Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
STRATEGIE DI COMUNICAZIONE
Insegnamento
COMUNICAZIONE SOCIALE
LE01122488, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
STRATEGIE DI COMUNICAZIONE
IF0315, ordinamento 2015/16, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese SOCIAL COMMUNICATION
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MARIA CARLA BERTOLO SPS/07

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Teorie e tecniche dell'informazione e della comunicazione SPS/07 9.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 9.0 63 162.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 02/10/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018

Syllabus
Prerequisiti: Interesse per una prospettiva che applica conoscenze sociologiche alla comunicazione che si occupa di temi di interesse generale, orientamenti culturali, rappresentazioni sociali e comportamenti di respons-ability.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Competenze concettuali e metodologiche per progettare comunicazione sociale su temi di interesse generale e della promozione dei diritti;
- strumenti per realizzare finalità di comunicazione quali: generare sensibilizzazione e consapevolezza diffusa; sostenere processi di cambiamento di comportamenti e/o di rafforzamento di princìpi e diritti condivisi;
- applicazione delle conoscenze acquisite per l’analisi delle problematiche comunicative.
Modalita' di esame: Per i NON FREQUENTANTI: L’esame si svolge in forma orale e consiste nella discussione dei testi indicati in bibliografia CON LA SPECIFICA: (*) obbligatorio per i NON FREQUENTANTI
Nel colloquio sarà valutata la conoscenza delle teorie, dei concetti e dei termini adeguati per l’analisi di questo campo di studio e per le sue concrete applicazioni

Per I FREQUENTANTI: L’esame si svolge in forma orale e consiste
a) nella discussione di alcuni testi indicati in bibliografia (che saranno indicati durante il corso);
b) nella discussione di un progetto che sarà concordato durante il corso.
Criteri di valutazione: In sede di esame verrà valutata la competenza acquisita riguardo alla prospettiva sociale della comunicazione, ai concetti e alle criticità che sottendono il processo comunicativo:
- tanto dal punto di vista delle questioni di cultura e socio-tecniche da tenere in considerazione (compresa l'appropriatezza dei termini disciplinari);
- quanto dal punto di vista della capacità di elaborazione personale realizzata grazie alla lettura integrata dei diversi testi.
Per i frequentanti si terrà conto anche della partecipazione in aula.
Contenuti: Il corso si focalizza sull’analisi degli attori, dei temi-oggetto , degli strumenti che caratterizzano il campo della comunicazione sociale e che la distinguono da altre tipologie (per esempio, comunicazione istituzionale, pubblicità commerciale e marketing profit).
L’analisi di casi empirici, riguardanti tematiche di interesse generale e della promozione dei diritti, offrirà l’opportunità di approfondire e di sperimentare elementi teorici e metodologici condivisi, e di focalizzare la specificità dei processi comunicativi in ambito sociale, con particolare riferimento a iniziative del settore pubblico (per la pubblicità sociale) e del terzo settore (il focus specifico sarà precisato durante il corso).
Verranno approfonditi alcuni casi (e relativi strumenti) che rappresentano la stretta connessione tra comunicazione sociale e comunicazione organizzativa (per esempio: il caso “Social Day”)
La materia viene approfondita nelle specificità disciplinari, focalizzando i nodi per i quali l’azione comunicativa interagisce con processi influenti per la qualità della vita individuale, collettiva e relazionale. Tematiche affrontate: definizione del campo disciplinare; analisi delle potenzialità e delle criticità della comunicazione sociale; dinamiche influenti nelle relazioni tra soggetti-pratiche- organizzazioni; analisi dell’interazione tra attori; linguaggi/strumenti / esiti; le pratiche dell’ascolto; il processo di pianificazione e di realizzazione delle campagne sociali; strategie di collaborazione con i media, strategie di collaborazione tra Non Profit e Profit.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: a) lezioni, discussioni in aula, esposizioni di materiali bibliografici e documentari;
b) approfondimenti teorico-metodologici di tematiche esemplificative;
c) presentazione di approfondimenti critici da parte di frequentanti;
d) (eventuali) incontri con testimonial.
Le conoscenze fornite verranno applicate all'analisi di materiali riguardanti campagne sociali, discussi e commentati in aula, al fine di favorire la capacità argomentativa e di verificare in itinere le competenze acquisite.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Alcuni materiali sono disponibili in pdf. Contattate la docente via email.

I testi 'base' per i NON FREQUENTANTI sono identificati nella bibliografia con (°) nella sezione 'note'
Testi di riferimento:
  • Bertolo Carla, Oltre l'evento l'esperienza. Padova: CLEUP, 2014. pp. 7-84 - (*) obbligatorio per i NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Bertolo Carla (a cura di), Comunicazioni sociali, ambiguità, nodi e prospettive. Padova: CLEUP, 2008. capitoli 3 e 4
  • Boltanski L., “The Legitimacy of Humanitarian Actions and their Media Representations: The Case of France”. Lovanio: Ethical Perspectives, n.7(1), pp. 3-16, 2000. reperibile all'indirizzo: http://www.ethical-perspectives.be/
  • Cucco E., Pagani R., Paquali M., Primo rapporto sulla comunicazione sociale in Italia. Torino: Rai-Eri, 2005. capitoli 1 e 7 - (*) obbligatorio per i NON FREQUENTANTI
  • Cucco E., Pagani R., Paquali M., Soggia A., Secondo rapporto sulla comunicazione sociale in Italia. Roma: Carocci, 2011. capitoli 7 e 8
  • Lefebvre R. C., “Transformative social marketing: co-creating the social marketing discipline and brand”. Bingley UK: Journal of Social Marketing, 2(2), pp. 118-129, 2012. reperibile all'indirizzo: http://www.emeraldinsight.com/journal/jsocm - (*) obbligatorio per i NON FREQUENTANTI
  • Gadotti, Giovanna; Bernocchi, Roberto, La pubblicità sociale, maneggiare con cura. Roma: Carocci, 2010. Cerca nel catalogo
  • Pugelli F.R., Sobrero R., La comunicazione sociale. Roma: Carocci, 2010.
  • Kassirer J., Lagarde, F., Changing transportation behaviours - A social marketing planning guide. Ottawa: --, 2010. disponibile in pdf - contattare la docente
  • Peruzzi G., Volterrani G., La comunicazione sociale. Roma-Bari: Laterza, 2016. (*) obbligatorio per i NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Bauman Z., Il secolo degli spettatori. Il dilemma globale della sofferenza umana. Bologna: Centro Editoriale Dehoniano, 2015. (*) obbligatorio per i NON FREQUENTANTI