Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SCIENZE STORICHE
Insegnamento
HISTORY OF THE EARLY MIDDLE AGES
SUP7078657, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE STORICHE (Ord. 2017)
LE0607, ordinamento 2017/18, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HISTORY OF THE EARLY MIDDLE AGES
Sito della struttura didattica http://www.dissgea.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Storiche Geografiche e dell'Antichità (DISSGeA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione INGLESE
Sede PADOVA

Docenti
Responsabile MARIA CRISTINA LA ROCCA M-STO/01

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso
SUP7078118 HISTORY OF THE EARLY MIDDLE AGES MARIA CRISTINA LA ROCCA LE0616
SUP7078118 HISTORY OF THE EARLY MIDDLE AGES MARIA CRISTINA LA ROCCA LE0611
SUP7078118 HISTORY OF THE EARLY MIDDLE AGES MARIA CRISTINA LA ROCCA LE0612
SUP7080217 HISTORY OF THE EARLY MIDDLE AGES MARIA CRISTINA LA ROCCA IA1862
SUP7078118 HISTORY OF THE EARLY MIDDLE AGES MARIA CRISTINA LA ROCCA LE0613

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Storia generale ed europea M-STO/01 9.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 9.0 63 162.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 03/10/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018

Syllabus
Prerequisiti: Capacità di inquadrare storicamente il fenomeno esaminato, sotto il profilo delle diverse evidenze (scritte e materiali) coeve e successive; capacità di esaminare le diverse impostazioni storiografiche.
Capacità di analisi di testi scritti altomedievali, sotto il profilo del vocabolario utilizzato, della tradizione testuale e dei suoi diversi significati nel tempo.
Capacità di confrontare le evidenze delle fonti scritte con quelle derivanti dalle fonti archeologiche.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Capacità di inquadrare storicamente il fenomeno esaminato, sotto il profilo delle diverse evidenze (scritte e materiali) coeve e successive; capacità di esaminare le diverse impostazioni storiografiche.
Capacità di analisi di testi scritti altomedievali, sotto il profilo del vocabolario utilizzato, della tradizione testuale e dei suoi diversi significati nel tempo.
Capacità di confrontare le evidenze delle fonti scritte con quelle derivanti dalle fonti archeologiche.
Modalita' di esame: L'esame finale è orale.
Criteri di valutazione: Si valuteranno: capacità di inquadrare storicamente il fenomeno esaminato, sotto il profilo delle diverse evidenze (scritte e materiali) coeve e successive presentate nel corso; capacità di esaminare le diverse impostazioni storiografiche.
Capacità di analisi di testi scritti altomedievali, sotto il profilo del vocabolario utilizzato, della tradizione testuale e dei suoi diversi significati nel tempo.
Capacità di confrontare le evidenze delle fonti scritte con quelle derivanti dalle fonti archeologiche.
Capacità di esprimersi con una terminologia appropriata.
Contenuti: Titolo del corso:Dreams of power and the power of dreams between Late Antiquity and the Early Middle Ages (300-1100 ca.)
Il sonno e i sogni furono un tema costantemente fonte di ansie nei testi tardoantichi e altomedievali. I sogni erano pensati come strumenti importanti per comunicare con altri mondi e realtà, ma erano pure uno strumento chiave per contestare il potere politico. Si tratta naturalmente di sogni 'scritti' un genere che fu utilizzato con una variabile frequenza e per una varietà di scopi. A partire dalla letteratura Patristica, i sogni divennero sia i contesti di azioni, parole e ordini che non si sarebbero potuti verificare nel mondo tereno, sia il mezzo privilegiato per indirizzare e guidare le azioni della vita reale, in altri termini, per condizionare e progettare il futuro. Il corso si articola in tre parti: 1. Tradizione: si esamineranno i modelli testuali tardoantichi dei sogni e della loro interpretazione. 2. Il setting dei sogni: si esamineranno le caratteristiche strutturali dei sogni: luoghi, identità dei sognatori; identità degli autori. 3. Sogni politici: sarà esaminata la specificità dei sogni politici di età carolingia.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Le lezioni comprenderanno un gruppo di ore di insegnamento frontale (circa 20); saranno seguite da un gruppo di lezioni di andamento seminariale che comprenderanno la lettura di testi e la loro discussione collettiva. Gli articoli e le fonti saranno disponibili sulla piattaforma Moodle del corso.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: La bibliografia elencata al punto 'Testi di riferimento' si riferisce all'esame degli studenti non frequentanti.
I materiali per le lezioni seminariali e gli studenti frequentanti saranno versati sulla piattaforma Moodle del corso.
Testi di riferimento:
  • Dutton, Paul Edward, The politics of dreaming in the Carolingian empire. Lincoln: University of Nebraska press, --. Cerca nel catalogo
  • Keskiaho, Jesse, Dreams and visions in the early Middle Agesthe reception and use of patristic ideas, 400-900J. Cambridge: Cambridge University Press, 2015.
  • Gasparri, Stefano; La_Rocca, Cristina, Tempi barbaricil'Europa occidentale tra antichità e medioevo (300-900). Roma: Carocci, 2012.