Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
LETTERE E FILOSOFIA
LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E AMERICANE
Insegnamento
LETTERATURE COMPARATE
LE06104557, A.A. 2012/13

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2012/13

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E AMERICANE
LE0613, ordinamento 2008/09, A.A. 2012/13
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese COMPARATIVE LITERATURE
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile EMANUELE ZINATO L-FIL-LET/11

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LEN1030518 LETTERATURE COMPARATE (AVANZATO) EMANUELE ZINATO LE0611

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Metodologie linguistiche, filologiche, comparatistiche e della traduzione letteraria L-FIL-LET/14 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso A scelta dello studente
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 01/10/2012
Fine attività didattiche 26/01/2013
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
9 1920 01/10/2019 30/11/2020 METLICA ALESSANDRO (Presidente)
MARFE' LUIGI (Membro Effettivo)
BRANDALISE ADONE (Supplente)
8 1819 01/10/2018 30/11/2019 METLICA ALESSANDRO (Presidente)
MARFE' LUIGI (Membro Effettivo)
BRANDALISE ADONE (Supplente)
7 1213 01/10/2012 30/11/2013 ZINATO EMANUELE (Presidente)
BRANDALISE ADONE (Membro Effettivo)
METLICA ALESSANDRO (Supplente)
ZAMBON PATRIZIA (Supplente)
6 1112 01/10/2011 30/11/2012 ZINATO EMANUELE (Presidente)
BRANDALISE ADONE (Membro Effettivo)
METLICA ALESSANDRO (Supplente)
ZAMBON PATRIZIA (Supplente)
5 1314 01/10/2013 30/11/2014 ZINATO EMANUELE (Presidente)
BRANDALISE ADONE (Membro Effettivo)
METLICA ALESSANDRO (Supplente)
ZAMBON PATRIZIA (Supplente)
4 1415 01/10/2014 30/11/2015 ZINATO EMANUELE (Presidente)
BRANDALISE ADONE (Membro Effettivo)
METLICA ALESSANDRO (Supplente)
ZAMBON PATRIZIA (Supplente)
3 1516 01/10/2015 30/11/2016 ZAMBON PATRIZIA (Presidente)
BRANDALISE ADONE (Membro Effettivo)
METLICA ALESSANDRO (Supplente)
ZINATO EMANUELE (Supplente)
2 1718 01/10/2017 28/02/2018 METLICA ALESSANDRO (Presidente)
BRANDALISE ADONE (Membro Effettivo)
ZINATO EMANUELE (Supplente)
1 1718 15/03/2018 30/11/2018 METLICA ALESSANDRO (Presidente)
BRANDALISE ADONE (Membro Effettivo)
MARFE' LUIGI (Membro Effettivo)
MOLESINI ANDREA (Membro Effettivo)
ZINATO EMANUELE (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti:
Risultati di apprendimento previsti: Il corso è volto a un approccio alla letteratura moderna (con particolare riferimento agli anni tra il 1848 e la contemporaneità) su base non nazionale e in relazione ad altre aree della conoscenza e della cultura, con particolare riferimento alle arti figurative. Il percorso intende sviluppare le capacità di analisi, storicizzazione e interpretazione dei testi letterari e di cogliere i collegamenti interdisciplinari ai fini di un utilizzo cognitivo dell'esperienza letteraria.
Contenuti: Il corso, dal titolo "Scarti e Feticci" riguarda la rappresentazione degli oggetti nelle Letterature Moderne. Se da sempre le opere rappresentano, nelle narrazioni, dettagli oggettuali e coltivano l'ambizione di racchiudere l'universale nel particolare, in epoca moderna e poi postmoderna si verifica uno scarto, per almeno due ragioni. Da un lato la rivoluzione industriale, con la produzione seriale di merci, contribuisce a moltiplicare la presenza delle "cose". Dall'altro, l'arte contemporanea smette di limitarsi a rappresentare oggetti concreti, ma comincia a usarli direttamente, nella loro bruta materialità, musealizzandoli e intensificandoli.
Indagare le "cose" nei testi letterari (sulla scorta del celebre "Mimesis" di Auerbach e de "Gli oggetti desueti", un più recente libro di Francesco Orlando) costituisce una via d'accesso originale e innovativa al problema della storia letteraria e a quello della rappresentazione della materialità del mondo: problema estetico lungamente dibattuto. L’oggetto in letteratura implica la questione del Realismo, concetto noto e sfuggente, diffuso e frainteso, che assumeremo – al di là di ogni poetica prescrittiva - in senso estensivo come sinonimo del paradossale rapporto di tensione fra la letteratura e quelle entità che chiamiamo mondo, realtà, esperienza. L’ indagine sugli oggetti in letteratura, in generale, apre in tal modo una serie feconda di domande Quali sono gli oggetti che trovano cittadinanza nelle letterature di tutti i tempi? Sono davvero egemoni le rappresentazioni di oggetti desueti, scartati, non più funzionali – come cerca di dimostrare Orlando – o non invece le rappresentazioni di cose funzionali, nuove, cariche di un alone di prestigio, superiorità, comodità, ricchezza? Con quali codici formali l’oggetto di scarto viene accolto in letteratura? E come viene invece accolto e tematizzato l’oggetto nuovo, funzionale o perfino mercificato? Che relazione instaura con gli ogetti e i corpi laletteratura naturalistica, quella modernista e infine quella postmoderna?Problemi oggi ardui da affrontare, poiché la contemporaneità, invasa dalla fiction e dai reality, sembra divenuta incapace di riconoscere lo statuto proprio della finzione, e quel potere di rivelazione del reale che hanno sempre avuto le storie inventate.

Programma: 1. Parte introduttiva e fondamenti teorico-metodologici. Che cos’è lo studio comparato delle letterature? Che cos’è un tema letterario? Formazioni di compromesso, ritorno del represso, zone e gradi di “figuralità”. Gli oggetti in letteratura: perché questo tema. Oggetti e Realismo. Tra antropologia e storia. Scarti o feticci?

2.Parte applicativa. Dal Naturalismo al Modernismo. La rappresentazione dello scarto e del feticcio dal 1848 alla contemporaneità. Huysmans e dintorni. L’esteta, gli oggetti e la riproducibilità tecnica. Strategie del Modernismo: Epifania, correlativo oggettivo. Il caso di Proust. Allegoria vuota e scarto biologico: due racconti di Kafka: La metamorfosi e La tana; Il detrito in Montale.

3. Parte applicativa. La rappresentazione "neomoderna" degli oggetti fra invadenza dei consumi e distruzione planetaria. Le cose di Perec. La pattumiera di Calvino e "Le città invisibili". Il pianeta come scarto 1: primo piano: "Il pianeta irritabile". Il pianeta come scarto: "La strada" di McCarthy.

Testi di riferimento: J.K Huysmans, Controcorrente. Milano: Garzanti, 2005. Cerca nel catalogo
G. Perec,, Le cose (con prefazione di A. Canobbio). Torino: Einaudi, 2011.
P. Volponi, Il pianeta irritabile. Torino: Einaudi, 1996. Cerca nel catalogo
I. Calvino,, Le città invisibili. Milano: Mondadori, 2008. Cerca nel catalogo
C. McCarthy, La strada. Torino: Einaudi, 2006. Cerca nel catalogo
E. Auerbach, Mimesis. Il realismo nella letteratura occidentale. Torino: Einaudi, 2004. Cerca nel catalogo
E.Zinato, Auto di carta. Padova: Padova University Press, 2012.
M. Fusillo, Feticci. Letteratura, cinema, arti visive. Bologna: Il Mulino, 2012. Cerca nel catalogo
F. Orlando, Gli oggetti desueti nelle immagini della letteratura. Torino: Einaudi, 1994. Cerca nel catalogo
Note ai testi di riferimento: E' indispensabile frequentare il corso con la dispensa (a cura di E. Zinato) "Scarti e Feticci. La rappresentazione dell'oggetto nelle letterature moderne"
Metodi didattici: Il corso è interattivo: la lezione frontale è affiancata da momenti di discussione attiva, di lettura e interpretazione di campioni testuali significativi ai fini di sviluppare un approccio vivo e interdialogico alle tematiche affrontate. I materiali principali sono messi a disposizione in una dispensa.
Metodi di valutazione: Lezione interdialogica. Esame orale. Possibile "tesina" scritta, concordata con il docente, da discutere collettivamente in aula, con approfondimento di un aspetto del corso.
Altro: