Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
STORIA E TUTELA DEI BENI ARTISTICI E MUSICALI
Insegnamento
ANTROPOLOGIA CULTURALE
LE19100348, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
STORIA E TUTELA DEI BENI ARTISTICI E MUSICALI
LE1855, ordinamento 2011/12, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese CULTURAL ANTHROPOLOGY
Sito della struttura didattica http://www.beniculturali.unipd.it/www/homepage/
Dipartimento di riferimento Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica (DBC)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MARIA TERESA MILICIA M-DEA/01

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE19100348 ANTROPOLOGIA CULTURALE MARIA TERESA MILICIA LE0600

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative M-DEA/01 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019

Syllabus
Prerequisiti: Nessun prerequisito
Conoscenze e abilita' da acquisire: 1)Conoscenza generale della storia delle teorie antropologiche e dei metodi della ricerca etnografica nei contesti coloniali e postcoloniali.
2)Conoscenza dei temi classici dell'antropologia culturale e confronto con le sfide epistemologiche della contemporaneità.
3)Conoscenza della genealogia storica delle nozioni di "cultura", "razza", "classe", "etnia", "etnicità" "genetic ancestry" e la loro funzione di dispositivi classificatori nei diversi contesti d'uso: nelle scienze umane e sociali, nelle scienze biologiche, nella comunicazione di massa, nelle pratiche di affermazione identitaria.
4)Capacità di riconoscere le determinanti culturali nella costruzione politica delle disuguaglianze socio-economiche, di genere, delle forme di razzismo istituzionale.
5)Conoscenza dei processi di mobilitazione conflittuale delle identità culturali, religiose, etniche, delle pratiche di razzializzazione nelle società globalizzate.
5)Acquisire la riflessività critica, epistemologica e politica necessarie alla relazione dialogica interculturale, sia nelle pratiche professionali che nell'impegno civile per una società inclusiva.
Modalita' di esame: FREQUENTANTI: L'ESAME FINALE consiste in una PROVA SCRITTA. La prova comprende un test di 20 quesiti a risposta multipla, 5 a risposta aperta e una breve sintesi su un tema a scelta dello studente tra quelli approfonditi durante le lezioni. La durata complessiva dell'esame scritto sarà di circa 3 ore.
Durante il corso sono previste verifiche intermedie che hanno lo scopo di saggiare l'efficacia dell'azione didattica e preparare allo svolgimento della prova finale.

NON FREQUENTANTI: L'ESAME per i NON FREQUENTANTI consiste in una PROVA ORALE. Le domande sottoposte allo studente NON FREQUENTANTE riguardano gli argomenti trattati nel manuale di Storia dell'Antropologia e nel saggio a scelta dello studente tra l'elenco proposto in TESTI DI RIFERIMENTO.
Criteri di valutazione: FREQUENTANTI:
L'assiduità della frequenza è importante per una preparazione adeguata che consenta di superare con profitto l'esame finale. La valutazione complessiva terrà conto di:

1)numero di risposte corrette ai quesiti a risposta chiusa.

2)pertinenza delle risposte e capacità argomentativa nei quesiti a risposta aperta.

3)riflessività critica nello svolgimento del tema di approfondimento scelto dallo studente.

NON FREQUENTANTI:

1)Sarà valutata la conoscenza della storia dell'antropologia culturale sulla base del contenuto del manuale di riferimento.
2)Sarà valutato il livello di approfondimento della lettura del testo scelto e la capacità di inserirlo nel contesto storico di riferimento fornito dal manuale.
Contenuti: I contenuti del corso sono stati elaborati in funzione del percorso triennale di formazione alla ricerca storica e degli obiettivi formativi contenuti nella declaratoria ministeriale del Decreto n. 616 del 10 Agosto 2017 (allegato A) inerente all'ottenimento dei 24 cfu necessari come requisiti d'accesso al concorso per la formazione degli insegnanti.

1)Introduzione all'antropologia culturale:
unità e diversità del genere umano, definizione di cultura, relazione biologia-cultura, universalismo, relativismo culturale, etnocentrismo critico, relativismo e diritti umani, multiculturalismo, intercultura.
2)Storia dell'antropologia:
principali correnti di pensiero dall'evoluzionismo culturale al postmodernismo; la ricerca sul campo, metodologie della ricerca etnografica, esempi di etnografie classiche, esempi di etnografie contemporanee.
3)Genealogia dei concetti classificatori:
antropologia razziale, dal concetto tipologico di "razza" alla genetica delle popolazioni, "razza" e cultura; definizioni funzionaliste di cultura, definizioni semiotiche, definizioni patrimonialiste, habitat culturale, localismi e cultura; etnia ed etnologia coloniale, nozione di "frontiera etnica", definizione di etnicità.
3)Costruzione delle disuguaglianze e delle gerarchie sociali: processi politici di etnicizzazione/razzializzazione del sociale, conflitto etnico, fondamentalismo e violenza, nuove forme di razzismo, razzismo e fenomeni migratori in Italia.
4)Costruzione culturale del genere: disuguaglianza nelle relazioni di genere, dominio maschile e violenza, antropologia femminista e relativismo culturale, nuove forme di famiglia.
5)Nuove frontiere dell'antropologia:
• L'eredità coloniale dei musei etno-antropologici, le
rivendicazioni della proprietà culturale, movimenti di
repatriation dei resti umani, ancestry genetica, identità e
appartenenza territoriale.
• Antropologia dei media digitali, linguaggi e simboli negli
spazi globalizzati della comunicazione.
• Antropologia dell’educazione, l’incontro interculturale e la
didattica riflessiva.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Sono previste:

1) Lezioni frontali con proiezione di PowerPoint.
2) Utilizzo di materiali audiovisivi online.
4) Proposte di discussione su temi controversi attinenti al
relativismo etico.
3) Utilizzo del forum di Moodle per segnalare eventi,
dibattiti scientifici, contenuti digitali online.

Il corso prevede l’allestimento di un learning set interattivo:
durante le prime lezioni sarà proposto un test per saggiare le conoscenze di base dei frequentanti e per provocare "critical incidents" che stimolino la discussione e predispongano alla partecipazione attiva alle lezioni in aula.
La docente proporrà e accoglierà proposte di approfondimento da parte dei frequentanti su temi di attualità, dibattiti scientifici, controversie culturali attinenti al programma del corso da discutere in aula o da elaborare per lavori individuali o di gruppo.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: FREQUENTANTI
Usufruiranno dei materiali disponibili su Moodle:
1) PowerPoint presentanti a lezione.
2) Selezione di testi integrativi di base.
3) Cartelle organizzate per temi contenenti i riferimenti di
approfondimento delle discussioni in aula, i files con link
ai siti web visitati o da visitare.


I NON FREQUENTANTI DOVRANNO STUDIARE I MANUALI DI ANTROPOLOGIA OBBLIGATORI E UN TESTO A SCELTA TRA QUELLI INDICATI NELLA BIBLIOGRAFIA.
Testi di riferimento:
  • UGO FABIETTI, STORIA DELL'ANTROPOLOGIA. Bologna: Zanichelli, 2011. MANUALE OBBLIGATORIO NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • FABIO DEI, ANTROPOLOGIA CULTURALE (Seconda Edizione). Bologna: Il Mulino, 2016. MANUALE OBBLIGATORIO NON FREQUENTANTI
  • AA.VV., Rivista Voci - numero monografico sul razzismo e il linguaggio dell'odio (a cura di Fiorella Giacalone). Cosenza: Pellegrini, 2016. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI (La parte monografica e la sezione "Passaggi")
  • Sandra Puccini, Mondi Narrati. Contaminazioni e incontri fra Antropologia e Letteratura. Roma: CISU, 2007. TESTO A SCELTA PER NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Sandra Puccini, Uomini e cose. Appunti antropologici su Esposizioni, Collezioni, Musei. Roma: CISU, 2012. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Sandra Puccini, Andare lontano. Viaggi ed etnografia nel secondo Ottocento. Roma: Carocci, 1999. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Anna Paini - Matteo Aria (a cura di), La densità delle cose. Oggetti ambasciatori tra Europa e Oceania. Pisa: Pacini, 2014. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI
  • Katia Ballacchino, Etnografia di una passione. I Gigli di Nola tra patrimonializzazione e mutamento ai tempi dell’Unesco. Roma: Armando, 2015. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Fabio Dei, Terrore suicida. Religione, politica e violenza nelle culture del martirio. Roma: Donzelli, 2016. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Enzo Alliegro (a cura di), Frank Hamilton Cushing tra gli Zuñi del New Mexico. 1879-1884. Roma: CISU, 2016. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI
  • Sandra Puccini, Il corpo, la mente e le passioni. Roma: CISU, 2006. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Maria Teresa Milicia, Lombroso e il brigante. Storia di un cranio conteso. Roma: Salerno, 2014. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Valeria Trupiano, Gli usi della diversità genetica. DNA, parentele e politiche dell'appartenenza. Bologna: Il Mulino, 2014. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Elisabetta Moro, La dieta mediterranea. Mito e storia di uno stile di vita. Bologna: Il Mulino, 2014. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Ugo Fabietti, L'identità etnica. Storia e critica di un concetto equivoco. Roma: Carocci, 2013. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Clifford Geertz, Opere e vite. L'antropologo come autore. Bologna: Il Mulino, 1990. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Pier Giorgio Solinas, Ancestry. Parentele elettroniche e lignaggi genetici. Firenze: Edit, 2015. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Jean-Loup Amselle, Il museo esposto.L'alterità culturale e la sua rappresentazione negli spazi espositivi. Roma: Meltemi, 2017. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI
  • Michael Taussig, La bellezza e la bestia. Il fascino perverso della chirurgia estetica. Roma: Meltemi, 2017. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Antonello Ricci, Il secondo senso. Per un'antropologia dell'ascolto. Milano: Franco Angeli, 2016. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Ugo Fabietti, Medio Oriente. Uno sguardo antropologico. Milano: Raffaello Cortina, 2016. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI Cerca nel catalogo
  • Leonardo Piasere, A scuola. Tra Antropologia e educazione. Firenze: Seid, 2010. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI
  • Roberta Bonetti, La trappola della normalità. Antropologia ed etnografia dei mondi della scuola. Firenze: Seid, 2014. TESTO A SCELTA NON FREQUENTANTI

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Problem based learning
  • Active quiz per verifiche concettuali e discussioni in classe
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Uguaglianza di genere Ridurre le disuguaglianze Pace, giustizia e istituzioni forti