Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
SCIENZE POLITICHE
POLITICA INTERNAZIONALE E DIPLOMAZIA
Insegnamento
STORIA DIPLOMATICA
SPN1032728, A.A. 2011/12

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2011/12

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
POLITICA INTERNAZIONALE E DIPLOMAZIA
SP1426, ordinamento 2008/09, A.A. 2011/12
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese DIPLOMATIC HISTORY
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile CARLA MENEGUZZI

Moduli che appartengono al corso integrato
Codice Insegnamento Responsabile
SPN1032729 STORIA DIPLOMATICA 1 CARLA MENEGUZZI
SPN1032730 STORIA DIPLOMATICA 2 FRANCESCO PETRINI

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione  
Anno di corso  

Calendario
Inizio attività didattiche 26/09/2011
Fine attività didattiche 16/06/2012
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2018/19 Ord.2008

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus: STORIA DIPLOMATICA 1
Prerequisiti: Una adeguata conoscenza della storia delle Relazioni internazionali del XX secolo ottenuta avendo superato i relativi esami di storia delle relazioni internazionali e/o storia dell' organizzazione internazionale.
Risultati di apprendimento previsti: Obiettivo del corso è analizzare il periodo della distensione dalla fine degli anni ’60 alla conclusione del processo di Helsinki (1975): influenza dei fattori strutturali, degli attori statuali, ruolo della diplomazia ma anche dell’ opinione pubblica negli eventi politici. Fatti e interazioni saranno ricostruiti attraverso l’uso di fonti primarie e di interpretazioni storiografiche.
Contenuti: I principali temi trattati saranno: l'amministrazione Nixon e la distensione, i rapporti USA-URSS, il "fattore Cina“; la distensione in Europa, la Ostpolitik della Repubblica Federale Tedesca, la politica estera italiana nel contesto della distensione, il processo di Helsinki.
Programma:
Testi di riferimento: F. Logevall & A. Preston (eds), Nixon in the world American foreign relations,1969-1977. Oxford: Oxford University Press, 2008. Da studiare: introduzione, saggi n. 1, 3, 5, 6, 7, 9
C. Meneguzzi (ed), The Helsinki Process: a Historical Reappraisal. Padova: CEDAM, 2005. Cerca nel catalogo
--, Saggi sulla politica estera di Aldo Moro disponibili presso il centro copie della Biblioteca Ettore Anchieri. --: --, --.
Metodi didattici: Lezioni frontali si alterneranno a conferenze di esperti.
Metodi di valutazione: Risultati di apprendimento previsti:
- cogliere la differenza tra fatti storici e interpretazioni storiche e al tempo stesso la loro relazione
- identificare nella politica internazionale elementi di continuità e di cambiamento
- mettere in grado, attraverso l' analisi storica, di predisporre documenti informativi utili a processi decisionali internazionali

Prova scritta: due domande scritte, ciascuna su un testo di riferimento.
Altro: Ulteriori testi e letture saranno suggeriti durante il corso.

Sono previsti interventi e conferenze di esperti e docenti italiani e stranieri.


Syllabus: STORIA DIPLOMATICA 2
Prerequisiti: È richiesta una buona conoscenza della storia contemporanea, nonché la capacità di leggere l’inglese.
Risultati di apprendimento previsti: Acquisire, attraverso lo studio della storia internazionale, una consapevolezza critica delle dinamiche che hanno plasmato il mondo in cui viviamo e dei suoi caratteri fondamentali.
Contenuti: Il corso integra i contenuti di Storia Diplomatica I offrendo una visione del periodo seconda metà degli anni '60-fine anni '70 incentrata sulle dinamiche di politica economica internazionale, alla luce di due paradigmi interpretativi di base. Il primo, di carattere metodologico generale, si fonda sull’idea che esista una stretta interrelazione tra relazioni internazionali e strutture sociali ed economiche. Il secondo guarda direttamente agli anni Settanta come apertura di una fase di transizione egemonica e come momento in cui si gioca la partita aperta dalla crisi del patto sociale instauratosi nei paesi del capitalismo avanzato dopo la Seconda guerra mondiale. Il corso, dopo un’introduzione di carattere metodologico sui diversi approcci alla studio della storia delle relazioni internazionali, si articolerà nell’analisi di alcuni snodi fondamentali dell'evoluzione del sistema economico-finanziario internazionale nel corso degli anni Settanta. Ogni blocco tematico si comporrà di una parte di lezioni frontali e di una parte seminariale fondata su relazioni individuali e discussioni di gruppo.
Programma: Prima settimana:
1. Questioni di metodo nell'analisi delle relazioni internazionali. Le relazioni tra assetti socio-economici e politica internazionale. 2. L’egemonia in campo internazionale e la sua declinazione storica nell’epoca contemporanea.

Seconda settimana.
La crisi degli anni ’70 in una prospettiva di lungo periodo: le grandi crisi del capitalismo; gli anni ’70 come transizione egemonica.

Terza settimana.
La fine della grande crescita post bellica delle società occidentali: Catratteristiche della “Golden Age” di crescita delle società industriali avanzate; la crisi della Golden Age come frutto dello sviluppo ineguale; La crisi e il conflitto sociale.

Quarta e quinta settimana.
La crisi monetaria: il sistema di Bretton Woods; la crisi del sistema; gli Stati Uniti e i cambi fluttuanti; l’Europa e la crisi monetaria: dal Serpente allo SME.

Sesta e settima settimana.
La crisi energetica: breve storia dell’industria del petrolio; Il petrolio e la Golden Age; la prima crisi petrolifera; la seconda crisi petrolifera.

Ultima settimana.
Il neoliberismo come risposta alla crisi.
Testi di riferimento: Giovanni Arrighi, Beverly J. Silver, Caos e governo del mondo. Milano: Bruno Mondadori, 2003. Introduzione Cerca nel catalogo
Francesco Petrini, Il ’68 e la crisi dell’età dell’oro. --: --, 2007. in “Annali dell’Istituto Ugo La Malfa”, vol. XXII, 2007
Riccardo Bellofiore, I lunghi anni Settanta. Crisi sociale e integrazione economica internazionale. Roma: Carocci, 2001. in Luca Baldissara (a cura di), Le radici della crisi, pp. 57-87
Charles S. Maier, Alla ricerca della stabilità. Bologna: il Mulino, 2003. cap. 3 Cerca nel catalogo
Fiona Venn, The Oil Crisis. London: Pearson Education, 2002. tutto tranne il cap. 3 Cerca nel catalogo
Giovanni Arrighi, Adam Smith a Pechino. Genealogie del ventunesimo secolo. --: Feltrinelli, 2008. capp. 4, 5 e 6 Cerca nel catalogo
David Harvey, Breve storia del neoliberismo. Milano: Saggiatore, 2007. Introduzione e cap. 1 Cerca nel catalogo
Peter Gowan, A Calculus of Power. New Left Review: n. 16, 2002.
Giuliano Garavini-Francesco Petrini, The oil challenge and Europe: some reflections on continuity and change. Bruxelles: PIE-Peter Lang, 2010. in A. Varsori, G. Migani (eds.), Europe in the international arena during the 1970s
Riccardo Parboni, Il conflitto economico mondiale. Milano: ETAS, 1985. capp. 2, 4, 5, 7, 8, 9 Cerca nel catalogo
Domenico Preti, La cesura degli anni Settanta. Roma: Carocci, 2001. in Luca Baldissara (a cura di), Le radici della crisi
Scipione Guarracino, Storia degli ultimi 60 anni. Milano: B. Mondadori, 2004. pp. 227-251 Cerca nel catalogo
Metodi didattici: Lezioni frontali, attività di carattere seminariale (lettura di testi e relazioni, discussione), conferenze.
Metodi di valutazione: Esame scritto. La valutazione finale terrà conto del grado e della qualità della partecipazione dei singoli studenti alle lezioni e della eventuale presentazione di relazioni.
Altro: