Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Giurisprudenza
GIURISPRUDENZA
Insegnamento
DIRITTO AMMINISTRATIVO (DDP-P)
GIP7082323, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Laurea magistrale ciclo unico 5 anni in
GIURISPRUDENZA (Ord. 2017)
GI0270, ordinamento 2017/18, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese ADMINISTRATIVE LAW (DDP-P)
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile PATRIZIA MARZARO IUS/10

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
GI05101905 DIRITTO AMMINISTRATIVO PATRIZIA MARZARO GI0270

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Amministrativistico IUS/10 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 72 153.0

Calendario
Inizio attività didattiche 01/10/2018
Fine attività didattiche 18/01/2019

Syllabus
Prerequisiti: Sono propedeutici gli esami di Istituzioni di diritto privato 1 e di Diritto costituzionale.
Conoscenze e abilita' da acquisire: L’insegnamento intende fornire le conoscenze concettuali e di metodo necessarie alla comprensione dei princìpi e delle regole che disciplinano l’organizzazione e l’azione delle pubbliche amministrazioni, riservando un particolare approfondimento allo studio del procedimento amministrativo.
Gli studenti svilupperanno specifiche abilità comunicative nell'ambito del diritto amministrativo e del suo lessico specialistico, e saranno stimolati ad elaborare soluzioni originali ed autonome onde essere in grado di applicare in futuro le conoscenze e i metodi dell'analisi giuridico-amministrativa acquisiti.
Modalita' di esame: Prova orale.
Criteri di valutazione: La preparazione degli studenti sarà valutata in ragione del grado di conoscenza e di effettiva comprensione dei contenuti del Corso, tenendo altresì conto delle capacità di analisi dei diversi istituti del diritto amministrativo sostanziale e – secondo un approccio sistematico – dei rapporti tra di essi intercorrenti, nonché delle capacità comunicative e di giudizio acquisite.
Contenuti: Programma del Corso:
I. Modelli di Stato e nascita del diritto amministrativo. La scienza del diritto amministrativo e i rapporti con le altre branche del diritto. Caratteri generali. Diritto amministrativo e diritto europeo.
II. La funzione di regolazione e le fonti del diritto.
III. Il rapporto giuridico amministrativo. Potere amministrativo e situazioni giuridiche soggettive. La discrezionalità amministrativa. I princìpi generali.
IV. Il procedimento amministrativo e le sue fasi. La legge n. 241 del 1990: le garanzie partecipative e gli strumenti di semplificazione dell’azione amministrativa. Il diritto di accesso.
V. Il provvedimento amministrativo e i suoi caratteri. Gli elementi essenziali. L’obbligo di motivazione. Le classificazioni. Gli stati viziati. I provvedimenti di secondo grado.
VI. I controlli.
VII. Le responsabilità.
VIII. L’organizzazione: basi concettuali, regole e princìpi. Gli enti pubblici, gli organi e gli uffici. Linee generali della struttura organizzativa statale. Gli altri enti pubblici territoriali. Le autorità amministrative indipendenti. Le società pubbliche.
IX. I servizi pubblici tra regolazione e mercato.
X. Il personale delle pubbliche amministrazioni.
XI. I beni pubblici e di interesse pubblico.
XII. I contratti pubblici.
XIII. Le risorse.
Ai fini di un’adeguata preparazione è necessario anche uno studio attento della legge 7 agosto 1990, n. 241 (nel testo vigente).

Per gli studenti del DOUBLE DEGREE PARIS II che devono sostenere un esame di Diritto amministrativo da 6 CFU, sono esclusi dal programma sopra riportato i seguenti punti: II, VI, VII, IX, X, XI, XII, XIII.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali volte sia all’esposizione delle principali tematiche del Corso sia a stimolare il ragionamento giuridico e la riflessione critica sugli argomenti trattati. Si consiglia di partecipare alle lezioni attivamente, attraverso la formulazione di domande di chiarimento e di approfondimento.
Oltre alle consuete attività di sportello e di tutorato, saranno organizzati seminari su temi specifici e laboratori per la ricerca normativa, giurisprudenziale e bibliografica.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: I testi normativi e gli eventuali altri materiali di studio (ad es.: decisioni del giudice amministrativo) cui si farà riferimento a lezione, verranno messi a disposizione degli studenti sulla piattaforma Moodle di Giurisprudenza.
Fa parte del programma di studio anche il saggio di P. MARZARO, Leale collaborazione e raccordo tra Amministrazioni; su un principio del sistema a margine delle 'riforme Madia', in www.federalismi.it, 2017, il quale sarà anch'esso messo a disposizione degli studenti sulla piattaforma Moodle.
Testi di riferimento:
  • M. CLARICH, MANUALE DI DIRITTO AMMINISTRATIVO (esclusa la parte quarta: La giustizia amministrativa). BOLOGNA: IL MULINO, 2017. Per gli studenti del DOUBLE DEGREE PARIS II con esame da 6 CFU, solo: Parte prima, cap. I; Parte seconda, capp. III, IV e V. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Case study

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)
  • BANCHE DATI GIURIDICHE

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Lavoro dignitoso e crescita economica Industria, innovazione e infrastrutture Citta' e comunita' sostenibili Pace, giustizia e istituzioni forti Partnership per gli obiettivi