Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
MEDICINA E CHIRURGIA
TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO)
Insegnamento
PREVENZIONE, VERIFICA E CONTROLLO DELL'AMBIENTE E PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI
MEP3053042, A.A. 2013/14

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2012/13

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO) (Ord. 2012)
ME1861, ordinamento 2012/13, A.A. 2013/14
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum GENERICO - SEDE DI PADOVA [999PD]
Crediti formativi 7.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PREVENTION, ENVIRONMENT MONITORING AND CONTROL AND PREVENTION OF ACCIDENTS
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Medicina Molecolare
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MARCO OSTOICH 000000000000
Altri docenti MIRKA GRIGOLETTO 000000000000

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
BASE Primo soccorso MED/41 3.0
CARATTERIZZANTE Scienze della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro MED/50 4.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 7.0 70 105.0

Calendario
Inizio attività didattiche 03/03/2014
Fine attività didattiche 14/06/2014
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2012

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
12 Commissione 2018/2019 sede di Padova 01/10/2018 30/04/2020 PANIZZOLO ANTONELLA (Presidente)
GRIGOLETTO MIRKA (Membro Effettivo)
BALDO VINCENZO (Supplente)
11 Commissione 2017/18 Feltre 02/10/2017 30/04/2019 SELLE DAMARIS (Presidente)
DAL PONT MARCO (Membro Effettivo)
BARTOLUCCI GIOVANNI BATTISTA (Supplente)
9 Commissione 2016/17 Feltre 01/10/2016 30/04/2018 SELLE DAMARIS (Presidente)
DAL PONT MARCO (Membro Effettivo)
BARTOLUCCI GIOVANNI BATTISTA (Supplente)
6 Commissione 2015/16 Feltre 01/10/2015 30/04/2017 SELLE DAMARIS (Presidente)
DAL PONT MARCO (Membro Effettivo)
BARTOLUCCI GIOVANNI BATTISTA (Supplente)
4 Commissione 2014/15 Feltre 01/10/2014 30/09/2015 SELLE DAMARIS (Presidente)
DAL PONT MARCO (Membro Effettivo)
BARTOLUCCI GIOVANNI BATTISTA (Supplente)
3 Commissione 2014/15 Padova 01/10/2014 30/09/2015 PANIZZOLO ANTONELLA (Presidente)
GRIGOLETTO MIRKA (Membro Effettivo)
BARTOLUCCI GIOVANNI BATTISTA (Supplente)
1 Commissione 2013/2014 sede di Padova 01/10/2013 30/09/2014 OSTOICH MARCO (Presidente)
GRIGOLETTO MIRKA (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti: Parte ambiente: nozioni base di chimica inorganica e organica. Igiene applicata all'ambiente.
Parte prevenzione infortuni: conoscenze di base di chimica, fisica e biologia. Conoscenze di sicurezza ed igiene nei diversi comparti produttivi: edilizia, metalmeccanica, stampaggio materie plastiche.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Parte ambiente: il corso è finalizzato a fornire agli studenti del secondo anno del corso di laurea in TPALL gli elementi base per poter affrontare il controllo delle fonti di pressione al fine di prevenire e ridurre i rischi ambientali per garantire un ambiente conforme agli standard di qualità previsti dalla normativa italiana ed europea.
Parte prevenzione infortuni: conoscere e comprendere i principali aspetti legislativi, l’organizzazione dei Dipartimenti di Prevenzione e dei Servizi di prevenzione,
i principali fattori di rischio chimico, fisico, ergonomico e organizzativo ed i relativi criteri e metodi per la loro valutazione.
Modalita' di esame: Esame scritto con risposte a scelta multipla e risposte aperte.
Criteri di valutazione: Verranno valutate: conoscenza, completezza, sinteticità, esaustività e precisione nell’esposizione degli argomenti.
Aderenza culturale delle risposte fornite in relazione a quanto richiesto.
Contenuti: Parte Ambiente
1. Introduzione e le competenze nella prevenzione e protezione dell’ambiente; definizioni, campo di interesse ed approccio; il sistema delle Agenzie Ambientali (L. n. 61/1994); rapporti tra Agenzie Regionali e Dipartimenti di Prevenzione della ASL.
2. Prevenzione, ambiente e salute: I fattori di rischio; risposte biologiche all’esposizione ad agenti inquinanti.
3. Qualità dell’aria e controllo delle fonti di emissione: la normativa sulle emissioni e sulla qualità dell’aria. Inquinanti inorganici, organici, polveri totali, polveri sottili: PM10, PM 2,5; macro e microinquinanti.
4. La tutela dei corpi idrici e le acque reflue: il ciclo dell’acqua, inquinamento idrico e fattori di inquinamento; i sistemi di trattamento delle acque reflue.
5. La gestione dei rifiuti: quadro di riferimento normativo, la classificazione; la raccolta differenziata; gli impianti di pretrattamento e trattamento (compostaggio, incenerimento e discarica); controllo degli impianti.
6. Materiali contenenti amianto: quadro normativo, natura, composizione, produzione ed impiego dell’amianto, condizioni di rischio e modalità di intervento.
7. I siti contaminati: quadro normativo e definizione di sito contaminato; misure di prevenzione e messa in sicurezza di emergenza, il piano di caratterizzazione, l’analisi di rischio (AdR), il progetto di bonifica (POB), la certificazione finale, le tecniche di bonifica.

Parte prevenzione infortuni
Storia ed evoluzione degli infortuni negli ambienti di lavoro. Legislazione passata e legislazione ora vigente. Gli incidenti domestici in Europa, in Italia e nel Veneto. Il Piano Nazionale per la Prevenzione. Il ruolo della prevenzione e le varie strategie da adottare. Definizioni varie. Gli stili di vita e la modifica dei comportamenti errati. Luoghi e attrezzature/apparecchiature pericolose. Rischio connesso ai lavori di hobbistica. La sicurezza in casa. Rischio elettrico, prevenzione incendi e sicurezza gas. L’epidemiologia del fenomeno legato agli infortuni domestici con approfondimento della popolazione infortunata.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali con dispense fornite dal docente e discussione in aula di alcuni casi trattati, con l’utilizzo di foto e documenti di valutazione dei rischi. Presentazione di casi studio.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Dispense docente (pdf). Indicazione di testi ed articoli per approfondimenti.
Testi di riferimento:
  • Signorelli C., Igiene Edilizia ed Ambientale. Roma: Soc. Editrice Universo, 2007. Manuale di supporto e consultazione
  • Galli C.L., Corsini E., Marinovich M., Tossicologia. Padova: II Edizione, Piccin Editore Padova, 2008. Manuale di supporto e consultazione Cerca nel catalogo
  • Marchesini B., Igiene industriale. Rimini: Maggioli Editore, 1998. Manuale di supporto e consultazione
  • INAIL, Infortuni Domestici. Quaderni Tecnici per la salute e la sicurezza. Roma: --, 2012.