Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
HUMAN RIGHTS AND MULTI-LEVEL GOVERNANCE
Insegnamento
INTERNATIONAL AND EUROPEAN LAW OF HUMAN RIGHTS (C.I.)
EPP4068129, A.A. 2014/15

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2014/15

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
HUMAN RIGHTS AND MULTI-LEVEL GOVERNANCE
EP1980, ordinamento 2013/14, A.A. 2014/15
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese INTERNATIONAL AND EUROPEAN LAW OF HUMAN RIGHTS
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione INGLESE
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile PAOLO DE STEFANI IUS/13

Moduli che appartengono al corso integrato

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione  
Anno di corso  

Calendario
Inizio attività didattiche --
Fine attività didattiche --
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2013

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti: Una buona conoscenza del diritto internazionale pubblico costituisce indispensabile presupposto per la proficua frequenza del corso.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Gli studenti acquisiscono una conoscenza approfondita di alcune tematiche particolarmente rilevanti nell'ambito del diritto internazionale dei diritti umani e delle nozioni essenziali del diritto internazionale dei conflitti armati e del diritto internazionale penale e di aspetti del diritto dell'Unione Europea. Lo studente sviluppa la capacità di identificare le questioni giuridiche fondamentali che caratterizzano le tendenze politiche a livello globale ed europeo, di articolare domande di ricerca significative e di utilizzare in modo efficace le fonti giuridiche, i documenti e la letteratura giuridica specialistica. Lo studente è inoltre in grado di ricondurre opportunamente le questioni socio-economiche e politiche all'ambito normativo, di governance e istituzionale appropriato, prestando particolare attenzione all'attuazione degli obblighi internazionali in materia di diritti umani da parte degli Stati. Gli studenti matureranno una particolare competenza nel trattare la giurisprudenza e gli standard delle corti internazionali e degli organismi internazionali di monitoraggio dei diritti umani, nonché nel campo della legislazione nazionale e della giusriprudenza in materia di crimini internazionali. Saranno inoltre in grado di affrontare criticamente le implicazioni giuridiche di dottrine quali quelle di sicurezza umana, responsabilità di proteggere, sviluppo umano, transizione democratica.
Modalita' di esame: La valutazione del corso integrato di International and European law of human rights avrà i seguenti componenti:
1. un saggio breve di circa 4000 parole (note e bibliografia comprese) su un tema a scelta tra quelli proposti dai rispettivi docenti relativi ai moduli del corso. Il paper va consegnato al docente di riferimento almeno una settimana prima della data dello scritto; il voto sul paper, dato dal docente interessato, “pesa” per il 40% del voto complessivo;
2. un elaborato scritto, da svolgere in classe in una sessione di circa un'ora e mezzo, nelle date definite, che sviluppi in modo sintetico alcune domande aperte relative ai tre segmenti del corso (ovvero: International law of human rights and international humanitarian and criminal law; EU human rights law, e Accountability for international crimes in Europe). Ogni docente dà il proprio voto sulle risposte date ai temi che gli competono. L’insufficienza su un solo modulo può essere riparata entro le successive due sessioni di esame rifacendo la prova sul solo modulo non superato. L'insufficienza su due o più moduli e l'insufficienza sul saggio breve comporta il non superamento dell'esame, salvo situazioni particolari.
Il voto finale è determinato tenendo conto anche, se del caso, del livello di partecipazione alle attività evidenziato dallo studente.
Criteri di valutazione: Gli esami scritti sono valutati sulla base della correttezza della risposta data, della qualità dell’argomentazione e della chiarezza dell’esposizione.
I papers sono valutati sulla base degli stessi criteri; se essi consistono nel commento ad una sentenza giudiziaria, ulteriori elementi considerati ai fini del voto sono l’uso corretto della terminologia giuridica, l’identificazione appropriata delle argomentazioni delle parti, l’esposizione di commenti personali sulle implicazioni sia specifiche al singolo caso sia di portata generale ricavabili dalla decisione.
La partecipazione è valutata tenendo in considerazione, tra le altre cose, lo l’impegno dello studente nel preparare attività non obbligatorie, intervenire nelle discussioni formulando domande e rispondendo alle domande poste, sia in classe sia, ove disponibile, nell'ambiente di e-learning.