Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Medicina e Chirurgia
SCIENZE FARMACEUTICHE APPLICATE
Insegnamento
SAGGI E DOSAGGI FARMACOGNOSTICI
MEP3051417, A.A. 2015/16

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2013/14

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
SCIENZE FARMACEUTICHE APPLICATE
FA0243, ordinamento 2008/09, A.A. 2015/16
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Denominazione inglese PHARMACOGNOSTIC ASSAYS
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze del Farmaco (DSF)
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA

Docenti
Responsabile RAFFAELLA FILIPPINI BIO/15
Altri docenti ANNA PIOVAN BIO/15

Corso integrato di appartenenza
Codice Insegnamento Responsabile
MEP3051416 TOSSICOLOGIA E ANALISI FARMACOGNOSTICHE RAFFAELLA FILIPPINI

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline Biologiche BIO/15 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
ESERCITAZIONE 2.0 24 26.0
LEZIONE 4.0 32 68.0

Calendario
Inizio attività didattiche 01/03/2016
Fine attività didattiche 15/06/2016
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2008

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus

Caratteristiche comuni al Corso Integrato

Prerequisiti: Lo studente necessita delle conoscenze acquisite con i corsi di Biologia vegetale, Botanica Farmaceutica, Farmacologia e Farmacognosia, Analisi delle piante medicinali ed aromatiche.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Al termine del corso, lo studente sarà a conoscenza dei metodi ufficiali di saggio per il controllo delle droghe vegetali, riportati nei testi di riferimento sia nazionali che internazionali. Avrà acquisito conoscenze e metodologie per affrontare, soprattutto dal punto di vista pratico, le problematiche di base relative alla corretta valutazione di una droga vegetale o di una sua preparazione. Avrà inoltre acquisito gli strumenti critici per una scelta corretta dei metodi di saggio, che non può prescindere da aspetti sia di tipo scientifico che economico. Avrà acquistato conoscenze sul rapporto rischio/beneficio di fitopreparati con particolare rilevanza alle interazioni con farmaci, alle potenziali sofisticazioni/contaminazioni e sugli effetti su donne in gravidanza/allattamento, bambini ed anziani.
Modalita' di esame: MODULO di SAGGI E DOSAGGI FARMACOSNOSTICI
L’esame prevede:
A. il riconoscimento di una miscela di tre droghe mediante l’ausilio di uno stereomicroscopio e la descrizione macro- micromorfologica delle principali caratteristiche che hanno consentito il riconoscimento delle droghe in esame;
B. una prova orale.
MODULO DI TOSSICOLOGIA
L’esame prevede:
A. presentazione di un argomento su aspetti tossicologici di xenobiotici di origine vegetale.
B. esame scritto su argomenti trattati durante il corso.
Criteri di valutazione: La valutazione della preparazione dello studente si baserà sull'accertare:
- la capacità di orientamento dello studente;
- la comprensione degli argomenti trattati e le conoscenze sulle principali metodiche di saggio illustrate durante il corso;
- la capacità di valutare criticamente la documentazione disponibile sul profilo di efficacia ed effetti dannosi di fitopreparati già in commercio
- la capacità di affrontare un problema specifico in modo critico e informato attraverso la discussione della prova pratica.

Caratteristiche proprie del modulo

Contenuti: Introduzione al corso: concetti generali, finalità.
Approccio metodologico per l’analisi di una droga vegetale con riferimento alle specifiche delle Farmacopee e di altri testi ufficiali.
Operazioni preliminari ai diversi tipi di saggio: campionamento.
Controllo botanico. Metodi di caratterizzazione e di riconoscimento macroscopico di una droga di origine vegetale. Esame dei caratteri organolettici; esame dei caratteri macroscopici: morfologia, aspetto, forma, dimensioni, frattura. Metodi di caratterizzazione e di riconoscimento microscopico di una droga di origine vegetale. Stereomicroscopio, microscopio ottico, microscopio elettronico a scansione e a trasmissione: caratteristiche generali e applicazioni. Allestimento dei preparati di droghe organizzate e di droghe non organizzate. Metodi di riconoscimento e di identificazione di elementi strutturali caratterizzanti: tessuti, peli, contenuti cellulari ergastici, tipologia degli stomi ed indice stomatico, rapporto palizzata. Metodi di evidenziazione di elementi strutturali specifici e metodi di localizzazione dei principi attivi in una droga vegetale.
Autenticazione di una droga vegetale mediante DNA-barcoding e HRMA.
Controllo chimico-analitico. Saggi fisico-chimici quali-quantitativi: solubilità, densità, potere ottico rotatorio, indice di rifrazione, indice di acidità, di saponificazione, numero dei perossidi, indice di esteri; determinazione dell’umidità, delle ceneri, degli elementi estranei; determinazione delle essenze e del residuo all’evaporazione nelle essenze; indice di rigonfiamento; determinazione delle saponine (indice di schiuma); determinazione dei tannini; potere colorante; analisi cromatografiche, spettrofotometriche, colorimetriche.
Controllo biologico. Saggi biologici quali-quantitativi: riconoscimento di una droga vegetale o di un suo derivato mediante saggi di attività in vivo e/o in vitro, su un reattivo biologico; determinazione del titolo di una droga o di un suo derivato mediante dosaggi di attività su cellule, tessuti, organi, organismi viventi (attività emolitica, potere amaricante).
Analisi per i possibili contaminanti: metalli pesanti, residui di pesticidi, radioattività, carica microbica.
La validazione dei metodi di analisi.

Le esercitazioni prevedono: il riconoscimento delle più comuni droghe presenti in commercio, sia come droga singola che in miscela, mediante l’ausilio dello stereomicroscopio o di un contafili e la preparazione di campioni per l’osservazione al microscopio ottico.

Alcuni degli argomenti riportati nel programma e già trattati nell’ambito di altri corsi (es. reazioni di identificazione dei principi attivi, analisi mediante tecniche cromatografiche, controllo carica microbica) verranno solo richiamati e proposti in un contesto di tipo applicativo e in riferimento alla specifiche di Farmacopea.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Durante le lezioni frontali saranno affrontate le problematiche generali connesse ai metodi di riconoscimento, identificazione e controllo delle droghe vegetali. Le conoscenze già acquisite nell’ambito di altri corsi saranno integrate ed inserite in un contesto pratico-applicativo. Le lezioni saranno affiancate da esercitazioni pratiche che hanno lo scopo di approcciare gli studenti alle metodiche di base che consentono di identificare sia a livello macroscopico che microscopico droghe vegetali grezze, sia in forma intera che polverizzata, esemplificate con le droghe più comunemente utilizzate nel settore erboristico.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Le presentazioni powerpoint utilizzate durante le lezioni saranno a disposizione degli studenti. È opportuno, tuttavia, che tale materiale sia integrato con gli appunti di lezione o con la consultazione di testi di riferimento
Testi di riferimento:
  • OMS-Società Italiana di Fitoterapia, Metodi per il controllo della qualità delle sostanze ricavate dalle piante medicinali. Milano: Press Point, 2003. studio Cerca nel catalogo
  • Wichtl Max, TESTO ATLANTE di FITOTERAPIA. Torino: UTET-Scienze Mediche, 2006. consultazione Cerca nel catalogo