Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze
BIOLOGIA MOLECOLARE
Insegnamento
GENETICA 2
SCP4068163, A.A. 2016/17

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2014/15

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
BIOLOGIA MOLECOLARE (Ord. 2008)
SC1166, ordinamento 2008/09, A.A. 2016/17
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 7.0
Denominazione inglese GENETICS 2
Sito della struttura didattica http://biologiamolecolare.scienze.unipd.it/2014/laurea
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Biologia
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/biologia/course/view.php?idnumber=2016-SC1166-000ZZ-2014-SCP4068163-N0
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA

Docenti
Responsabile RODOLFO COSTA BIO/18

Corso integrato di appartenenza
Codice Insegnamento Responsabile
SCP4068162 GENETICA 2 E BIOLOGIA MOLECOLARE 2 RODOLFO COSTA

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative BIO/18 7.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LABORATORIO 1.0 16 9.0
LEZIONE 6.0 48 102.0

Calendario
Inizio attività didattiche 01/10/2016
Fine attività didattiche 20/01/2017
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2015

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus

Caratteristiche comuni al Corso Integrato

Prerequisiti: Avere maturato le conoscenze previste dagli esami dei primi due anni del Corso di Laurea Magistrale.
Conoscenze e abilita' da acquisire: ll corso integrato affronta lo studio dei metodi avanzati della biologia molecolare, utilizzati nell’analisi del trascrittoma e nello studio dei fenomeni epigenetici. Vengono inoltre analizzate le caratteristiche principali della trascrizione e dell’epigenetica degli eucarioti. Il corso affronta i fondamenti della genetica delle popolazioni e dell'eredità extranucleare. Particolare attenzione viene inoltre dedicata allo studio dell'organizzazione dei genomi ed ai meccanismi che generano evoluzione molecolare (con particolare riguardo alla trasposizione, alle mutazioni, e alla ricombinazione).
Modalita' di esame: Prova scritta (alcuni esercizi/problemi da risolvere ed alcune domande che richiedono risposte articolate).
Criteri di valutazione: Comprensione degli argomenti e capacità critica di collegamento delle conoscenze acquisite con i concetti fondamentali della genetica e della biologia molecolare.

Caratteristiche proprie del modulo

Contenuti: Genetica di popolazioni: Frequenze alleliche e genotipiche. Relazioni tra frequenze geniche e genotipiche in popolazioni ideali: Legge di Hardy-Weinberg. Fattori dell’evoluzione: effetti della selezione, della deriva genetica, della mutazione, della migrazione e delle modalità riproduttive. Variabilità genetica nelle popolazioni e misura della variabilità genetica a livello del DNA. Minisatelliti e DNA fingerprinting. Metodi per la identificazione di polimorfismi del DNA. Evoluzione molecolare. Organizzazione del genoma. Famiglie multigeniche. Sequenze ripetute. Pseudogeni. Duplicazione e conversione genica. Tipi e modi di sostituzione nucleotidica. Tassi e pattern di sostituzione nucleotidica. Differenze dei tassi evolutivi tra geni. Tassi di evoluzione del DNA mitocondriale. Uso non-random dei codoni sinonimo. Orologi molecolari. Gli elementi trasponibili: Le caratteristiche generali degli elementi trasponibili. Gli elementi genetici trasponibili dei procarioti e degli eucarioti (Sequenze di inserzione, trasposoni batterici, il sistema Ac-Ds nel mais, elementi copia in Drosophila, i trasposoni P di Drosophila, elementi trasponibili nella specie umana. Elementi genetici trasponibili e trasmissione orizzontale dell’informazione genetica. Eredità non mendeliana: L’origine dei mitocondri e dei cloroplasti. L’organizzazione dei genomi extranucleari. Le leggi dell’eredità non mendeliana. Esempi di eredità non mendeliana. Esempi di eredità diversi dall’eredità extranucleare (l’effetto materno, il fenomeno dell’imprinting genomico). Mutazione e riparazione del DNA: Classificazione delle mutazioni. Tasso di mutazione spontanea, errori di replicazione e modificazioni delle basi. Mutazioni indotte, mutageni chimici e fisici. Tecniche genetiche per l’identificazione e l’analisi di mutazioni. Sistemi di ripararazione del DNA, proofreading e riparazione dei mismatch, riparazione post-replicativa, sistemi SOS. Rimozione delle lesioni per fotoriattivazione nei Procarioti, riparazione per escissione di basi e nucleotidi, riparazione delle rotture a doppio filamento negli Eucarioti. Malattie genetiche nell’uomo che derivano da mutazioni dei sistemi di riparazione del DNA.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Oltre alle lezioni frontali (48 ore) sono previste 16 ore di attività di laboratorio che prevedono l’esecuzione individuale di un esperimento di genetica molecolare. L'attività di laboratorio offre un esempio di applicazione sperimentale e del metodo procedurale di intepretazione dei risultati.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Si consiglia la consultazione di più manuali di Genetica (se aggiornati).
Il docente fornisce eventuale materiale aggiuntivo tramite piattaforma e-learning.
Testi di riferimento:
  • Mark F. Sanders, John L. Bowman, Genetica, un approccio integrato. --: Pearson, 2013. Ed. italiana a cura di Renata Cozzi e Caterina Tanzarella Cerca nel catalogo