Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E AMERICANE
Insegnamento
FILOLOGIA DEI TESTI TEATRALI
SUP4067158, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E AMERICANE
LE0613, ordinamento 2016/17, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PHILOLOGY OF THEATRICAL TEXTS
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL)
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/scienzeumane/course/view.php?idnumber=2017-LE0613-000ZZ-2017-SUP4067158-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile ANNA SCANNAPIECO L-ART/05

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
SUP4067158 FILOLOGIA DEI TESTI TEATRALI ANNA SCANNAPIECO LE0615

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative L-ART/05 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 02/10/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
5 1819 01/10/2018 30/11/2019 SCANNAPIECO ANNA (Presidente)
DURANTE SERGIO (Membro Effettivo)
SELMI ELISABETTA (Membro Effettivo)
GRAZIOLI CRISTINA (Supplente)
4 1718 01/10/2017 30/11/2018 SCANNAPIECO ANNA (Presidente)
DURANTE SERGIO (Membro Effettivo)
SELMI ELISABETTA (Membro Effettivo)
GRAZIOLI CRISTINA (Supplente)
3 1617 01/10/2016 30/11/2017 SCANNAPIECO ANNA (Presidente)
DURANTE SERGIO (Membro Effettivo)
SELMI ELISABETTA (Membro Effettivo)
GRAZIOLI CRISTINA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Conoscenza di elementi basilari della storia del teatro e della letteratura drammatica; auspicabile anche una competenza filologica primaria (che tuttavia, laddove non posseduta, sarà “costruita” attraverso lezioni propedeutiche).
Conoscenze e abilita' da acquisire: Saper riconoscere la specificità dell’opera teatrale anche sotto il profilo della sua costitutiva “mobilità” testuale, per lo più determinata dalla relazione con la messinscena; acquisire gli strumenti filologici pertinenti per interpretarla.
Modalita' di esame: Esame orale. Gli studenti – previo accordo con la docente – potranno scegliere di approfondire, tra quelli trattati, un argomento di loro interesse, intervenendo nelle lezioni o producendo un elaborato scritto, che andrà a sostituire una parte del programma d’esame.
Criteri di valutazione: La valutazione verrà formulata in base ai seguenti criteri:
• padronanza delle conoscenze e loro utilizzo (attraverso l’espressione delle capacità di analisi, sintesi e contestualizzazione);
• padronanza linguistica (con particolare riferimento a quella del lessico specifico) ed espositivo-argomentativa;
• capacità di interazione dialogica e/o di approfondimento critico degli argomenti proposti.
Il punteggio, espresso in trentesimi, si articolerà secondo i seguenti livelli di giudizio:
• nullo/scarso/insufficiente (1-17)
• sufficiente (18-20)
• discreto (21-24)
• buono (25-27)
• ottimo (28-29)
• eccellente (30-30 e lode)
Contenuti: Il corso si aprirà con un insieme di lezioni mirate a richiamare la natura dinamica del “testo” teatrale, il suo costituirsi tra testo drammatico e testo spettacolare; a illustrare la specificità del testo drammatico e il suo complesso rapporto con la messinscena; a chiarire (laddove lo richiedesse un’eventuale insufficienza dei prerequisiti degli studenti) quali siano gli obiettivi e le pratiche operative della filologia.
Sarà quindi illustrato – attraverso campionature attinte a vari testi drammatici e relativi contesti spettacolari – il particolare statuto filologico dei testi teatrali, la varietà di redazioni in cui spesso un’opera può essere preservata, quali sono le modalità per individuarne il relativo significato storico-critico, quanto possa essere controverso – in quest’ambito – il concetto di “autorialità”.
Al centro della riflessione saranno poi le opere di due autori, a diverso titolo decisivi nella storia moderna del teatro e dello spettacolo: Molière e Goldoni. Nella stessa diversità dei casi, le vicende testuali di "Don Giovanni" e del "Teatro comico" costituiranno materia privilegiata per comprendere e apprezzare le risorse critiche e interpretative della filologia dei testi teatrali.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali, con possibilità di sviluppo seminariale, e utilizzo di supporti audiovisivi. È prevista una lezione-conferenza, tenuta da studioso specialista, su una delle problematiche illustrate.
Gli studenti saranno costantemente sollecitati ad interagire con le proposte didattiche, e tenuti ad approfondirne le linee-guida in base ai propri interessi e attraverso dei percorsi individuali di studio, concordati con la docente.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Vivamente raccomandata la frequenza, anche in considerazione del fatto che non esiste ancora una manualistica di riferimento, e che gli appunti dalle lezioni costituiranno pertanto un sussidio indispensabile per lo studio.
Per gli studenti sprovvisti di conoscenze filologiche, i contenuti delle lezioni preliminari andranno integrati con lo studio di: Alberto Varvaro, "Prima lezione di filologia", Roma-Bari, Laterza, 2012.
Ulteriori indicazioni bibliografiche verranno fornite durante le lezioni.
Gli studenti non frequentanti dovranno concordare con la docente un piano di studio individualizzato.
Testi di riferimento:
  • Molière, Don Giovanni. Milano: Garzanti, 2015. edizione a cura di Sandro Bajini Cerca nel catalogo
  • Molière, Le festin de Pierre in Molière, Œuvres complètes, vol. II, édition dirigée par Georges Forestier avec Claude Bourqui,pp. 1619-1666. Paris: Gallimard, 2010. Cerca nel catalogo
  • Carlo Goldoni, Il teatro comico, in C. Goldoni, Tutte le opere, vol. II, a cura di Giuseppe Ortolani, pp. 1039-1105 e 1329-1335. Milano: Mondadori, 1973. Cerca nel catalogo
  • Anna Scannapieco, Sulla filologia dei testi teatrali, in «Ecdotica», 11, 2014 [ma 2015], pp. 26-55. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Cesare Garboli, Il «Dom Juan» di Molière. Milano: Adelphi, 2005. Cerca nel catalogo
  • Anna Scannapieco, Goldoni tra teoria e prassi del teatro comico. Appunti proemiali, in «Rivista di letteratura italiana», XXV/I, 2007, pp. 13-37. --: --, --. Cerca nel catalogo