Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
SCIENZE DELLA FORMAZIONE
SCIENZE DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE
Insegnamento
PEDAGOGIA DEL LAVORO E STORIA DELLA FORMAZIONE (C.I.)
SFO2045563, A.A. 2012/13

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2011/12

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
SCIENZE DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE (Ord. 2011)
SF1333, ordinamento 2011/12, A.A. 2012/13
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum FORMAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE [001PD]
Crediti formativi
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PEDAGOGY OF WORK AND HISTORY OF EDUCATIONAL TRAINING (C.I.)
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione Italiano
Sede --
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile GIUSEPPE ZAGO M-PED/02

Moduli che appartengono al corso integrato
Codice Insegnamento Responsabile
SFO2045565 PEDAGOGIA DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI (MOD. B) CARLA XODO
SFO2045564 STORIA DELLA PEDAGOGIA DEL LAVORO (MOD. A) GIUSEPPE ZAGO

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione  
Anno di corso  

Calendario
Inizio attività didattiche --
Fine attività didattiche --
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2011

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
5 2017/18 01/10/2017 30/11/2018 XODO CARLA (Presidente)
BENETTON MIRCA (Membro Effettivo)
BORTOLOTTO MELANIA (Membro Effettivo)
PORCARELLI ANDREA (Membro Effettivo)
ZAGO GIUSEPPE (Membro Effettivo)
4 2016/17 01/10/2016 30/11/2017 XODO CARLA (Presidente)
BENETTON MIRCA (Membro Effettivo)
BORTOLOTTO MELANIA (Membro Effettivo)
PORCARELLI ANDREA (Membro Effettivo)
ZAGO GIUSEPPE (Membro Effettivo)
3 2015/16 01/10/2015 30/11/2016 XODO CARLA (Presidente)
BENETTON MIRCA (Membro Effettivo)
BORTOLOTTO MELANIA (Membro Effettivo)
PORCARELLI ANDREA (Membro Effettivo)
2 2014/15 01/10/2014 30/09/2015 XODO CARLA (Presidente)
BENETTON MIRCA (Membro Effettivo)
BORTOLOTTO MELANIA (Membro Effettivo)
PORCARELLI ANDREA (Membro Effettivo)
1 Commissione 2013/2014 01/10/2013 30/09/2014 XODO CARLA (Presidente)
BENETTON MIRCA (Membro Effettivo)
ZAGO GIUSEPPE (Membro Effettivo)
CALLEGARI CARLA (Supplente)
PORCARELLI ANDREA (Supplente)

Syllabus: PEDAGOGIA DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI (MOD. B)
Prerequisiti:
Risultati di apprendimento previsti: Generali.
Promuovere una conoscenza critica della pedagogia del lavoro nella duplice dimensione della disciplina, tesa, per un verso, alla valorizzazione delle potenzialità formative del lavoro; per altro verso , ad indagare il rapporto fra formazione iniziale generale e formazione professionale.
Specifici:
Approfondimenti del concetto di competenza.
L'orientamento come condizione della promozione di competenze
Contenuti: Introduzione alla pedagogia del lavoro.
Il lavoro come attività specifica dell'uomo.
Identità ed evoluzione del concetto di lavoro.
Il significato antropologico del lavoro nella nostra cultura.
La competenza come paradigma di sapere integrale.
Semantica della competenza: alcune parole chiave ( conoscenze, abilità, capacità,contesto, competenze).
Definizioni di competenza.
Le competenze nel dibattiti psico-pedagogico.
Il comportamentismo.
Il cognitivismo.
La teoria della persona.
Competenze e saperi scolastici.
Orientamento e competenze.
Programma:
Testi di riferimento: F. CAMBI, Saperi e competenze. Bari: Laterza, 2004. Cerca nel catalogo
A. CEGOLON, Dalla performance alla persona competente. Soveria Mannelli: Rubettino, 2008.
G. BERTAGNA, Giovani e lavoro. Brescia: La Scuola, 2011. Cerca nel catalogo
C. XODO, Introduzione alla pedagogia del lavoro. Dispensa: --, --. La dispensa è disponibile per la riproduzione presso la copisteria sita in P.zza Dei Signori
Metodi didattici:
Metodi di valutazione:
Altro: • A. CEGOLON, Dalla performance alla persona competente. Soveria Mannelli: Rubettino, 2008. --
• F. CAMBI, Saperi e competenze. Bari: Laterza, 2004. --
• G. BERTAGNA, Giovani e lavoro. Brescia: La Scuola, 2011. --


Syllabus: STORIA DELLA PEDAGOGIA DEL LAVORO (MOD. A)
Prerequisiti:
Risultati di apprendimento previsti: Il Corso si propone di:
1. promuovere una conoscenza critica dell'evoluzione del rapporto educazione-lavoro in età moderna e contemporanea;
2. offrire strumenti metodologici per una riflessione pedagogica sui diversi modelli formativi;
3. sviluppare consapevolezza sulle origini, sull’evoluzione e sulle prospettive professionali della figura del formatore.
Contenuti: 1. Il lavoro nell'educazione moderna e contemporanea. Teorie pedagogiche ed esperienze formative.
2. Origini, identità e prospettive della figura professionale del formatore.
Programma: 1. Modelli educativi informali e formali: origini ed evoluzione dell’Apprendistato e della Scuola. La nascita della pedagogia del lavoro nelle teorie educative dell'età moderna. Trasformazioni dell’idea di lavoro (tempo e disciplinamento del lavoro produttivo, tempo di lavoro e tempo libero) della figura del lavoratore e della sua formazione. Rivoluzioni industriali e sviluppi delle teorie e delle pratiche educative. Lavoro, cultura e sistema formativo nell’Italia del Novecento.
2. La formazione in Italia negli ultimi decenni e i principali approcci. Origini, identità e prospettive della figura professionale del formatore, tra “identità difficile”, “differenziazione” e “specializzazione”. Diventare formatori oggi: motivazioni individuali, apprendistato e attività professionale.
Testi di riferimento: Zago Giuseppe, Il lavoro nell'educazione moderna e contemporanea. Padova: Cleup, 2002. Cerca nel catalogo
Lipari Domenico (a cura di), Formatori. Etnografia di un arcipelago professionale. Milano: Franco Angeli, 2012. pp. 1-71 e 257-364
Santoni Rugiu Antonio, Breve storia dell’educazione artigiana. Roma: Carocci, 2009. Cerca nel catalogo
Thompson Edward P., Tempo, disciplina del lavoro e capitalismo industriale. Milano: et.al./Edizioni, 2011. Solo per non frequentanti Cerca nel catalogo
Note ai testi di riferimento: Gli studenti non frequentanti dovranno portare all’esame il testo indicato in bibliografia.
Metodi didattici: Lezioni, con supporto di materiali audiovisivi, e approfondimenti con la discussione guidata e la riflessione personale dei frequentanti.
Metodi di valutazione: Struttura della verifica di profitto:
Prova finale, scritta e/o orale.

Descrizione verifica di profitto:
La prova finale ha per oggetto i contenuti della bibliografia di riferimento, verificati alla luce delle chiavi di lettura proposte nel corso delle lezioni. L'esame può essere integrato con la discussione di una ricerca individuale, preventivamente concordata con il docente, su uno degli argomenti del Corso.
Altro: Gli studenti non frequentanti dovranno portare all’esame il testo indicato in bibliografia. Qualora essi scelgano la prova finale nella forma scritta (che avrà luogo unicamente alla fine del corso), dovranno sostenere, dopo il superamento della stessa, un’integrazione orale sul testo oppure consegnare una relazione scritta sul testo stesso, preventivamente concordata con il docente.