Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
STUDI EUROPEI
Insegnamento
POLITICA AGRICOLA COMUNE E SVILUPPO RURALE
EPP3050828, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
STUDI EUROPEI
SP1866, ordinamento 2013/14, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum POLITICHE DELL'UNIONE EUROPEA [002PD]
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese EUROPEAN AGRICULTURAL POLICY AND RURAL DEVELOPMENT
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/spgi/course/view.php?idnumber=2018-SP1866-002PD-2017-EPP3050828-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile LUCA SIMONE RIZZO

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative SECS-P/06 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 45 105.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2018/19 Ord.2013

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti: Conoscenza di base del policy making europeo [si rimanda in tal senso all'esame integrato del primo anno dal titolo: "Il policy making dell’Unione Europea (modulo A e B)" – Prof. G. NESTI e Prof. E. Domorenok].
Conoscenza di base dell'inglese (scritto e parlato).
Conoscenze e abilita' da acquisire: Tramite il corso lo studente apprenderà a definire la disciplina negli aspetti concettuali e metodologici. Acquisirà inoltre strumenti teorici, metodologici e applicativi per la sua comprensione e per l’analisi della PAC: una delle più rilevanti politiche Ue di settore (e che s’intreccia con altre di rilievo, quali la politica di coesione). Lo studente sarà quindi in grado di individuare le differenze e i confini con le altre discipline che hanno oggetto di studio simile o collegato. 
La Politica europea per l’agricoltura e lo sviluppo rurale influenza fortemente le politiche degli stati membri. Verrà, quindi, acquisita familiarità con i principi e gli obiettivi cui essa si uniforma e – di rimando – coi meccanismi tramite cui essa viene implementata a livello nazionale e sub-nazionale (regolamenti applicativi, strategie e misure).
Modalita' di esame: Prova scritta (eventuali variazioni verranno comunicate nel corso delle lezioni). Chi non dovesse superare l'esame può presentarsi all'appello successivo. L'iscrizione all’esame è obbligatoria seguendo le procedure ufficiali dell'università.
Criteri di valutazione: Domande aperte
Contenuti: Lo scopo del corso è fornire allo studente gli strumenti concettuali di base necessari a inquadrare la Politica Agricola Comune e quella per lo Sviluppo Rurale. Data la vastità dell’argomento, si è scelto di organizzare la trattazione in modo da aiutare lo studente a “circoscrivere” la materia, delimitandone al tempo stesso estensione e contenuti.
Il corso è suddiviso in tre parti: 
1. Durante la prima parte focalizzeremo sulle fasi di sviluppo della PAC e sul contesto politico in cui si è andata formando (sin dall’inizio il processo di integrazione economica europea ha, infatti, attribuito all’agricoltura e alla sua organizzazione un ruolo preminente al fine di rispondere a un duplice bisogno: assicurare la sicurezza alimentare a prezzi ragionevoli e garantire redditi sufficienti agli agricoltori europei); 
2. In un secondo tempo concentreremo l’attenzione sulle ultime riforme. Negli ultimi decenni il contenuto della PAC è cambiato come anche l’arena politica:
a) l’Ue è passata dai 6 Paesi membri iniziali agli attuali 28;
b) nel 2009 il Trattato di Lisbona ha dato al Parlamento Europeo maggiore influenza nel processo decisionale;
c) le negoziazioni sulla liberalizzazione del commercio nel WTO e l’emergere di nuove potenze economiche come Cina, India, Brasile e Russia hanno influenzato il dibattito politico.
Si è reso necessario, allora, allineare la PAC a sfide importanti. Tra esse un ruolo di primo piano spetta all'accresciuta competizione. Non meno importanti, però, sono:
a) il degrado ambientale;
b) la perdita della biodiversità;
c) il cambiamento climatico;
d) la salute pubblica; ecc.
Il focus ristretto sull'agricoltura ha, inoltre, innescato una riflessione comune sulla necessità di promuovere uno sviluppo rurale più equilibrato. La politica rurale, che ha avuto origine all'inizio degli anni ’70, ha visto negli ultimi decenni crescere il suo ruolo (ancorato ad uno sviluppo agricolo maggiormente all'insegna della multifunzionalità e adattato a condizioni locali e regionali).
Sui contenuti di tale dibattito, quindi, verterà questa parte finale del corso (cambiamenti negli stili di vita e nelle forme di sostentamento, riforma agraria, gestione delle risorse naturali, diversificazione, climate change, relazioni tra ambiti urbani e rurali, processi di territorializzazione, ecc.). Da ultimo, particolare attenzione sarà data a delineare gli sviluppi relativi al periodo 2014-2020 e alla PAC appena lanciata [focalizzando sui seguenti temi: (nuovi?) obiettivi e scenari; i regolamenti; flessibilità tra i due pilastri; convergenza interna ed esterna; nuovo sistema dei pagamenti diretti; cenni sui cambiamenti relativi alle politiche di mercato e all’OCM unica; novità sulla Politica di Sviluppo Rurale; aree montane e svantaggiate; ecc]. 
3. Durante l’ultima fase verranno discussi casi di studio regionali in ottica comparativa - anche trans-nazionale – focalizzando in particolare sulla Politica per lo Sviluppo Rurale e su: a) i meccanismi di programmazione; b) le priorità; c) alcune misure e azioni.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: 1. Lezioni frontali; 
2. Attività seminariali, se possibile, su tematiche selezionate e attinenti l’insegnamento [interventi di esperti esterni (ricercatori e practitioner)]; 
3. Visite guidate (la cui fattibilità verrà verificata a inizio corso).
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Sintesi delle lezioni (su argomenti selezionati di particolare rilievo) verranno caricate sul sito dell'insegnamento in MOODLE (che si consiglia allo studente di visitare con regolarità).
Testi di riferimento:
  • Veneto Agricoltura - EUROPE DIRECT Veneto (Centro di informazione e animazione dell’Unione Europea), L’Italia di fronte alla riforma della PAC 2014-2020 [Quaderno della collana di Europ Direct Veneto n.16]. Legnaro (PD): Veneto Agricoltura, 2014. disponibile al sito seguente: http://www.venetoagricoltura.org/upload/Europe%20Direct/Quaderno%2016%20di%20Europe%20Direct%20Veneto.pdf
  • Andrea Segrè, Politiche per lo sviluppo agricolo e la sicurezza alimentare. Roma: Carocci editore, 2011. Sono esclusi dallo studio i seguenti capitoli: 1, 2, 3, 10.  Cerca nel catalogo
  • Francesco Mantino, Lo sviluppo rurale in Europa. Dall'impresa agricola allo sviluppo del territorio. Milano: Edagricole-New Business Media, 2010. E' escluso dallo studio il capitolo 9.  Cerca nel catalogo
  • Veneto Agricoltura, Guida al PSR 2014-2020 della Regione Veneto [ https://piave.regione.veneto.it/resource/resolver?resourceId=06fbc04b-ae85-4862-9429-4e ]. Legnaro (PD): Veneto Agricoltura, 2015. Si consiglia la CONSULTAZIONE del documento

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Case study
  • Interactive lecturing
  • Questioning
  • Mappe concettuali
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)