Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze
GEOLOGIA E GEOLOGIA TECNICA
Insegnamento
APPLICAZIONI MINERO-PETROGRAFICHE A MATERIALI INDUSTRIALI
SCO2045758, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
GEOLOGIA E GEOLOGIA TECNICA
SC1180, ordinamento 2009/10, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese MINERALOGICAL AND PETROGRAPHICAL APPLICATIONS FOR INDUSTRIAL MATERIALS
Sito della struttura didattica http://www.geoscienze.unipd.it/corsi/corsi-di-laurea-di-secondo-livello
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Geoscienze
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MARIA CHIARA DALCONI GEO/06

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline mineralogiche, petrografiche e geochimiche GEO/06 2.0
CARATTERIZZANTE Discipline mineralogiche, petrografiche e geochimiche GEO/07 2.0
CARATTERIZZANTE Discipline mineralogiche, petrografiche e geochimiche GEO/09 2.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LABORATORIO 1.5 24 13.5 2
LEZIONE 4.5 36 76.5 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 01/10/2018
Fine attività didattiche 18/01/2019

Syllabus
Prerequisiti: Sono consigliabili le nozioni e le competenze apprese dai corsi di Mineralogia e Metodologie analitiche.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso viene sviluppato in modo da fornire allo studente le conoscenze minime affinché possa condurre in modo autonomo la caratterizzazione di materiali policristallini di interesse industriale (ceramici e cementi Portland) tramite tecniche diffrattometriche avanzate e tecniche petrografiche (analisi quantitativa di immagini SEM).

Le conoscenze che lo studente acquisirà riguardano:
1) approfondimento della diffrazione di raggi X da polveri
2) analisi qualitativa e quantitativa dei dati di diffrazione da polveri (metodo Rietveld)
3) metodi di analisi granulometrica e termoponderale
4) analisi quantitativa di immagini SEM
5) processo produttivo ceramico, classificazione e riconoscimento dei materiali ceramici
6) il cemento Portland, processo produttivo, classificazione dei cementi, tecniche di caratterizzazione.

Le abilità che lo studente inizierà ad acquisire riguardano:
1) condurre in modo autonomo analisi qualitative e quantitative su materiali policristallini
2) valutazione critica dei risultati ottenuti e stesura di una relazione di analisi.
Modalita' di esame: La verifica delle conoscenze acquisite avviene attraverso una prova pratica integrata con prova orale.
La prova pratica consiste nello svolgimento di:
1) analisi quantitativa su dati di diffrazione da polveri con metodo Rietveld
2) analisi quantitativa di immagini SEM.

La prova orale riguarda la discussione critica dei risultati ottenuti con domande aperte sugli argomenti trattati nel corso.
Criteri di valutazione: Si terrà conto di:
1) appropriatezza terminologica nel descrivere i vari argomenti trattati
2) comprensione degli argomenti trattati
3) completezza delle conoscenze acquisite
Contenuti: I contenuti del programma possono essere suddivisi nelle seguenti parti:
1) Materiali ceramici industriali tradizionali: materie prime, processi produttivi e prodotti finiti (1 CFU.)
Verranno forniti gli strumenti per caratterizzare su base diffrattometrica e di analisi termiche le argille di partenza, e per definire i caratteri minero-petrografici, nonché fisico-meccanici dei prodotti ceramici finiti.
2) Leganti idraulici moderni: il cemento Portland (1 CFU). Processi di produzione, reazioni di idratazione, proprietà fisiche della pasta di cemento, classificazione dei cementi, introduzione ai calcestruzzi.
3) Approfondimento della diffrazione dei raggi X su materiali policristallini (1 CFU).
Geometrie strumentali e strategie di misura, modalità di esecuzione di analisi qualitative sulle argille e sui cementi, ed analisi quantitative tramite metodi basati sulle intensità integrate e metodo Rietveld.
4) Analisi d’immagine attraverso metodi di segmentazione manuale, supervisionata, non supervisionata, di immagini in 8 bit e multispettrali (1 CFU).
5) Attività di laboratorio rivolta all’analisi dei prodotti ceramici (1 CFU).
6) Attività di laboratorio rivolta all’analisi qualitativa e quantitativa dei cementi (1 CFU).
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali ed esercitazioni pratiche per la preparazione dei campioni, l’esecuzione delle misure e l’utilizzo dei programmi di analisi qualitativa e quantitativa dei dati.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Testi, slide delle lezioni e articoli scientifici forniti dal docente durante il corso
Testi di riferimento:
  • A. Gagliardi e N. Masciocchi, Analisi di Materiali Policristallini Mediante Tecniche di Diffrazione. Insubria: Insubria University Press, 2007.
  • H. F. W. Taylor, Cement Chemistry. --: Accademic Press, 1990. Cerca nel catalogo
  • Robert Alan Young, The Rietveld Method. --: Oxford University Press, 1990. Cerca nel catalogo
  • Fabbri Bruno e Dondi Michele, Caratteristiche e difetti del laterizio. Faenza: Faenze Gruppo Editoriale, 2006. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Laboratory
  • Problem based learning
  • Case study
  • Questioning
  • Quiz o test a correzione automatica per feedback periodico o per esami
  • Active quiz per verifiche concettuali e discussioni in classe
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)
  • High Score Plus; ImageJ; Multispec

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Industria, innovazione e infrastrutture Consumo e produzione responsabili Agire per il clima