Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE
Insegnamento
POLITICA SOCIALE
SFM0014266, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE
SF1738, ordinamento 2011/12, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese SOCIAL POLICY
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/spgi/course/view.php?idnumber=2018-SF1738-000ZZ-2017-SFM0014266-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile ANDREA MARIA MACCARINI SPS/08

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline sociologiche e di servizio sociale SPS/07 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 45 105.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2018/19 Ord.2011

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
6 2018-2019 01/12/2018 30/09/2019 MACCARINI ANDREA MARIA (Presidente)
PANEBIANCO DARIA (Membro Effettivo)
VISENTIN MARTINA (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti: Avere sostenuto un esame di politica sociale a livello di laurea triennale. Questo prerequisito non implica la possibilità o impossibilità di essere ammessi a frequentare il corso. Il corso, però, è pensato per studenti che abbiano già una conoscenza di base sui sistemi di welfare e può dunque essere seguito con maggior profitto che partendo da zero. Agli studenti che non possedessero questo requisito si consiglia di rivolgersi al docente all’inizio del corso per orientarsi a letture supplementari che possano aiutare a colmare le lacune conoscitive.
Conoscenze e abilita' da acquisire: a) Obiettivi disciplinari
Gli obiettivi principali di questo corso sul piano disciplinare consistono nell’aiutare lo studente ad acquisire le seguenti conoscenze e competenze:
- comprendere il contesto socio-culturale entro il quale si strutturano le nuove politiche sociali e i servizi alla persona in Europa nell’attuale momento storico;
- analizzare alcune delle più importanti tendenze di cambiamento dei sistemi di welfare europei;
- valutare il ruolo dell’assistente sociale e la sua trasformazione nel quadro delle nuove politiche sociali.

b) Obiettivi metodologici
- acquisire competenze analitiche, metodologiche e critiche relative alla formulazione di un problema e al disegno della ricerca;
- saper organizzare materiali di ricerca;
- saper organizzare una presentazione e una discussione di gruppo;
- saper scrivere un paper e un handout.
Modalita' di esame: Studenti frequentanti
Per gli studenti frequentanti la valutazione si basa sulle seguenti attività:
(a) partecipazione in classe: 20 %
(b) lavoro di gruppo (presentazione e materiali scritti): 30 %
(c) esame finale scritto: 50 %. L’esame scritto si tiene su tutti i materiali delle parti 1, 2 e 3 e per ciascuno su quelli relativi al proprio gruppo di lavoro in classe.

Studenti non frequentanti
Per gli studenti non frequentanti la valutazione si basa sulle seguenti attività:
(a) un paper (tra le 3000 e le 4000 parole): 50 %
Per la preparazione del paper si può fare riferimento a uno dei testi delle parti relative ai lavori di gruppo caricati sulla pagina moodle, oppure ad altri testi. Il tema del paper va concordato con il docente.
(b) esame scritto: 50 %

Per tutti l’esame scritto è composto di alcune domande a risposta chiusa e altre a risposta aperta.
Criteri di valutazione: Per tutti l’esame scritto è composto di alcune domande a risposta chiusa e altre a risposta aperta.
Per quanto riguarda la valutazione delle domande a risposta aperta i criteri di giudizio sono tre, in ordine di importanza:
- Correttezza della risposta: si deve rispondere in maniera pertinente e corrispondente a quanto scritto nei testi d'esame. Una risposta generica o incompleta comporta un voto basso, eventuali errori comportano una valutazione pari a 0 punti;
- Completezza della risposta: lo studente deve sviscerare tutti i possibili aspetti relativi all'argomento;
- Sinteticità della risposta: bisogna andare subito al punto, evitando giri di parole inutili o fuorvianti.
Contenuti: Il corso studia alcuni grandi trend attuali delle politiche sociali, specialmente in ambito europeo, evidenziandone i tratti fondamentali sia sul piano strutturale che sul piano culturale. Infine, sottolinea il cambiamento della professione dell’assistente sociale nel quadro dei più generali mutamenti del sistema di welfare.
Il sistema di produzione e distribuzione del benessere sociale in Europa viene presentato nella sua dinamica attuale, che sta producendo un cambiamento nel cosiddetto “modello sociale europeo” e nei sistemi di welfare nazionali dei vari Paesi, con le relative convergenze e divergenze. Per indi-care la direzione di tale cambiamento molte e diverse formule sono impiegate.
Il presente corso intende identificarne le coordinate attraverso l’analisi di alcuni concetti-chiave che ne illustrano le caratteristiche essenziali, quali quelli di innovazione inclusiva, capacitazione, perso-nalizzazione, governance sperimentale, co-produzione dei servizi. Attraverso questi, che sono al tempo stesso tratti innovativi e nodi problematici, sta emergendo una nuova generazione di sistemi e di politiche di welfare. Insieme a essa avvengono importanti trasformazioni nelle forme della proget-tazione e implementazione delle politiche e nelle professioni del sociale, nelle loro culture e stili d’azione.
Più specificamente, nel corso si studiano alcune tendenze emergenti delle politiche sociali europee e precisamente:
(a) il paradigma dell'investimento sociale, con le questioni correlate della personalizzazione e capa-citazione;
(b) l'innovazione sociale nella forma della co-produzione dei servizi e delle partnership complesse;
(c) la valutazione dell'impatto sociale delle policy e degli interventi.
Questi tre ambiti tematici costituiscono tre parti distinte ma strettamente interconnesse del corso stesso.

L’articolazione tematica del corso è dunque la seguente:

1. Il welfare d'investimento sociale, personalizzante e capacitante
In questo modulo viene presentato il paradigma dell'investimento sociale, in connessione con la ten-denza personalizzante e capacitante del welfare europeo, nell’organizzazione delle politiche e nella loro legittimazione. Vengono illustrati alcuni concetti fondamentali, le tendenze generali e i problemi centrali del welfare europeo nella prima fase del Ventunesimo secolo. I punti centrali delle lezioni saranno seguenti:
(a) inclusione ed esclusione sociale, nuove forme e nuovi criteri di policy;
(b) il cambiamento di lungo periodo dei sistemi di welfare in Europa e il nuovo MSE a fronte della crisi economica;
(c) La riflessività del welfare e le riforme avviate. Il welfare come investimento.

2. Innovazione sociale, partnership e co-produzione dei servizi
Vengono qui discussi alcuni profili emergenti dell'innovazione nel campo del welfare, sul piano or-ganizzativo e inter-organizzativo. Un aspetto rilevante in questo contesto riguarda le partnership e la co-produzione dei servizi. Esse implicano modalità nuove di organizzazione e di governance delle organizzazioni di servizi alla persona, in forme che vadano oltre il managerialismo e la ri-statalizzazione del welfare.

3. La valutazione dell'impatto sociale dei servizi
La costellazione societaria che si caratterizza per l'emergere della logica dell'investimento sociale e delle forme d'innovazione che abbiamo discusso genera e implica un'esigenza valutativa sempre più forte e analitica. Si discutono qui alcuni modelli recenti nel campo della valutazione d'impatto sociale dei servizi e i problemi a cui danno luogo.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: a) Organizzazione delle lezioni.
L’insegnamento si articolerà in due parti, più una introduttiva.
Nella parte introduttiva si ha la presentazione del corso, delle modalità di lavoro richieste alle/gli studenti. Si tiene inoltre una discussione relativa alla modalità di elaborazione di un paper e di prepa-razione di presentazioni e discussioni in classe.
Nella seconda parte si tiene una serie di lezioni in cui si costruisce una conoscenza condivisa di alcuni concetti fondamentali necessari a comprendere e ragionare sui temi oggetto del corso: l’investimento sociale, l’innovazione sociale, le partnership, la co-produzione.
Ciascuna lezione consisterà in una esposizione di background da parte dfel docente e nella discussione in classe di uno specifico saggio focalizzato sul tema proposto; la discussione presuppone la lettura del testo in questione prima della lezione.
La tempistica prevista è la seguente: 45 minuti, background lecture (presentazione del docente); 15 minuti, domande di chiarimento; 30 minuti, discussione di gruppo.
Nella terza parte gli studenti, suddivisi in piccoli gruppi, organizzano una presentazione, corredata da un ppt e da un handout, e una discussione in classe (cioè complessivamente due più due ore di lezione)su uno dei temi indicati nel programma. Si servono perciò dei testi relativi ai vari argomenti e indicati dal docente (vedi pagina moodle del corso per indicazioni e materiali di studio). Nella lezione introduttiva saranno fornite ulteriori indicazioni operative in merito a questa parte.
Il numero dei gruppi e degli studenti per gruppo sarà determinato dal numero degli studenti frequentanti e sarà deciso nella prima settimana di corso.

b) Modalità di lavoro richieste agli studenti
Questo corso, per il livello magistrale e per il piccolo numero degli studenti frequentanti, si configura come un ambiente ideale per l’apprendimento attivo e dialogico in classe. Perché il corso possa funzionare in questo modo, le aspettative rivolte agli studenti sono le seguenti:
- per essere considerati frequentanti occorre frequentare almeno il 70% delle lezioni (almeno 15 incontri su 21). Le firme saranno raccolte ogni volta.
- occorre inoltre fare la presentazione e discussione di gruppo.
- gli studenti frequentanti devono studiare in anticipo i testi indicati secondo il calendario delle lezioni, per poter partecipare attivamente alle lezioni.
- nelle presentazioni di gruppo, gli studenti NON coinvolti nelle presentazioni stesse devono leggere almeno una parte introduttiva (indicata dal gruppo stesso) del materiale presentato, onde poter par-tecipare in modo attivo e informato alle lezioni.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: I testi indicati nel syllabus valgono per gli studenti non frequentanti.
Tutti i testi per gli studenti frequentanti saranno indicati a lezione e nella pagina moodle del corso, come già precisato sopra in questo syllabus (sezione "modalità di esame").

Appunti e testi ulteriori rispetto alle indicazioni bibliografiche saranno forniti dal docente a lezione, a seconda dei temi da studiare e delle necessità o richieste di apprendimento da parte degli studenti.
Testi di riferimento:
  • G. Esping Andersen, Why we need a new welfare state. Oxford: Oxford University Press, 2002. Cerca nel catalogo
  • M. Ferrera, Alle radici del welfare all'italiana. Origini e futuro di un modello sociale squilibrato. Padova: Marsilio, 2012. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Laboratory
  • Problem based learning
  • Case study
  • Interactive lecturing
  • Working in group
  • Questioning
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)
  • Scrittura riflessiva

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Poverta' Zero Fame Zero Salute e Benessere Istruzione di qualita' Uguaglianza di genere Lavoro dignitoso e crescita economica Ridurre le disuguaglianze Citta' e comunita' sostenibili Partnership per gli obiettivi