Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
SCIENZE POLITICHE
DIRITTO DELL'ECONOMIA
Insegnamento
STORIA DEL DIRITTO
SPN1032737, A.A. 2011/12

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2011/12

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
DIRITTO DELL'ECONOMIA
SP1841, ordinamento 2011/12, A.A. 2011/12
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HISTORY OF LAW
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede ROVIGO
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile ROBERTO GIAMPIERO FRANCESCO SCEVOLA IUS/18

Moduli che appartengono al corso integrato
Codice Insegnamento Responsabile
SPN1032739 FONDAMENTI ROMANISTICI DEL DIRITTO EUROPEO ROBERTO GIAMPIERO FRANCESCO SCEVOLA
SPN1032738 STORIA DEL DIRITTO MODERNO E CONTEMPORANEO FEDERIGO BAMBI

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione  
Anno di corso  

Calendario
Inizio attività didattiche 05/03/2012
Fine attività didattiche 16/06/2012
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus: FONDAMENTI ROMANISTICI DEL DIRITTO EUROPEO
Prerequisiti: Nessuno.
Risultati di apprendimento previsti: Nel corso saranno illustrate le categorie fondamentali del diritto occidentale derivate dal 'sistema' romano, sì da fornire gli strumenti che consentono di comprendere l’ordine espositivo dello 'ius' e di pervenire alle ragioni di determinate scelte normative attualmente controverse, individuandone le possibili soluzioni sotto i profili metodologico e sostanziale.
Contenuti: Il corso mira ad indagare e chiarire i caratteri di alcuni istituti basilari del sistema privatistico alla luce della 'dialettica incessante' tra legislazione degli stati nazionali, progetti di codificazione europea e scienza giuridica, nella convinzione che la conoscenza di quest'ultima - laddove prende le mosse dall’elaborazione romana ed impronta ad essa i propri svolgimenti - consente di accrescere la capacità di analisi e di affinare la sensibilità dell'interprete rispetto ai problemi attinenti alla comprensione o alla formazione del dato positivo.
Programma: Saranno esaminati i principali istituti che, originatisi nell’esperienza giuridica romana, connotano il diritto occidentale. Premesse alcune nozioni fondamentali sul diritto delle persone e della famiglia, verranno analizzati in diritto romano (inteso come piattaforma per la posteriore evoluzione dei temi indicati) fatti e negozi giuridici, obbligazioni e contratti (con le annesse problematiche scaturenti dall'individuazione delle fonti e delle distinte forme di responsabilità), nonchè prospettati aspetti attinenti all'appartenenza dei beni: inoltre, saranno indicati i lineamenti essenziali del processo romano (privato e criminale).
Infine, un argomento (sovranità e stato di eccezione secondo l'impostazione biopolitica) sarà studiato in prospettiva storica, giuridica e politologica, sì da individuare gli elementi emblematici di uno tra i paradigmi della modernità maggiormente controversi e culturalmente fecondi alla luce di miltiformi e recenti ricerche.
Testi di riferimento: M. Marrone, Lineamenti di diritto privato romano. Torino: Giappichelli, 2001. Va omesso il capitolo ottavo, sulle successioni 'mortis causa' Cerca nel catalogo
L. Garofalo, Biopolitica e diritto romano. Napoli: Jovene, 2008. Cerca nel catalogo
Note ai testi di riferimento: Il manuale di M. Marrone è riservato ai non frequentanti, mentre il testo di L. Garofalo (integrante la 'parte speciale') deve essere studiato da tutti senza distinzioni.
Metodi didattici: Esposizione dell'argomento trattato e discussione delle principali problematiche connesse.
Metodi di valutazione: L’esame consiste in una prova orale.
Altro: Si segnala che i frequentanti potranno studiare sugli appunti delle lezioni (integrati dal materiale distribuito dal docente durante il corso), ferma restando l'obbligatorietà del testo di L. Garofalo per la parte speciale.


Syllabus: STORIA DEL DIRITTO MODERNO E CONTEMPORANEO
Prerequisiti: Conoscenza scolastica delle vicende storiche che hanno interessato l'Europa nel primo e nel secondo millennio, nonché dei principali rudimenti di diritto acquisiti attraverso la frequenza dei corsi istituzionali del corso di laurea.
Risultati di apprendimento previsti: Acquisizione di un linguaggio storico-giuridico di base. Conoscenza dei principali modelli di sistemi delle fonti del diritto che si sono succeduti nel passaggio tra medioevo, età moderna e contemporanea; conseguente capacità di cogliere criticamente nella sua dimensione storica il fenomeno giuridico.
Contenuti: Il corso si svolgerà attraverso 45 ore di lezione frontali nelle quali saranno distribuiti e discussi documenti e materiali
Programma: corso intende illustrare il processo storico che ha condotto all’attuale sistema delle fonti del diritto, mostrando la vicenda codificatoria europea nella sua genesi e nei suoi diversi aspetti nazionali e “transnazionali”. A tale scopo, dopo avere fatto una sosta necessaria per spiegare i caratteri essenziali del sistema del diritto comune, punto obbligato di partenza per ogni storia delle fonti dell’età moderna, l’itinerario si svolgerà attraverso l’esame dei tratti salienti delle codificazioni francese, italiana e tedesca nell’Ottocento e Novecento, per arrivare a comprendere i fondamentali aspetti qualificanti del codice civile italiano del 1942.
Testi di riferimento: Paolo Grossi, MItologie giuridiche della modernità. MIlano: Giuffré, 2007. Il testo è riservato ai soli frequentanti che completeranno il programma d'esame con lo studio degli appunti e dei materiali presi a lezione Cerca nel catalogo
Adriano Cavanna, Storia del diritto moderno in Europa. Le fonti e il pensiero giuridico. Vol. II. MIlano: Giuffré, 2005. Il volume è destinato ai soli studenti non frequentanti. Le pagine da studiare sono le seguenti: 13-222; 229-589. Cerca nel catalogo
Note ai testi di riferimento: I frequentanti prepareranno l'esame studiando gli appunti e i documenti presi a lezione ed il testo di Paolo Grossi. Il volume di Adriano Cavanna è destinato ai soli studenti non frequentanti.
Metodi didattici: Lezione frontale tradizionale
Metodi di valutazione: L'esame si svolgerà in forma orale
Altro: