Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Giurisprudenza
GIURISPRUDENZA
Insegnamento
ECONOMIA POLITICA (MOD. A)
GIP4068062, A.A. 2014/15

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2014/15

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Laurea magistrale ciclo unico 5 anni in
GIURISPRUDENZA (Ord. 2014)
GI0270, ordinamento 2014/15, A.A. 2014/15
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum GENERICO - SEDE DI TREVISO [999TV]
Crediti formativi 9.0
Denominazione inglese POLITICAL ECONOMY (MOD. A)
Sito della struttura didattica http://www.giurisprudenza.unipd.it
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede TREVISO

Docenti
Responsabile STEFANO SOLARI SECS-P/01

Corso integrato di appartenenza
Codice Insegnamento Responsabile
GIP4068060 ECONOMIA POLITICA ED ECONOMIA DELLE ISTITUZIONI (C.I.) STEFANO SOLARI

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINI O INTEGRATIVE D.M.270/04 Attività formative in ambiti disciplinari affini o integrativi a quelli di base e caratterizzanti, anche con riguardo alle culture di contesto e alla formazione interdisciplinare SECS-P/01 3.0
CARATTERIZZANTE Economico e pubblicistico SECS-P/01 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 72 153.0

Calendario
Inizio attività didattiche 22/09/2014
Fine attività didattiche 20/12/2014
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2017

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus

Caratteristiche comuni al Corso Integrato

Prerequisiti: Lo studente dovrebbe possedere una buona conoscenza della lingua italiana e le conoscenze di base di storia contemporanea.
Si richiede la familiarità con la matematica delle scuole medie inferiori per poter agevolmente risolvere frazioni, percentuali, proporzioni, etc.
Il corso richiede conoscenze elementari di analisi funzionale (la retta e la pendenza delle curve). Chi volesse rispolverare le sue conoscenze avrà la possibilità di frequentare alcune lezioni introduttive all'analisi matematica per l'economia politica.
Il corso richiede delle normali capacità di comprensione, astrazione e ragionamento autonomo garantite dal superamento delle scuole medie superiori.
Sono richieste competenze di studio autonomo sui testi consigliati.
Per beneficiare al massimo del corso, è necessario che lo studente abbia delle normali capacità informatiche per collegarsi al sito della Scuola per l'accesso ai materiali utili allo studio.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Lo studente dovrà sviluppare appropriate capacità di comprensione e comunicazione degli argomenti delle materie. Particolare enfasi è attribuita alla precisione lessicale.
Dovrà dimostrare di essere in grado di svolgere ragionamenti autonomi e logicamente corretti sui temi di economia e finanze pubbliche. Dovrà essere capace di sviluppare l'analisi di problemi concreti inquadrandoli con i quadri concettuali acquisiti.
Lo studente dovrà, in modo specifico, saper impostare e risolvere semplici problemi di analisi e calcolo.

Per l'Economia Politica: impostare analisi costi-benefici per situazioni specifiche a singoli attori; calcolare le elasticità; impostare problemi di capitalizzazione e sconto; impostare l'analisi di problemi micro e macro-economici.

Per Economia delle Istituzioni: analizzare i problemi economici legati al diritto. Saper analizzare i contratti. Saper valutare le conseguenze economiche dei provvedimenti legislativi.

Infine, lo studente dovrà aver acquisito tutte le nozioni che gli permettano di affrontare con competenza gli studi di Diritto che presuppongano la conoscenza di questioni economiche.
Modalita' di esame: L'esame consiste in una prova per ciascuna disciplina. L'esito finale è la media ponderata delle due prove.
Gli esami sono scritti (100' per Economia, 60' per Economia delle Istituzioni).
Il docente si riserva la facoltà di verificare le conoscenze dello studente tramite un colloquio orale se le circostanze lo rendono necessario.

Gli esami comprendono domande aperte, definizioni terminologiche e l'impostazione di semplici analisi economiche. Non vi sono quiz o risposte multiple.

Il docente effettua un'unica volta la correzione pubblica dello scritto. Lo studente può discutere o rifiutare la valutazione prima della registrazione.
Criteri di valutazione: Lo studente dovrà rispondere ai quesiti con proprietà terminologica e dovrà dimostrare la capacità di analisi e ragionamento utilizzando gli strumenti teorici presentati nel corso. Dovrà dimostrare di avere acquisito il significato di termini specialistici ed il ruolo delle fondamentali istituzioni economiche e finanziarie. Dovrà dimostrare di saper impostare il calcolo dell'imposta o del tasso d'interesse.
Il punteggio delle varie domande d'esame è esplicitato nel compito. Tuttavia, la precisione terminologica e la conoscenza delle fondamentali funzioni delle istituzioni sono il requisito minimo per la sufficienza. Il livello di sufficienza sarà determinato da conoscenze che permettano una ottima comprensione di articoli di giornale specialistici (tipo Sole 24h) e capacità di discussione ed argomentazione di pari livello. Il livello di eccellenza è rappresentato da una qualità delle risposte tale da evincere la capacità di comprensione e discussione di articoli specialistici su riviste scientifiche specializzate (ancorché non formalizzati).

Caratteristiche proprie del modulo

Contenuti: 1.Introduzione all'Economia Politica
2. L'analisi costi-benefici
3. Cenni di storia del capitalismo e del pensiero economico
4. La teoria del valore
5. Profitto e rendita
6. La teoria marginalista del consumatore e del produttore
7. L'offerta e l'equilibrio economico
8. L'impresa
9. Le forme di mercato: mercato concorrenziale, oligopolio, monopolio, concorrenza monopolistica
10. L'analisi break-even
11. La teoria Classica e marginalista dell'occupazione
12. La teoria keynesiana e la reazione al liberalismo
13. Lo Stato e le imposte, principi di Scienza delle Finanze
14. La teoria della moneta
15. Il sistema bancario e finanziario
16. Il commercio internazionale
17. Il sistema monetario internazionale e i mercati valutari
18. L'Unione Europea e la BCE
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso prevede 72 ore di lezione frontale sui temi trattati. I temi non trattati a lezione sono esclusi dal programma d'esame. Un rendiconto settimanale degli argomenti svolti ed eventuali risposte alle richieste di chiarimenti formulate dagli studenti sono postate settimanalmente nell'area moodle del corso sul sito della Scuola. Il docente mette a disposizione liberamente i lucidi delle lezioni nella stessa area web. E' prevista l'interazione ed il confronto con gli studenti sui temi trattati.
Sono previste due lezioni di approfondimento a carattere seminariale su temi specifici.
Sono previste lezioni di ripasso di geometria analitica all'inizio del corso in orario concordato con gli studenti.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Il docente inserisce il programma dettagliato, dispense e altri materiali di approfondimento su https://elearning.unipd.it/giurisprudenza/
Gli studenti possono porre domande al docente via e-mail che avranno risposte pubbliche sullo stesso sito.
Testi di riferimento:
  • Alessandro Roncaglia, Lineamenti di Economia Politica 4° ed.. Bari-Roma: Laterza, 2009. Cerca nel catalogo
  • Dispense specifiche su, https://elearning.unipd.it/giurisprudenza/. sito con iscrizione: --, --.
  • L. A. Franzoni, D. Marchesi, Economia e Politica Economica del Diritto. Bologna: Il Mulino, 2006. questo è il testo di Economia delle Istituzioni, ma alcune parti saranno anticipate in Economia Politica Cerca nel catalogo