Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Medicina e Chirurgia
FARMACIA
Insegnamento
BIOLOGIA VEGETALE E BOTANICA FARMACEUTICA
MEP3051823, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Laurea magistrale ciclo unico 5 anni in
FARMACIA (Ord. 2009)
FA1732, ordinamento 2009/10, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 8.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PLANT BIOLOGY AND PHARMACEUTICAL BOTANY
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze del Farmaco (DSF)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile ROSAMARIA CANIATO BIO/15

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline Biologiche e Farmacologiche BIO/15 8.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 8.0 64 136.0

Calendario
Inizio attività didattiche 02/03/2020
Fine attività didattiche 12/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Syllabus
Prerequisiti: Conoscenze e competenze di Citologia, Chimica organica e Biochimica per seguire l'insegnamento con profitto.
Conoscenze e abilita' da acquisire: 1. Conoscenza delle strutture peculiari della cellula vegetale e loro funzioni, dei tessuti e degli organi dei vegetali superiori.
2. Conoscenza dei caratteri morfologici delle più comuni famiglie botaniche rappresentate nella flora italiana e delle principali specie di interesse officinale.
3. Conoscenza della chimica dei prodotti naturali di origine vegetale, della loro biosintesi e classificazione.
4. Aggiornamento sulla normativa vigente riguardante i “botanicals”
Le nozioni acquisite costituiscono le conoscenze di base per affrontare la Farmacognosia
Modalita' di esame: L'esame consiste in tre prove scritte. Per superare l'esame è necessario riportare un voto positivo in ciascuna delle tre prove somministrate. Il voto finale è espresso come media dei tre punteggi ottenuti.
La prima prova scritta è un test inerente alla Biologia vegetale (30 domande a risposta breve e riconoscimento di due strutture microscopiche, presentate come immagini cartacee).
Sono quindi previste ulteriori due prove scritte per la parte di Botanica farmaceutica. Un primo test consiste di 30 domande a risposta breve, inerenti ai concetti generali; un secondo test è mirato alla conoscenza di un campione di 10 specie vegetali officinali tra quelle studiate di cui è necessario indicare dettagliatamente la famiglia botanica di appartenenza l'origine, il portamento, la droga ed i principi attivi in essa contenuti.
Criteri di valutazione: La valutazione della preparazione dello studente si basa sulla conoscenza degli argomenti svolti e sull'acquisizione dei concetti proposti. Lo studente dovrà dimostrare:
- di aver compreso le diversità tra gli organismi vegetali e quelli animali e la funzione di queste diversità;
- di conoscere la chimica del metabolismo secondario;
- di sapere quali sono le specie vegetali che si utilizzano come fonti di specifici metaboliti, conoscendone i caratteri micro e macroscopici, la droga utilizzata e il profilo chimico, perchè primo presupposto di qualsiasi analisi di qualità venga fatto sulle droghe vegetali.
Per le prove formulate con 30 quesiti la valutazione prevede: 1 punto in meno per ogni risposta sbagliata o lasciata in bianco;
Il riconoscimento di entrambi i preparati microscopici vale 1 punto in più sul voto finale; un riconoscimento giusto su due, nessun punto, due riconoscimenti sbagliati, 1 punto in meno.
Per la prova di conoscenza delle specie vegetali, ogni specie vale 3 punti assegnati interamente quando i quesiti posti per ogni specie risultino tutti corretti.
Contenuti: La BIOLOGIA VEGETALE, intesa come Biologia farmaceutica, è la conoscenza delle cellule, tessuti e organi vegetali per comprendere la sintesi e l’accumulo di metaboliti secondari di interesse farmaceutico. Il corso prevede anche il riconoscimento microscopico delle droghe vegetali al fine di un loro corretto utilizzo.
In dettaglio:
Origine della vita. Evoluzione: dai procarioti agli eucarioti fotosintetizzanti. Comparsa della pluricellularità.
Emersione dall’ambiente acquatico: come le piante hanno colonizzato la terra, problemi di adattamento all'ambiente terrestre.
Cellula animale e cellula vegetale: perché uguali e perché differenti. Significato di metabolismo secondario.
La parete: struttura, composizione, ruolo, modificazioni e funzioni.
Il vacuolo: biogenesi, tonoplasto, succo vacuolare, inclusi solidi e funzioni.
Plastidi: proplastidi,cloroplasti, cromoplasti, amiloplasti, ezioplasti, gerontoplasti. Fotosistema. Pigmenti accessori. Il processo fotosintetico.
Istologia vegetale: tessuti meristematici primari e secondari e tessuti adulti.
Tessuti parenchimatici: clorofilliano, acquifero, di riserva e conduttore. Tessuti tegumentali: epidermide, stomi, rivestimenti tricomatosi, rizoderma, esoderma, endoderma e sughero.
Tessuti meccanici: collenchima e sclerenchima.
Tessuti conduttori: tessuto vascolare e tessuto cribroso.
Tessuti secretori: tessuti secretori esterni e tessuti secretori interni.
Organografia. Fusto, radice e foglia: strutture e loro modificazioni
La BOTANICA FARMACEUTICA studia le specie vegetali impiegate per l’estrazione del fitocomplesso o di singoli componenti utilizzabili dall’industria farmaceutica, alimentare e cosmetica. Il primo controllo di qualità dei componenti di una preparazione si basa sul loro riconoscimento (saggio autoptico). Di ogni specie, quindi, si approfondiscono i caratteri macroscopici morfologici, le peculiarità, la droga ed i principi attivi.
Programma in dettaglio:
Le principali classi di metaboliti secondari; vie biosintetiche e localizzazione a livello cellulare. Alghe: caratteristiche e importanza come fonti di carboidrati complessi e minerali. Licheni. Inquadramento sistematico delle Gimnosperme; Ginkgo biloba, efedra, tasso. Inquadramento sistematico delle Angiosperme. Caratteristiche botaniche e fitochimiche delle principali famiglie botaniche. Piante a carboidrati: gomma arabica, gomma adragante, gomma guar, malva, altea, carcadè, tiglio, lino, frassino, psillio,piantaggine. Piante come fonti di acidi grassi: enotera, borragine, ribes, arachide, soja, mandorlo, olivo, cacao, ricino. Piante a prevalente componente fenolica. Fenoli semplici: uva ursina, salice, betulla, spirea, carciofo, echinacea. Cumarine: Rutaceae, ippocastano. Lignani: podofillo, cardo mariano. Flavonoidi: grano saraceno, sophora, camomilla, passiflora, mirtillo, biancospino, kava-kava. Tannini: noce di galla, amamelide, ratania. Antrachinoni: aloe, senna, cascara, frangola, rabarbaro. Orcinoli e floroglucinoli: canapa indiana, iperico. Piante a terpenoidi. Rutaceae, coriandolo, finocchio, anice verde, anice stellato, noce moscata, cannella, melissa, menta, lavanda, origano eucalipto, timo, rosmarino, salvia. Piante a iridoidi: valeriana, artiglio del diavolo, genziana. Piante a saponine: centella, poligala, ginseng, eleuterococco, rhodiola, liquirizia, pungitopo e altre monocotiledoni a saponine steroidiche. Piante a glicosidi cardioattivi e fitoestrogeni: digitale, strofanto, oleandro, serenoa, pygeum, stella africana, urtica, zucca. Piante ad alcaloidi: efedra, khat, peyote, peperoncino, atropa, giusquiamo, stramonio, coca, papavero da oppio, papavero californiano, pilocarpo, catharanthus, rauwolfia, china, caffè, te, cola
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Le attività prevedono lezioni frontali erogate in aula per un totale di 8CFU (64ore). Con l'ausilio del supporto informatico (file powerpoint) vengono illustrati i contenuti del corso.
La frequenza non è obbligatoria ma consigliata.
Durante le lezioni di Biologia vegetale dopo aver inquadrato le peculiarità di questi organismi viventi, gli studenti sono invitati a proporre in aula,spiegazioni sul razionale di molte strategie messe in atto dalle piante per la loro sopravvivenza.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Il docente mette a disposizione sulla piattaforma Moodle copia delle presentazioni PowerPoint proiettate durante le lezioni frontali, il cui contenuto deve essere completato e approfondito utilizzando un testo anche tra quelli indicati dalla docente. Sulla piattaforma Moodle, periodicamente, vengano anche inserite pubblicazioni scientifiche su specifici argomenti trattati a lezione.

siti da consultare per un continuo aggiornamento:
http://www.salute.gov.it/
http://www.efsa.europa.eu/
http://www.herbal-ahp.org/
http://www.ema.europa.eu/ema/
http://www.ehtpa.eu/
Testi di riferimento:
  • FELICE SENATORE, BIOLOGIA E BOTANICA FARMACEUTICA. PADOVA: PICCIN, 2012. testo di studio Cerca nel catalogo
  • MARCELLO NICOLETTI, BOTANICA FARMACEUTICA. NAPOLI: EdiSES, 2007. testo di studio Cerca nel catalogo
  • PAUL M.DEWICK, CHIMICA,BIOSINTESI E BIOATTIVITA' DELLE SOSTANZE NATURALI. PADOVA: PICCIN, 2013. testo di consultazione Cerca nel catalogo
  • FABIO FIRENZUOLI, INTERAZIONI TRA ERBE,ALIMENTI E FARMACI. MILANO: TECNICHE NUOVE, 2008. testo di consultazione Cerca nel catalogo
  • (a cura di) ALESSANDRO BRUNI, BIOLOGIA FARMACEUTICA. LONDON: PERSON, 2014. testo di studio Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Salute e Benessere Istruzione di qualita' La vita sulla Terra