Insegnamento
EUROPEAN AND TRANSNATIONAL CRIMINAL LAW
GIP4063907, A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Laurea magistrale ciclo unico 5 anni in
GIURISPRUDENZA (Ord. 2014)
GI0270, ordinamento 2014/15, A.A. 2016/17
1143405
Curriculum GENERICO - SEDE DI TREVISO [999TV]
Crediti formativi 6.0
Denominazione inglese EUROPEAN AND TRANSNATIONAL CRIMINAL LAW
Sito della struttura didattica http://www.giurisprudenza.unipd.it
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione INGLESE
Sede TREVISO

Docenti
Responsabile ROCCO ALAGNA IUS/17

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso
GIP4063907 EUROPEAN AND TRANSNATIONAL CRIMINAL LAW ROCCO ALAGNA GI0270

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINI O INTEGRATIVE D.M.270/04 Attività formative in ambiti disciplinari affini o integrativi a quelli di base e caratterizzanti, anche con riguardo alle culture di contesto e alla formazione interdisciplinare IUS/17 6.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 6.0 48 102.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 27/02/2017
Fine attività didattiche 09/06/2017

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
7 A.A. 2017/18 sede di Treviso 02/10/2017 30/09/2018 ALAGNA ROCCO (Presidente)
BORSARI RICCARDO (Membro Effettivo)
PROVOLO DEBORA (Membro Effettivo)
SILVA CHIARA (Supplente)
6 A.A. 2016/17 sede di Treviso 03/10/2016 30/09/2017 ALAGNA ROCCO (Presidente)
BORSARI RICCARDO (Membro Effettivo)
PROVOLO DEBORA (Membro Effettivo)
SILVA CHIARA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: E' propedeutico l'esame di Diritto penale 1.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso mira a fornire agli studenti un¹adeguata conoscenza e capacità di comprensione della
risposta giuridica internazionale, sovranazionale ed europea al crimine
transnazionale, estendendo e rafforzando le conoscenze precedentemente
acquisite nelle materie connesse (come il diritto penale). Il corso intende
altresì incoraggiare gli studenti ad integrare la conoscenza giuridica negli
ambiti rilevanti con la conoscenza di discipline correlate in una
prospettiva multidisciplinare e co-disciplinare.
Il corso mira inoltre a fornire agli studenti la capacità di applicare tale
conoscenza e comprensione, unitamente alla capacità di problem solving, alla
giurisprudenza sovranazionale. Più specificatamente, anche alla luce dei
c.d. ³descrittori di Dublino², il corso mira a fornire agli studenti le
seguenti capacità:
- acquisire consapevolezza critica circa le problematiche inerenti la lotta
al crimine transnazionale a livello europeo e sovranazionale;
- integrare la conoscenza con ambiti nuovi o interdisciplinari (quali
diritto internazionale, diritto europeo, diritto costituzionale, sociologia
o criminologia) al fine di pervenire alla diagnosi di problemi fondata sulla
ricerca;
- formulare giudizi anche sulla base di informazioni limitate o incomplete,
posto che gli studenti esamineranno le decisioni delle Corti senza avere una
previa conoscenza o informazione sul caso specifico e sulle questioni
connesse;
- valutare la performance strategica di gruppo (per coloro che
parteciperanno alle simulazioni di processi, c.d. moot court);
- dimostrare autonomia di apprendimento, poiché verrà data agli studenti
l¹opportunità di scegliere taluni materiali di studio e taluni casi da
trattare autonomamente (specialmente nella simulazione di processi, v.
sotto), in base alle loro preferenze, sebbene sempre consigliati dal
docente;
- comunicare in modo chiaro e privo di ambiguità risultati, metodologie,
nonchè la ratio ad essi sottesa, al docente e ai loro colleghi all¹esame
orale finale e nella simulazione di processi.
Modalita' di esame: L'esame consisterà in un colloquio orale su due degli argomenti trattati durante il corso.
Criteri di valutazione: Al ine del superamento dell'esame gli studenti dovranno dimostrare:
- adeguato livello di conoscenza della materia;
- adeguata capacità di applicare principi e norme ai casi concreti;
- adeguata capacità di comunicare le conoscenze acquisite.
Contenuti: 1. Definizione di crimine globale, internazionale e transnazionale.
2. Caratteri e forme del crimine transnazionale.
2.1. Le più rilevanti fattispecie di reato transnazionale (crimine
organizzato, terrorismo, corruzione, traffico di persone, traffico di
migranti, manifattura e traffico illeciti di armi, sfruttamento e abuso
sessuale di minori, etc.).
3. Fonti di diritto internazionale e sovranazionale sulla prevenzione e
repressione del crimine transnazionale (fra cui le Convenzioni ONU e del
Consiglio di Europa, le Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza ONU e le
decisioni della Corte europea dei diritti dell'uomo).
4. Fonti e competenze dell'Unione Europea nella lotta contro il crimine
transnazionale (fra cui, Trattato di Lisbona, fonti primarie e secondarie
del diritto UE e decisioni della Corte di giustizia UE).
5. Armonizzazione e cooperazione in materia penale e ruolo degli
ordinamenti nazionali nella lotta al crimine transnazionale.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Gli studenti frequentanti saranno attivamente coinvolti nella
discussione di casi e materiali distribuiti durante il corso.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: N. BOISTER, An Introduction to Transnational Criminal Law, Oxford,
Oxford University Press 2012;
V. MITSILEGAS, EU Criminal Law, Oxford, Hart 2009.
Testi di riferimento:
  • N. Boister, An Introduction to Transnational Criminal Law,. Oxford: Oxford University Press, 2012. Cerca nel catalogo
  • V. MITSILEGAS, EU Criminal Law. Oxford: Oxford University Press, 2009. Cerca nel catalogo