Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
STORIA E TUTELA DEI BENI ARTISTICI E MUSICALI
Insegnamento
FORME DELLA POESIA PER MUSICA
LE06103404, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
STORIA E TUTELA DEI BENI ARTISTICI E MUSICALI
LE1855, ordinamento 2011/12, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese FORMS OF POETRY FOR MUSIC
Sito della struttura didattica http://www.beniculturali.unipd.it/www/homepage/
Dipartimento di riferimento Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica (DBC)
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/scienzeumane/course/view.php?idnumber=2017-LE1855-000ZZ-2016-LE06103404-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile PAOLA DESSI' L-ART/07

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE06103404 FORME DELLA POESIA PER MUSICA PAOLA DESSI' LE0611
LE06103404 FORME DELLA POESIA PER MUSICA PAOLA DESSI' LE0598
LE06103404 FORME DELLA POESIA PER MUSICA PAOLA DESSI' LE0606

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline relative ai beni storico-archeologici e artistici, archivistici e librari, demoetnoantropologici e ambientali L-ART/07 6.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 6.0 42 108.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 02/10/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
4 2015/17 01/10/2016 30/11/2017 DESSI' PAOLA (Presidente)
LOVATO ANTONIO (Membro Effettivo)
VALENTINI ANNA (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti: Conoscenza di base della lingua poetica italiana; lineamenti generali di storia della letteratura italiana; lineamenti generali di storia e grammatica della musica d’arte occidentale.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Conoscenza delle forme poetiche destinate all’intonazione musicale e delle forme musicali che si avvalgono di testi poetici. Acquisizione di competenze di tipo letterario (capacità di effettuare analisi linguistiche, metriche, retoriche e stilistiche) e di tipo musicale. Analisi dei rapporti testo-musica e affinamento delle capacità di ascolto.
Modalita' di esame: La verifica dell’apprendimento avverrà: in itinere, durante le esercitazioni e lavori di gruppo su testi poetici messi in musica e ascolti musicali; durante l’esame, attraverso un colloquio orale che verterà sugli argomenti affrontati durante il corso e sulla bibliografia concordata con il docente.

NB: GLI STUDENTI NON FREQUENTANTI E GLI STUDENTI IN DEBITO D'ESAME DEVONO CONTATTARE IL DOCENTE PER CONCORDARE IL PROGRAMMA PRIMA DI ISCRIVERSI ALL'APPELLO D'ESAME.
Criteri di valutazione: La valutazione della preparazione dello studente si baserà sull'acquisizione della metodologia d'analisi proposta e sulla capacità di applicarla in maniera autonoma al fine di comprendere le peculiarità strutturali (metriche, poetiche e musicali) e stilistiche dei vari brani in programma, all’interno del più generale problema dei rapporti fra poesia e musica. I saggi in programma, la cui lettura è obbligatoria, serviranno ad approfondire e chiarire tale rapporto.
Contenuti: Attraverso letture, analisi e ascolti di brani significativi, il corso intende guidare lo studente nello studio delle principali forme musicali che, dal Medioevo al Novecento, si avvalgono di testi poetici, con l’obiettivo di acquisire una sicura conoscenza dei seguenti contenuti:
1 - elementi di retorica e versificazione della lingua poetica italiana;
2 - principali forme poetiche liriche e narrative (ballata, madrigale, canzone, sonetto, ottava ecc.);
3 - rapporto tra poesia e musica sul piano della struttura rimico-metrica e in relazione al contenuto semantico del testo;
4 - metodo e criteri di analisi da applicare ai testi poetici messi in musica;
5 - le ballate di Boccaccio in musica nel Cinquecento e ai giorni nostri.

Repertorio

A) Madrigale e ballata del Trecento
Jacopo da Bologna, Non al suo amante più diana piacque (Petrarca)
Francesco Landini, Non avrà ma' pietà

B) Canzone
Bernard de Ventadorn, Can vei la lauzeta mover
Guillaume Dufay, Vergine bella (Petrarca)

C) Madrigale del Cinquecento (su diverse forme poetiche)
Luca Marenzio, Non al suo amante più diana piacque (Petrarca)
Cipriano de Rore, O sonno (Giovanni Della Casa)
Luca Marenzio, Vezzosi augelli (Tasso)
Luca Marenzio, Ov'è condotto il mio amoroso stile? (Petrarca)
Luca Marenzio, Se la mia vita da l'aspro tormento (Petrarca)

D) Le ballate di Boccaccio in musica
1542: Domenico Ferabosco, Io mi son giovinetta
1555: Pier Luigi da Palestrina, Già fu chi mi ebbe cara
1603: Claudio Monteverdi, Io mi son giovinetta
2013: Riondino - Fiorilla, Umana cosa (Radio3)

Il contenuto del corso si articolerà in tre parti. Dopo un'introduzione di natura storiografica sulla problematica del rapporto testo/musica, il corso prenderà avvio dallo studio dei fondamenti della metrica italiana: versi, rime, accenti. Seguirà l'acquisizione sistematica e comparativa delle principali forme poetiche poste in musica, secondo una prospettiva storica che partendo dalla forme medievali arriverà al Novecento. Un primo approfondimento sarà dedicato allo studio analitico del madrigale musicale del Cinquecento, esempio di genere durchkomponiert su diverse forme poetiche. La produzione madrigalistica a quattro voci di Luca Marenzio costituirà l’oggetto delle esercitazioni di gruppo volte a consolidare le competenze, il metodo e i criteri di analisi sin qui acquisiti. L’analisi dei testi e delle musiche insieme all’illustrazione dei presupposti teorici saranno sempre affiancati da considerazioni sul rapporto tra testo e musica specifico di ogni brano musicale. Si passerà infine al secondo approfondimento dedicato alle ballate del Decameron di Boccaccio poste in musica in epoche diverse sulla base delle differenti poetiche dei musicisti.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali e seminariali condotte principalmente attraverso ascolti basati sulla lettura critica dei testi poetici e dei testi musicali con impiego di tecnologie multimediali, registrazioni audio e video, proiezione di testi poetici e di partiture musicali.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Materiali e bibliografia specifica per l’analisi degli esempi poetico-musicali saranno forniti durante le lezioni.

Saggi, spartiti e ascolti saranno disponibili in versione digitale (pdf, mp3) scaricabile dalla piattaforma Moodle (previa richiesta via email al docente della password d'accesso).

Gli ascolti sono OBBLIGATORI. Gli studenti di qualunque indirizzo dovranno ascoltare con attenzione, affiancando l’ascolto alla lettura dei testi; gli studenti dell’indirizzo musicologico uniranno all’ascolto anche la lettura dello spartito o della partitura.
Testi di riferimento:
  • La_Via, Stefano, Poesia per musica e musica per poesia. Dai trovatori a Paolo Conte. Roma: Carocci, 2006. (contenuto del CD: capitoli 4.1, 4.2, 4.3 compresi esempi, tabelle e ascolti richiamati nel testo) Cerca nel catalogo
  • R. Dalmonte, Musica e parole in Enciclopedia della musica, diretta da J.J. Nattiez, II: Il sapere musicale. Torino: Einaudi, 2002. pp. 185-205 Cerca nel catalogo
  • Praloran, Marco, Metro e ritmo nella poesia italianaguida anomala ai fondamenti della versificazioneMarco Praloran. Firenze: Edizioni del Galluzzo per la Fondazione Ezio Franceschini, 2011. pp. 59-65 Cerca nel catalogo
  • M. Gozzi, Sul rapporto testo-musica nel Trecento italiano: il caso del madrigale petrarchesco "Non al so amante intonato da Jacopo da Bologna". «Polifonie»: IV/3, 2004. pp. 165-195 Cerca nel catalogo
  • F. Piperno, Boccaccio in musica nel Cinquecento: fortuna e recezione delle ballate del Decameron, in Atti e memorie dell’Arcadia, 2. Roma: Edizioni di storia e letteratura, 2013. pp. 61-100
  • S. Argurio, Il Decameron tra racconto e musica. Silvia Argurio intervista Maurizio Fiorilla.. --: --, --. <http://www.insulaeuropea.eu/letture/argurio_fiorilla/argurio_fiorilla.html>
  • Un manuale di metrica a scelta. Consigliato: P.G. Beltrami, La metrica italiana. Bologna: Il Mulino, 1994. e rist. (cap. 1, 3-4) Cerca nel catalogo
  • Un manuale di metrica a scelta. Consigliato: P.G. Beltrami, Piccolo dizionario di Metrica. Bologna: Il Mulino, 2015. Cerca nel catalogo
  • --, Umana cosa. --: --, --. <http://www.radio3.rai.it/dl/radio3/programmi/PublishingBlock-1fd6c3cf-685b-4023-8369-a5b73d949860.html> Cerca nel catalogo