Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SCIENZE DELLO SPETTACOLO E PRODUZIONE MULTIMEDIALE
Insegnamento
STORIA DELLA STORIOGRAFIA
LEL1002918, A.A. 2013/14

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2013/14

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE DELLO SPETTACOLO E PRODUZIONE MULTIMEDIALE
LE0615, ordinamento 2008/09, A.A. 2013/14
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HISTORY OF HISTORIOGRAPHY
Dipartimento di riferimento Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica (DBC)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile ALFREDO VIGGIANO SPS/03

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE01108546 STORIA DELLA STORIOGRAFIA ALFREDO VIGGIANO LE0600

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline geografiche, storiche, sociologiche e della comunicazione M-STO/02 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 01/10/2013
Fine attività didattiche 25/01/2014
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2017

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti: Il corso sarà seguito con maggior profitto da parte di studenti che possiedano conoscenze generali del periodo compreso dal Medio Evo all'età contemporanea. Non è comunque previsto dall'ordinamento didattico il previo superamento di esami disciplinari specifici.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Le conoscenze da acquisire sono quelle indicate nella sezione 'contenuti'. Inutile dunque raddoppiare le indicazioni. Se di abilità si può parlare (il concetto mi risulta comunque abbastanza oscuro) vorrei che lo studente riuscisse a cogliere il nesso fra riflessione/stili di scrittura/mode storiografiche e luoghi di organizzazione del potere e del consenso. L'istituzionalizzazione e la professionalizzazione della 'storia' - un lungo percorso che parte nella seconda metà del Settecento - come materia autonoma si accompagna infatti a processi di legittimazione complessi. Il caso 'francese' e il caso 'tedesco' mi sembra offrano possibilità di riflettere sullo snodo proposto.
La storia come strumento di formazione del consenso/ la storia come luogo privilegiato di esercizio della critica. La storia come appello al conformismo nel culto di memorie patrie comuni, e inventate/ la storia come esercizio di demistificazione. Dilemmi che il corso vorrebbe porre, non soffermandosi in modo esclusivo su quanto viene elaborato nelle aule dell'Accademia, ma spingendosi anche in escursioni nei campi della produzione letteraria; musicale e operistica; iconografica.
Modalita' di esame: orale
Criteri di valutazione: La capacità di argomentare con linguaggio appropriato sugli argomenti del corso, sui testi indicati in bibliografia, sui testi che verranno forniti nel corso delle lezioni (questo vale ovviamente per i frequentanti).
Contenuti: Il corso si propone di fornire le coordinate fondamentali della riflessione storiografica novecentesca in tre aree geografiche distinte - Francia, Germania, Italia.
La necessità esplicativa costringe qui a rendere schematica l'indicazione (quasi la necessità di adattarsi all'angusta tripartizione per moduli) quando invece nel corso delle lezioni si intenderà piuttosto evidenziare contatti, imprestiti, analogie, differenze.
Dell'esperienza francese parte fondamentale avrà l'analisi dell' esperienza della Annales, partendo dalle originali e originarie riflessioni di Marc Bloch e Lucien Febvre (1). Seguirà quindi un gruppo di lezioni dedicate all'opera di Fernand Braudel e più in generale alla riflessione sul rapporto fra storia e scienze umane (2). Per concludere con una valutazione degli esiti più interessanti degli anni 80' e '90 e del tentativo di recupero di una scrittura della storia più attenta alle raggioni del racconto degli eventi, dei tempi brevi, delle biografie individuali.
Della storiografia tedesca si considereranno una serie di testi che pongono al centro della loro attenzione la questione del potere: rituali, simboli,pratiche, culture e strategie di legittimazione- fra Medio evo ed età contemporanea. Particolare cura sarà dedicata alle riflessioni di Max Weber, Ernst Kantorowicz, Reinhard Koselleck.
Il modulo dedicato alla storiografia italiana del Novecento, si articolerà in tre momenti: il primo guarderà al ruolo giocato dalla cultura idealistica - Croce e Gentile - nel rinnovamento delgi studi, e nell'influenza formativa ed educatva di un progetto che va molto oltre il coinvolgimento della conventicola degli studiosi accademici. L'analisi della messa in discussione di quell'influente paradigma - articolato in due distinte sezioni 1) la 'Storia d'Italia' Einaudi, che cerca una difficile conciliazione fra Gramsci e la tradizione delle Annales e 2) la cosiddetta 'microstoria' - la rivista Quaderni storici, e gli studi di G. Levi e C. Ginzburg - concluderà il corso.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso prevede lezioni frontali. Un'ampia discussione dei temi proposti sarà non solo auspicata, ma sollecitata. Il numero dei frequentanti nel corso dell'ultimo triennio si è collocato attorno ad una media di ca. 50 studenti. XXXX
In caso di specifiche e motivate richieste il docente è disponibile a concordare la sostituzione di un titolo della bibliografia proposta con un'altra lettura.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: I non frequentanti aggiungeranno ai tre testi citati: Angelo D'Orsi, Piccolo manuale di storiografia
Testi di riferimento:
  • Marc Bloch, I Re taumaturghi.Studi sul carattere attribuito alla potenza dei re, particolarmente in Francia e in Inghilterra. --: Einaudi, --.
  • Felix Gilbert, Machiavelli e Guicciardini. --: Einaudi, --.
  • Carlo Ginzburg, Il formaggio e i vermi. Il cosmo di un mugnaio friulano del Cinquecento. --: Einaudi, --.