Neresini F., Magaudda P. (2011) e Neresini (2011)
  • Neresini F., Magaudda P. (a cura di), La scienza sullo schermo. La rappresentazione della tecnoscienza nella televisione italiana. Bologna: il Mulino, 2011. Preparare solo i capitoli I, III, IV, V - In alternativa a Bucchi M., Neresini F. (2006) e a Neresini (2011)
  • Lorenzet A., Il lato controverso della tecnoscienza. Nanotecnologie, biotecnologie e grandi opere nella sfera pubblica. Bologna: il Mulino, 2013. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Case study
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)
  • uso Google Trends; software AntConc e OutWit Hub