Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria
SCIENZE FORESTALI E AMBIENTALI
Insegnamento
XILOLOGIA E TECNOLOGIA DEL LEGNO
AG02109607, A.A. 2016/17

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2015/16

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE FORESTALI E AMBIENTALI
AG0062, ordinamento 2014/15, A.A. 2016/17
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese XILOLOGY AND WOOD TECHNOLOGY
Sito della struttura didattica http://www.agrariamedicinaveterinaria.unipd.it
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Territorio e Sistemi Agro-Forestali (TeSAF)
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/scuolaamv/course/view.php?idnumber=2016-AG0062-000ZZ-2015-AG02109607-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede LEGNARO (PD)
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile TIZIANA URSO AGR/06

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative AGR/06 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LABORATORIO 2.0 16 34.0
LEZIONE 4.0 32 68.0

Calendario
Inizio attività didattiche 01/10/2016
Fine attività didattiche 20/01/2017
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2017

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
7 Commissione a.a. 2018/19 01/12/2018 30/11/2019 URSO TIZIANA (Presidente)
ZANETTI MICHELA (Membro Effettivo)
CAVALLI RAFFAELE (Supplente)
COLPI CRISTIANA (Supplente)
DE MAS GIOVANNA (Supplente)
LINGUA EMANUELE (Supplente)
PIVIDORI MARIO (Supplente)
6 Commissione a.a. 2017/18 01/12/2017 30/11/2018 URSO TIZIANA (Presidente)
CRIVELLARO ALAN (Membro Effettivo)
CAVALLI RAFFAELE (Supplente)
COLPI CRISTIANA (Supplente)
DE MAS GIOVANNA (Supplente)
LINGUA EMANUELE (Supplente)
PIVIDORI MARIO (Supplente)
5 Commissione a.a. 2016/17 01/12/2016 30/11/2017 URSO TIZIANA (Presidente)
CRIVELLARO ALAN (Membro Effettivo)
CAVALLI RAFFAELE (Supplente)
COLPI CRISTIANA (Supplente)
DE MAS GIOVANNA (Supplente)
LINGUA EMANUELE (Supplente)
PIVIDORI MARIO (Supplente)
4 Commissione A.A. 2015/16 01/12/2015 30/11/2016 URSO TIZIANA (Presidente)
CRIVELLARO ALAN (Membro Effettivo)
CAVALLI RAFFAELE (Supplente)
COLPI CRISTIANA (Supplente)
DE MAS GIOVANNA (Supplente)
LINGUA EMANUELE (Supplente)
PIVIDORI MARIO (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Lo studente deve avere tra le proprie competenze nozioni di botanica generale e sistematica: cellula vegetale, organizzazione di un albero, tessuti vegetali, xilema e floema, accrescimento primario e secondario.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Lo studente dovrà conoscere la struttura macroscopica e microscopica dei principali legni utilizzati in Italia a scopo commerciale, ed essere in grado di riconoscere macroscopicamente il legno delle specie legnose più diffuse in Italia. Dovrà essere in grado di leggere e di effettuare il collegamento tra l’anatomia dei tessuti xilematici e quanto appare ad occhio sui campioni lignei. Dovrà saper riconoscere i principali difetti del legno, spiegarne le cause, e valutare quindi la qualità del materiale in base alle diverse utilizzazioni. Dovrà conoscere le caratteristiche fisiche, meccaniche, termiche del legno, le loro variazioni e le cause di variazione. Dovrà essere in grado di svolgere semplici determinazioni come misurare l’umidità, la massa volumica, il ritiro e rigonfiamento lineare e volumetrico del legno.
Modalita' di esame: L’esame sarà svolto in forma orale, e comprenderà sempre l’identificazione macroscopica della specie legnosa di uno o più campioni lignei. Inoltre sullo stesso campione ligneo potrà essere chiesta la descrizione dei caratteri anatomici visibili ad occhio nudo e la valutazione dei difetti eventualmente presenti
Criteri di valutazione: La valutazione prenderà in esame i seguenti aspetti:
-conoscenza degli argomenti teorici
-capacità di riconoscere le specie legnose
- capacità di riconoscere e interpretare i caratteri dei legni
-capacità di effettuare collegamenti tra i diversi settori della materia
-sicurezza dell’esposizione
Il saper riconoscere i diversi legni sarà requisito essenziale, anche se non sufficiente, per il superamento dell’esame
Contenuti: Utilizzazioni del legno. Sezioni anatomiche. Anelli, porosità, alburno e durame, anima
Aspetti del legno. Odore, sapore, peso, durezza
Organizzazione del legno omoxilo. Tracheidi: morfologia, variazioni stagionali. Caratteri della parete delle tracheidi: punteggiature, ispessimenti, altro. Il parenchima nelle Conifere: parenchima assiale e radiale. Campi d’incrocio. Caratteri diagnostici connessi con il parenchima radiale. Canali resiniferi
Organizzazione del legno eteroxilo. Elementi vasali: perforazioni. Caratteri della parete, ispessimenti, punteggiature. Elementi tracheali imperforati (tracheidi)e fibre: diversi tipi. Parenchima assiale e radiale: classificazione nelle latifoglie. Caratteri diagnostici connessi con il parenchima radiale. Cristalli.
Struttura generale della parete di una fibra. Composizione chimica elementare del legno. Composizione organica: struttura dei polimeri di parete: cellulosa; emicellulose; pectine; lignina. Proteine di parete; legami tra polimeri. Architettura ultrastrutturale della parete: microfibrille e matrice. Organizzazione delle microfibrille nella parete primaria e in quella secondaria.
Organizzazione del fusto: corpo primario e secondario; la struttura primaria del fusto e passaggio alla struttura secondaria (cenni). La formazione del legno: il cambio cribro vascolare. Iniziali cambiali e derivate; attività cambiale. Il differenziamento cellulare.
Variazioni della struttura: legno giovanile, alburno e durame, rami e radici. Difetti del legno
Riconoscimento macroscopico del legno: preparazione del materiale, chiavi di riconoscimento
Riconoscimento del legno di conifere e latifoglie
Massa volumica: definizioni, determinazioni, fattori che la influenzano.
Relazioni legno-acqua: desorbimento e adsorbimento. Contenuto massimo d’umidità e in condizioni ambientali costanti. Isteresi. Umidità in condizioni variabili. Variazioni di u negli assortimenti legnosi. Misurazione di u
L’igrometro elettrico: funzionamento, errori, vantaggi. La normativa di riferimento. Confronto tra i diversi metodi per la determinazione e la stima dell’umidità.
Variazioni dimensionali e fattori che li influenzano. Anisotropia. Determinazione del ritiro e del rigonfiamento. Relazioni tra le variazioni dimensionali. Conseguenze in tondi e segati. Imbarcamento delle tavole. Deformazioni da essiccazione. Stabilizzazione del legno
Essiccazione del legno. Movimento dell’acqua nel legno. Le fasi dell’essiccazione. Stagionatura naturale. Il piazzale. Le cataste. Essiccazione artificiale. I forni da essiccazione. Difetti da essiccazione. Tensioni interne da essiccazione
Proprietà meccaniche del legno. Concetti di base: forza, sollecitazione, elasticità, modulo elastico comportamento visco-plastico. Diagramma carico-deformazione
Comportamento meccano sorbitivo del legno: peculiarità, problemi
Resistenze a compressione assiale semplice, compressione assiale con carico di punta, compressione trasversale e al traverso: modalità di rottura, fattore di qualità, fattori che influenzano le resistenze a compressione.
Resistenza a trazione assiale e trasversale. Taglio
Resistenza a flessione statica
Le prove su legno: normativa, metodi per provini netti e per legno in dimensioni d’uso
Legno per uso strutturale: classificazione a vista e a macchina. Categorie e classi di resistenza. La normativa.
Proprietà termiche del legno. Combustione. Resistenza al fuoco del legno strutturale
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: L’insegnamento sarà svolto mediante lezioni frontali, con l’ausilio di presentazioni Power Point che verranno fornite agli studenti. Saranno inoltre organizzate numerose esercitazioni in xiloteca, in laboratorio di anatomia, in aula di microscopia; in linea di massima sono previste le seguenti esercitazioni pratiche:
- osservazione di campioni di legno per l’esame delle tre sezioni e dei caratteri macroscopici;
- osservazione al microscopio ottico di preparati di legno di conifere e di latifoglie;
- riconoscimento macroscopico di alcuni legni di conifera e di latifoglia di interesse nazionale;
-riconoscimento e analisi dei difetti sui campioni legnosi;
- determinazione della massa volumica in diversi modi (per via geometrica, diretta e utilizzando il metodo della spinta di Archimede)
- determinazione dell’umidità in cubetti di legno: metodo per pesata e metodo elettrico
-determinazione dei ritiri lineari e volumetrici;
-rottura a flessione di microprovini di specie diverse utilizzando un’apparecchiatura sperimentale appositamente allestita: determinazione del modulo elastico e del carico di rottura;
- indagini non distruttive su legno strutturale: uso del resistograph
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Il materiale didattico sarà consultabile al link: https://elearning.unipd.it/scuolaamv/ (Piattaforma Moodle di Scuola)
In xiloteca sono disponibili per la consultazione i legni proposti nelle esercitazioni.
Si consiglia la consultazione dei diversi testi proposti per approfondire quanto riportato nelle slides di lezione, che forniscono solo una traccia di studio.
Tra i numerosi siti scientifici sul legno si consigliano:
http://www.netsilva.org/silvasito/Arsia/Xyloteca.htm: chiavi di riconoscimento sia macro che microscopiche, per legni italiani
http://www.woodanatomy.ch/ : chiavi di riconoscimento sia macro che microscopiche, per legni europei
http://insidewood.lib.ncsu.edu : data base sia macro che micro
http://www.populus.it/xilo.php : glossario multilingue
Altri siti verranno consigliati a lezione.
Ricevimento studenti: su appuntamento, via mail, o al termine della lezione
Testi di riferimento:
  • Pollini C., Manuale per la classificazione visuale qualitativa del legno tondo di Abete Rosso, Abete Bianco e Larice. Trento: --, 2006. scaricabile liberamente: http://www.ivalsa.cnr.it/fileadmin/ivalsa/files/documenti/volumi/manqual.pdf Cerca nel catalogo
  • USDA, Wood Handbook, Wood as an Engineering Material. Madison, WI: U.S.: Dep. of Agriculture, Forest Product Laboratory, 2010. scaricabile liberamente: http://www.fpl.fs.fed.us/documnts/fplgtr/fpl_gtr190.pdf
  • Nardi Berti R., La struttura anatomica del legno ed il riconoscimento dei legami italiani di più corrente impiego.. Firenze: C.N.R. Istituto del legno, 2006.
  • Tsoumis G., Science and technology of wood. Structure, properties, utilization. New York: Van Nostrand Reinhold, 1991. Cerca nel catalogo
  • Giordano G., Tecnologia del legno, Vol. 1. Torino: UTET, 1998. disponibile in biblioteca