Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze
BIOLOGIA
Insegnamento
ECOLOGIA MARINA
SCP3053527, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
BIOLOGIA
SC1165, ordinamento 2008/09, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 10.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese MARINE ECOLOGY
Sito della struttura didattica http://biologia.scienze.unipd.it/2018/laurea
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Biologia
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MARIA MARIN BIO/07

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative BIO/07 10.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LABORATORIO 1.0 16 9.0
LEZIONE 9.0 72 153.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2008

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
6 ECOLOGIA MARINA 2018-2019 01/10/2018 30/11/2019 MARIN MARIA (Presidente)
MATOZZO VALERIO (Membro Effettivo)
ZANE LORENZO (Supplente)
5 ECOLOGIA MARINA 2017/2018 01/10/2017 30/11/2018 MARIN MARIA (Presidente)
MATOZZO VALERIO (Membro Effettivo)
ZANE LORENZO (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Aver seguito il corso di Ecologia
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso ha l’obiettivo di fornire conoscenze sui principali aspetti fisici e chimici dell’ambiente marino e sulle diverse componenti biotiche che lo popolano, al variare della profondità e della latitudine. Particolare attenzione sarà data alla valutazione dell’influenza dei parametri ambientali sulla distribuzione degli organismi e delle comunità, nonché all’analisi degli adattamenti, delle interazioni intra- ed interspecifiche, e della produttività.
Potranno inoltre essere acquisite competenze sulle modalità di campionamento in mare (acqua, sedimento, plancton, benthos) e sui metodi per lo studio dei campioni biologici e la determinazione dei parametri chimico-fisici.
Modalita' di esame: Scritto con 10 domande a risposta aperta, a scelta multipla e a riempimento
Criteri di valutazione: Sarà valutata l’acquisizione di competenze sia sugli argomenti trattati nelle lezioni frontali, sia sulle attività svolte in campo e in laboratorio. Saranno complessivamente valutate la comprensione degli argomenti trattati durante il corso, la capacità di collegare criticamente le diverse conoscenze acquisite, la chiarezza e la completezza delle risposte fornite.
Contenuti: 1) Aspetti fisici e chimici dell’ambiente marino (3 CFU)
Origine e morfologia dei bacini oceanici, distribuzione della temperatura e penetrazione della luce nella massa d’acqua, chimismo delle acque e dei sedimenti (salinità, gas disciolti, macro- e micronutrienti), movimenti delle acque (correnti, onde, maree).

2) L’ambiente marino: dominio pelagico e dominio bentonico (3 CFU)
Gli organismi del mare:
- plancton: olo- e meroplancton, virioplancton, batterioplancton, micoplancton, fitoplancton e zooplancton; meccanismi di galleggiamento; distribuzione spaziale; migrazioni verticali; produzione primaria e fattori che la influenzano: luce, nutrienti, moti di rimescolamento; interazioni fito-zooplancton: il grazing; variazioni latitudinali e stagionali della produzione primaria e della biomassa fito- e zooplanctonica in acque costiere e oceaniche; sostanza organica particellata (POM) e disciolta (DOM), microbial loop e viral shunt; eutrofizzazione e “dead zones”; comunità planctoniche di acque eutrofiche ed oligotrofiche; metodi di misura della biomassa e della produzione primaria e secondaria; metodi di campionamento delle diverse componenti del plancton
- necton: galleggiamento e nuoto; difesa e camuffamento; comunicazione e produzione di suoni; schooling; migrazioni; adattamenti nei mammiferi marini; modalità di alimentazione
- catene e reti trofiche pelagiche
- benthos: fito- e zoobenthos; influenza della natura del substrato: fondi molli e duri; modalità di alimentazione del benthos; zonazione del benthos: sistema litorale e sistema profondo; organismi intertidali e loro adattamenti; meiofauna; metodi di campionamento e studio del benthos.

3) Habitat e comunità della piattaforma continentale (1.5 CFU)
Variazioni dei principali fattori abiotici e loro effetti sulla struttura delle comunità; caratteristiche delle comunità e delle reti trofiche intertidali e subtidali; estuari e lagune; acquitrini salmastri e paludi a mangrovie; praterie di fanerogame; comunità algali; formazioni coralline.

4) Gli ambienti profondi (1 CFU)
Habitat marini profondi; biodiversità; adattamenti ad alti valori di pressione, alla scarsità o mancanza di luce, alla scarsità di cibo; nanismo e gigantismo abissale; ecosistemi chemosintetici: “hydrothermal vents”, “cold seeps”, carcasse di grandi cetacei.

5)Impatti antropici sugli ecosistemi marini (0.5 CFU)
Prelievo di risorse biotiche e abiotiche, introduzione di specie alloctone e riduzione della biodiversità, alterazione e perdita di habitat, inquinamento e cambiamenti climatici.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali con presentazioni Power Point corredate di schemi, immagini e video.
Attività in campo e in laboratorio per complessive 16 ore, comprendenti 1) un’uscita in mare dedicata in particolare al campionamento di acqua, fito-e zooplancton, benthos e a misure dei principali parametri chimico-fisici; 2) laboratori dedicati alle metodologie di analisi e di studio dei campioni raccolti e all’identificazione dei principali taxa.
L’uscita in mare a bordo di un peschereccio offrirà l’occasione per un primo contatto con il mondo della pesca nell’Alto Adriatico.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Saranno fornite allo studente le presentazioni Power Point delle lezioni e test di autovalutazione al termine di ogni esercitazione in campo o in laboratorio.
Testi di riferimento:
  • Danovaro R, Biologia marina – biodiversità e funzionamento degli ecosistemi marini.. Novara: CittàStudi Edizioni, 2013. Cerca nel catalogo
  • Castro P., Huber M.E., Biologia marina. Milano: Mc Graw Hill, 2011. Cerca nel catalogo
  • Cognetti, G., Sarà, M., Magazzù, G., Biologia Marina. Milano: Calderini, 2010. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Laboratory
  • Working in group
  • Questioning
  • Work-integrated learning
  • Active quiz per verifiche concettuali e discussioni in classe
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Agire per il clima La vita sott'acqua