Insegnamento
STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIEVALE ARABA
LEL1000502, A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE DELLE RELIGIONI
IA0280, ordinamento 2011/12, A.A. 2017/18
1162463
Crediti formativi 6.0
Denominazione inglese HISTORY OF ARABIC MEDIAEVAL PHILOSOPHY
Sito della struttura didattica http://www.dissgea.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Storiche Geografiche e dell'Antichità (DISSGeA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA

Docenti
Responsabile CECILIA MARTINI

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso
LEL1000502 STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIEVALE ARABA CECILIA MARTINI LE0614

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline storiche e filosofiche, antropologiche, geografiche, psicologiche e sociologiche M-FIL/08 6.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 6.0 42 108.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 26/02/2018
Fine attività didattiche 01/06/2018

Syllabus
Prerequisiti: La conoscenza della lingua araba non è richiesta, ma è vivamente consigliata la frequenza del laboratorio di Arabo base. Introduzione all'Arabo classico che si terrà nel primo semestre dell'A.A. 2017-2018.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Gli obiettivi di questo insegnamento sono i seguenti:
(1) conoscere le fasi, le caratteristiche, gli autori, i testi e i temi principali della tradizione filosofica araba dell'Islam medievale (VIII-XII sec);
(2) saper analizzare e comprendere alcuni testi della tradizione filosofica araba in traduzione italiana.
Modalita' di esame: L'esame sarà orale e consisterà in un colloquio individuale della durata di circa 30 (trenta) minuti.
Criteri di valutazione: La valutazione esprimerà, nel voto, il livello di raggiungimento degli obiettivi prefissati (si veda la sezione “Conoscenze e abilità da acquisire”). Completezza di informazione, precisione di analisi concettuale e correttezza terminologica saranno considerate condizioni indispensabili per una valutazione alta.
Contenuti: A lezione saranno svolte le seguenti unità didattiche:

42 ore
(1) La filosofia tardo antica e il problema della 'translatio studiorum' in terra d'Islam
(2) Il movimento di traduzione durante il califfato ‘abbaside (IX-XI sec.).
(3) La filosofia di al-Kindī (c. 800-870).
(4) Gli aristotelici di Baghdad (X sec.).
(5) Il pensiero di al-Fārābī (c. 870-950).
(6) Avicenna (c. 980-1037).
(7) Al-Ġazālī (1058-1111).
(8) Al-Suhrawardī (1154-1191).
(9) La tradizione andalusa e Ibn Tufayl (1105-1185).
(10) Averroè (1126-1198).
(11) La trasmissione della filosofia araba dalla Spagna musulmana alle università del XIII secolo.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il metodo didattico prevalente sarà la lezione frontale. Le lezioni includeranno la lettura e il commento scientifico di alcune pagine significative degli autori considerati. La frequenza è vivamente consigliata.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Ulteriori indicazioni bibliografiche potranno essere fornite durante lo svolgimento del corso. Gli studenti non frequentanti dovranno prendere contatto con la docente per concordare il programma d'esame.
Testi di riferimento:
  • AA.VV., Storia della filosofia nell'Islam medievale. Volume primo, a cura di C. D'Ancona. Torino: Einaudi, 2005. A lezione saranno indicati i capitoli da portare per l'esame finale. Cerca nel catalogo
  • AA.VV., Storia della filosofia nell'Islam medievale. Volume secondo, a cura di C. D'Ancona. Torino: Einaudi, 2005. A lezione saranno indicati i capitoli da portare per l'esame finale. Cerca nel catalogo