Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria
MEDICINA VETERINARIA
Insegnamento
FISIOLOGIA VETERINARIA 1 ED ETOLOGIA
AVP7079897, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Laurea magistrale ciclo unico 5 anni in
MEDICINA VETERINARIA (Ord. 2017)
MV0991, ordinamento 2017/18, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 12.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese VETERINARY PHYSIOLOGY 1 AND ETHOLOGY
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS)
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede LEGNARO (PD)
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di MEDICINA VETERINARIA (Ord. 2017)

Docenti
Responsabile LIETA MARINELLI VET/02
Altri docenti PAOLO MONGILLO VET/02
PAOLO MONGILLO VET/02
SIMONA ROSARIA CARLA NORMANDO VET/02

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
BASE Discipline della struttura e funzione degli organismi animali VET/02 12.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
Turni
ESERCITAZIONE 4.0 40 60.0 2
LEZIONE 8.0 80 120.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 01/10/2018
Fine attività didattiche 18/01/2019

Syllabus
Prerequisiti: Lo studente dovrà conoscere l’anatomia microscopica e macroscopica delle specie di interesse veterinario, la biochimica e i principi di fisica medica.

Propedeuticità: Biochimica, Anatomia Veterinaria I e Anatomia Veterinaria II
Conoscenze e abilita' da acquisire: Conoscere e capire l’importanza delle strategie fisiologiche adottate da cellule, tessuti ed apparati per mantenere l’omeostasi nelle specie di interesse veterinario. Comprendere come l’alterazione di tali meccanismi induca lo stato di malattia e il ripristino degli stessi rappresenti il bersaglio dei farmaci.
Conoscere i principi dell’etologia, capire la funzione, l’ontogenesi e i meccanismi alla base del comportamento delle specie di interesse veterinario. Acquisire conoscenze teoriche e pratiche al fine di identificare comportamenti normali e anormali.
Sviluppare capacità di analisi critica dei meccanismi fisiologici ed etologici finalizzate alla individuazione e risoluzione di problemi connessi alla futura professione di Medico Veterinario.
Conoscere i fabbisogni etologici delle specie di interesse veterinario, e sviluppare capacità di valutare e garantire il loro soddisfacimento, attraverso intervento diretto sull’animale e/o indicazioni fornite al suo detentore.
Modalita' di esame: Lo studente può scegliere all’inizio del corso una tra le due seguenti opzioni di svolgimento dell’esame:
- verifiche parziali in itinere articolate in quesiti a risposta multipla, quesiti a risposta aperta e esercizi.
- esame finale scritto (articolato in domande aperte e esercizi) o orale.
Criteri di valutazione: La votazione finale terrà conto delle relazioni svolte durante le attività pratiche e delle conoscenze teoriche e pratiche secondo gli obiettivi indicati nella sezione conoscenze ed abilità da acquisire.
Lo studente verrà valutato sia per le conoscenze acquisite che per la capacità di discutere ed interpretare le stesse in un contesto applicato alla medicina veterinaria.
Contenuti: Le lezioni frontali discuteranno i seguenti argomenti:
1) I liquidi corporei e il sangue. Volumi e caratteristiche dei diversi compartimenti liquidi dell’organismo. Proteine plasmatiche, parametri eritrocitari, parametri leucocitari. Piastrine. Emopoiesi, eritrocateresi ed emostasi. Fattori e meccanismi della coagulazione, anticoagulanti. Gruppi sanguigni degli animali domestici.
2) I tessuti eccitabili. Il neurone e l'attività nervosa elementare. Potenziale transmembranario. Potenziale d'azione. Conduzione degli impulsi nervosi. Potenziale d'azione composto. La trasmissione inter-neuronica degli impulsi. Organizzazione sinaptica. I neurotrasmettitori. Cenni alla farmacologia e tossicologia specifica della trasmissione sinaptica. Organizzazione funzionale del muscolo striato. Modello meccanico del sistema visco-elastico. Scossa semplice, sommazione, tetano. Curva tensione-lunghezza. Organizzazione e proprietà del muscolo liscio. Valutazione comparata della organizzazione morfo-funzionale del muscolo cardiaco.
3) Il sistema nervoso. Organizzazione funzionale dell’arco riflesso. Classificazione dei recettori. Percezione dolorifica e basi fisiologiche del dolore. Organizzazione e classificazione della propriocettività generale e speciale. Funzioni del midollo spinale, encefalo segmentario, tronco encefalico. Regolazione riflessa del tono muscolare. Funzioni del cervelletto. Sistemi talamici di proiezione alla corteccia. Sensibilità speciale nelle specie di interesse veterianario: vista, udito, gusto e olfatto. Cenni alle funzioni corticali. Fisiologia del sistema nervoso autonomo.
4) Apparato digerente. Analisi comparata della funzione digestiva negli animali domestici. Prensione degli alimenti e masticazione. Funzione della saliva. Deglutizione. Digestione e motilità gastrica comparata. Ruminanti: prensione dell'alimento degli animali pascolatori e raccoglitori. Riflesso della doccia esofagea. Apparato prestomacale ed abomaso. Ruolo di pancreas e fegato e meccanismi di controllo delle secrezioni esocrine. Digestione e assorbimento nell’intestino tenue e crasso. Ormoni gastrointestinali.
5) Etologia generale. Aspetti concettuali rilevanti . L’evoluzione del comportamento e il suo significato adattativo. Domesticazione. Basi genetiche del comportamento animale. Meccanismi di controllo e regolazione del comportamento. Emozioni e motivazione. Processi di apprendimento: non associativo, associativo, sociale, forme di apprendimento complesse. Principi di comunicazione animale. Organizzazione sociale delle specie animali di interesse veterinario.
6) Etologia speciale. Repertorio comportamentale e fabbisogni etologici di cane, gatto, cavallo, bovino, piccoli ruminanti, maiale, volatili e conigli, animali da laboratorio. Sviluppo del comportamento, gestione del cucciolo, gattino, puledro. Fabbisogni e gestione del cane in contesto clinico, domestico, pubblico e in canile/rifugio. Prevenzione dei principali problemi comportamentali nelle specie di interesse veterianrio.
Le attività pratiche copriranno:
Misurazioni di dati fisiologici e etologici. Valutazione e reintegro dei compartimenti fluidi. Attuazione di conte eritrocitarie e leucocitarie. Allestimento di formule leucocitarie. Analisi virtuale delle proprietà del muscolo scheletrico e liscio. Analisi virtuale di potenziali d'azione composti. Valutazione della discriminazione sensoriale. Analisi di attività riflesse. Valutazione delle manifestazioni delle attività autonomica e gastroenterica. Principi dell’apprendimento associativo e schemi di condizionamento. Identificazione di schemi comportamentali in specie di interesse veterinario, analisi di metodi per lo studio del comportamento.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il modulo prevede 80 di ore di lezione frontale e 40 di attività pratica esercitazionale finalizzata a rinforzare i principi discussi durante le lezioni e permettere un’esperienza critica e diretta di valutazione di parametri fisiologici ed etologici.
Le attività pratiche sono basate sulla partecipazione attiva degli studenti in lavoro di gruppo e prevedono una relazione finale con valutazione.
Il corso si completa con le attività previste per il tirocinio pratico-applicativo di etologia che lo studente deve eseguire in prima persona (hands on) sotto la supervisione di un docente.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Sulla piattaforma Moodle (https://elearning.unipd.it/scuolaamv/) sono disponibili:
- Syllabus con il dettaglio della programmazione settimanale e le indicazioni puntuali dei materiali utili allo studio settimanale
- Obiettivi didattici utili anche come autovalutazione
- Slides settimanali discusse nelle lezioni frontali
- Eventuali articoli scientifici o scritti di approfondimento

Per eventuali richieste di chiarimento il docente è disponible presso il suo ufficio in piazzetta del Donatore 4 a Legnaro, tutti i giorni lavorativi previo appuntamento da concordare via email.


Testi di concultazione e approfondimento:

Cunningham J.G., Manuale di fisiologia veterinaria. Roma: Antonio Delfino Editore. 3° Edizione
Swenson M.J., Reece W.O., Dukes’ Fisiologia degli animali domestici. Napoli: Idelson-Gnocchi.
Albright J., Arawe, C. The behaviour of cattle. CAB International, Oxon, UK.
Waring G.H. Horse Behavior. Second edition. Noyes Publications, Norwich, USA.
Beaver B. Canine Behaviour: Insight and Answers, 2nd Ed., Saunders
Beaver B. Feline Behaviour: a guide for veterinarians, 2nd Ed., Saunders
Testi di riferimento:
  • Sjaastad, Oystein V.; Sand, Olav; Tamanini, Carlo, Fisiologia degli animali domesticiØ. V. Sjaastad, O. Sand, K. Hoveedizione italiana a cura di Carlo Tamanini. Milano: CEA, 2013.
  • Grasselli, Francesca; Zannetti, Giuseppe; Bracchi, Piergiovanni; Jensen, Per, Etologia degli animali domesticia cura di: Per Jensenedizione italiana a cura di: Piergiovanni Bracchi, Francesca Grasselli, Giuseppe Zannetti. Milano [etc.]: McGraw Hill, 2011, --.