Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria
MEDICINA VETERINARIA
Insegnamento
ZOOTECNICA GENERALE E MIGLIORAMENTO GENETICO
AVP7079863, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Laurea magistrale ciclo unico 5 anni in
MEDICINA VETERINARIA (Ord. 2017)
MV0991, ordinamento 2017/18, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 11.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese ANIMAL BREEDING AND GENETICS
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS)
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede LEGNARO (PD)
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di MEDICINA VETERINARIA (Ord. 2017)

Docenti
Responsabile PAOLO CARNIER AGR/17
Altri docenti MICHELE DRIGO VET/05

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
BASE Discipline biologiche e genetiche vegetali ed animali AGR/17 2.0
CARATTERIZZANTE Discipline della zootecnica, allevamento e nutrizione animale AGR/17 4.0
CARATTERIZZANTE Discipline delle metodologie informatiche e statistiche SECS-S/02 5.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
ESERCITAZIONE 2.0 20 30.0
LEZIONE 9.0 90 135.0

Calendario
Inizio attività didattiche 01/10/2018
Fine attività didattiche 18/01/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2017

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
2 Commissione a.a. 2018/19 01/12/2018 30/11/2019 CARNIER PAOLO (Presidente)
DRIGO MICHELE (Membro Effettivo)
BAILONI LUCIA (Supplente)
BONFATTI VALENTINA (Supplente)
RICCI REBECCA (Supplente)
TROCINO ANGELA (Supplente)
1 Commissione a.a. 2017/18 01/12/2017 30/11/2018 CARNIER PAOLO (Presidente)
DRIGO MICHELE (Membro Effettivo)
BAILONI LUCIA (Supplente)
BONFATTI VALENTINA (Supplente)
RICCI REBECCA (Supplente)
TROCINO ANGELA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Allo studente è richiesta la conoscenza della biologia e degli elementi della statistica descrittiva di base normalmente appresi nella scuola secondaria
Conoscenze e abilita' da acquisire: Lo studente dovrà conoscere le principali caratteristiche del settore dell'allevamento degli animali da reddito e delle razze allevate, dovrà acquisire le conoscenze relative alle basi teoriche della genetica quantitativa e comprendere la sua applicazione al settore del miglioramento genetico degli animali. A tal fine è anche richiesta la capacità di utilizzare correttamente i metodi biostatistici di base per l’analisi di dati di interesse nel settore medico-veterinario e di interpretare i risultati ottenuti dalle procedure analitiche utilizzate. Nel modulo di Metodologie e di Analisi del Rischio si punta sulla comprensione dei principi metodologici fondamentali del risk assessment. Lo studente deve acquisire la capacità di effettuare calcoli probabilistici e capire le procedure inferenziali di base su dati ed evidenze
Modalita' di esame: L'esame è scritto, si basa su un test con domande a risposta multipla, vero-falso e a risposta libera e prevede esercizi ed elementi di teoria. Lo studente frequentante ha la possibilità di scegliere un percorso di verifica basato su tre accertamenti in itinere (Sistemi di produzione animale, Biostatistica applicata, Genetica animale applicata). Per accedere alla verifica di Genetica animale applicata è necessario aver sostenuto e superato la verifica di Sistemi di produzione animale. Il voto finale è determinato per il 25% dal risultato conseguito nella verifica di Biostatistica applicata, per il 25% da quello ottenuto nella verifica di Sistemi di produzione animale e per il 50% da quello della verifica di Genetica animale applicata. La mancata partecipazione a una delle 3 prove in itinere annulla i risultati delle altre. Nel modulo di Metodologie di Analisi del rischio sono previste due prove in itinere.
In ogni caso, il voto d'esame è determinato sulla base della media ponderata delle votazioni conseguite nel modulo di Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico (ZGMG) e di Metodologie di Analisi del Rischio (MAR) secondo la seguente relazione:
votazione = (votazione ZGMG x 9 + votazione MAR x 2) / 11.
Criteri di valutazione: Lo studente sarà valutato sulla base:
a) delle conoscenze che dimostrerà di aver acquisito;
b) sulla capacità di applicare gli strumenti metodologici per l'analisi biostatistica di dati d'interesse medico-veterinario e sulla capacità d'interpretare e analizzare criticamente i risultati ottenuti;
c) sulla capacità di utilizzare in modo adeguato gli strumenti operativi del miglioramento genetico animale e d'interpretare correttamente le informazioni relative alla valutazione genetica e alla selezione delle popolazioni animali allevate
d) sulla capacità di eseguire calcoli di rischio con adeguato atteggiamento critico e valutativo.
Contenuti: Metodologie di Analisi del Rischio (2 CFU)
Il corso introduce elementi di analisi del rischio. Definizione di risk analysis, risk assessment e risk communication. Dati e tipi di variabili. Parametri di tendenza centrale e di dispersione. Probabilità. Teorema della somma e del prodotto. Teroema di Bayes. Rischio relativo. Distribuzioni di probabilità: Binomiale, Poisson, Normale e Normale standardizzata. Uso delle tavole di probabilità. Inferenza statistica ed incertezza. Teoria della stima. Intervalli di confidenza per medie e proporzioni. Esprimere e comunicare l’incertezza statistica. Modelli di risk assessment e casi studio.

Biostatistica applicata (3 CFU)
Il concetto di distribuzione campionaria e il suo impiego nei test d'ipotesi. Il teorema del limite centrale. Intervalli fiduciali di un parametro. Test di ipotesi. Regressione e correlazione. Analisi della varianza a una via. Analisi della varianza a due vie senza e con interazione. Analisi della covarianza.

Parte pratica: esercitazioni con applicazioni basate su foglio elettronico

Genetica animale applicata (6 CFU)
1) Il settore dell'allevamento degli animali da reddito.
L'allevamento degli animali da reddito. Obiettivi del settore dell'allevamento degli animali da reddito. Il prodotto carne. Il prodotto latte e i suoi derivati. Il settore dell'allevamento dei bovini da latte. Tipologie di allevamenti bovini da latte. Il settore della produzione della carne bovina. Gli allevamenti di bovini da carne. La produzione del vitellone. La produzione del vitello a carne bianca. Caratteristiche del comparto suinicolo nazionale e sua specificità. La produzione di prodotti tipici stagionati e i disciplinari di produzione. Allevamenti suinicoli a ciclo aperto da riproduzione e da ingrasso. Allevamento suinicoli a ciclo chiuso.
Etnologia. Razze bovine specializzate da latte. Razze bovine specializzate da carne. Razze bovine a duplice attitudine latte carne. Razze suine.
2) Miglioramento genetico animale.
Il miglioramento genetico degli animali. Obiettivi del miglioramento genetico. Caratteristiche e fasi di un programma di miglioramento genetico. Caratteri qualitativi e quantitativi. Effetti genetici e variabilità dei caratteri quantitativi. Definizione di breeding value. Ereditabilità e ripetibilità di un carattere quantitativo. Stima del breeding value: aspetti generali. Accuratezza di stima del breeding value. Rapporti di parentela additiva tra animali. Il metodo tabulare. Consanguineità e i suoi effetti. Metodi di valutazione genetica dei candidati riproduttori. Utilizzazione dei cataloghi dei riproduttori. La risposta alla selezione e il progresso genetico. Sottopopolazioni. Risposta selettiva correlata e selezione indiretta. Selezione per più caratteri. Selezione gene-assisted , marker-assisted e selezione genomica. L’incrocio e la produzione degli ibridi commerciali. La selezione contro le patologie a base ereditaria nel cane.

Parte pratica. Applicazione del metodo tabulare per il calcolo dei rapporti di parentela additiva e dei coefficienti di consanguineità. Applicazione dei metodi di valutazione genetica. Utilizzazione dei cataloghi dei riproduttori e sviluppo di piani di accoppiamento. Calcolo della risposta attesa alla selezione.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Genetica animale applicata
Lezioni teoriche: 50 ore
Parte pratico-esercitazionale: 10 ore

Biostatistica applicata
Lezioni teoriche: 18 ore
Parte pratico-esercitazionale: 12 ore

Metodologie di Analisi del Rischio
Lezioni teoriche: 20 ore con esemplificazioni in aula e discussioni di casi studio.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Il materiale utilizzato per le lezioni (powerpoint slides) viene reso disponibile su piattaforma Moodle (https://elearning.unipd.it/scuolaamv/).
Inoltre agli studenti vengono forniti esercizi e materiale di approfondimento.
Per lo studio delle razze lo studente può fare riferimento al sito http://genweb.dsa.unipd.it/carnier/webrazze.htm.
E' disponibile un test cui lo studente può sottoporsi in modo anonimo per l'autovalutazione (http://genweb.dsa.unipd.it/carnier/autoval/zootgen.htm) e di cui si suggerisce l'uso in prossimità della prova di esame.

Orario di ricevimento: tutti i giorni previo appuntamento richiesto via e-mail al docente.
Testi di riferimento:
  • G. Pagnacco, Genetica animale applicata. --: Casa Editrice Ambrosiana, 2004. ISBN : 8840813047 Cerca nel catalogo
  • G. Bittante, I. Andrighetto, M. Ramanzin, Fondamenti di Zootecnica. Torino: Petrini Editore, 1999. Cerca nel catalogo
  • R. Larson, B. Farber, Elementary statistics : picturing the world. --: Pearson, 2011. ISBN-10: 0321693620; Inglese
  • D.S. Falconer, Introduction to Quantitative Genetics. --: Benjamin-Cummings Publishing Company, 1996. ISBN: 0582243025; Inglese Cerca nel catalogo
  • Bernard A. Rosner, Fundamentals of Biostatistics. --: Thomson Brooks/Cole, 2005. Cerca nel catalogo
  • Michael C. Whitlock, Dolph Schluter, Analisi statistica dei dati biologici. --: Zanichelli, 2010. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Problem based learning
  • Problem solving

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Fame Zero Consumo e produzione responsabili