Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SCIENZE FILOSOFICHE
Insegnamento
STORIA DELLA FILOSOFIA TARDO ANTICA
LE05108394, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE FILOSOFICHE
LE0614, ordinamento 2008/09, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HISTORY OF LATE ANCIENT PHILOSOPHY
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MARIA GRAZIA CREPALDI M-FIL/07

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Storia della filosofia M-FIL/07 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 26/02/2018
Fine attività didattiche 01/06/2018
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2008

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
8 Commissioni a.a. 2019-2020 01/10/2019 30/11/2020 CREPALDI MARIA GRAZIA (Presidente)
DELLA PUTTA CHIARA (Membro Effettivo)
CATAPANO GIOVANNI (Supplente)
SALIS RITA MARIA GAVINA (Supplente)
SIMEONI FRANCESCA (Supplente)
7 commissioni a.a. 2018-2019 01/10/2018 30/11/2019 CREPALDI MARIA GRAZIA (Presidente)
DELLA PUTTA CHIARA (Membro Effettivo)
CATAPANO GIOVANNI (Supplente)
SALIS RITA MARIA GAVINA (Supplente)
SIMEONI FRANCESCA (Supplente)
6 STORIA DELLA FILOSOFIA TARDO ANTICA 2017 01/10/2017 30/11/2018 CREPALDI MARIA GRAZIA (Presidente)
DELLA PUTTA CHIARA (Membro Effettivo)
CATAPANO GIOVANNI (Supplente)
SALIS RITA MARIA GAVINA (Supplente)
SIMEONI FRANCESCA (Supplente)
5 STORIA DELLA FILOSOFIA TARDO ANTICA 2016/2017 01/10/2016 30/11/2017 CREPALDI MARIA GRAZIA (Presidente)
DELLA PUTTA CHIARA (Membro Effettivo)
CATAPANO GIOVANNI (Supplente)
SALIS RITA MARIA GAVINA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Il Corso di Studio non prevede propedeuticità. Per consentire agli studenti di seguire l’insegnamento con maggiore profitto, sarà fornita a lezione una bibliografia integrativa sul pensiero antico.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il percorso didattico è finalizzato all’acquisizione da parte degli studenti della capacità di approfondire in modo criticamente argomentato, attraverso l’analisi delle fonti, i termini storico-filosofici e i nodi problematico-concettuali che connotano la riflessione sulla condizione umana sviluppatasi in età imperiale; l’obiettivo è quello di far maturare la consapevolezza dell’ineludibilità della ricerca di senso della propria esistenza, in funzione della realizzazione di scelte motivate e responsabili.
Modalita' di esame: Colloquio orale.
Criteri di valutazione: La valutazione farà riferimento all’acquisizione delle capacità di: analizzare e comprendere le fonti, adeguatamente contestualizzate; evidenziare le strutture argomentative e i nodi concettuali dei testi; rielaborarne criticamente i contenuti con il supporto della letteratura secondaria; esporre in maniera chiara e appropriata con un adeguato utilizzo del lessico tecnico.
Contenuti: “La sofferenza innocente. Il senso dell’esistenza umana tra destino, provvidenza divina e libertà morale nel pensiero dell’età imperiale”.
Nelle epoche di crisi, quando l’unico obiettivo raggiungibile sembra essere quello di sopravvivere, emerge come particolarmente urgente la domanda sul senso dell’esistenza umana, avvertita in tutta la sua drammatica precarietà e insieme segnata dall’insopprimibile tensione verso la felicità; tale domanda diventa angosciante di fronte alla sofferenza innocente del giusto, che sembra togliere ogni possibilità di ancorare l’esistenza dell’uomo a un rassicurante disegno divino finalizzato al bene. Il corso intende approfondire questo tema con riferimento al dibattito su determinismo, provvidenza divina e libertà morale che attraversa tutto il pensiero tardo-antico, il quale si sviluppa in un contesto epocale (segnato dalle vicende dell’impero romano) di profondi e rapidi mutamenti politici, economico-sociali, culturali per molti aspetti simile a quello attuale. Si tratta di un’epoca in cui il singolo, abbandonato a se stesso, percepisce drammaticamente la propria impotenza a governare la perpetua instabilità delle vicende che lo coinvolgono e che sembrano seguire un corso assurdo e illogico, consegnandolo al dominio della fortuna. Il forte senso dei limiti intrinseci alla propria condizione fa maturare nell’uomo tardo-antico la consapevolezza dell'impossibilità di raggiungere la salvezza confidando unicamente nelle proprie capacità razionali e l'esigenza di rivolgersi a un divino trascendente, collocato oltre il logorante e angosciante divenire del vivere storicamente connotato; un divino che, d'altra parte, possa andargli incontro, intervenire in suo favore salvandolo da un mondo ostile e dando un senso alla sua esistenza. In questa prospettiva la domanda sul senso del vivere umano si accompagna a quelle su come poter guardare al divino e su quale divino guardare, insieme all’interrogativo sulla possibilità per l’uomo di determinare in prima persona il proprio destino attraverso scelte realmente libere.
La tematica sarà approfondita tramite la lettura e il commento delle seguenti fonti: “La provvidenza” di Seneca; i trattati III 2 (“La provvidenza, I”) e III 3 (“La provvidenza, II”) delle “Enneadi” di Plotino; “Contro il fato” di Gregorio di Nissa.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso si svolge secondo la modalità delle lezioni frontali. La metodologia d’approccio ai contenuti consiste nella lettura e commento delle fonti, accompagnati dalla loro contestualizzazione nel dibattito filosofico tardo-antico che coinvolge pensatori pagani e cristiani.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio:
Testi di riferimento:
  • L.A. SENECA, La provvidenza. Milano: Edizioni Rizzoli, 2004. a cura di A.Traina (IV ed., con testo latino a fronte) Cerca nel catalogo
  • PLOTINO, Enneadi. Milano: Edizioni A.Mondadori, 2003. a cura di G.Reale e R.Radice (II ed., con testo greco a fronte), pp. 512-587 Cerca nel catalogo
  • GREGORIO DI NISSA, Contro il fato. Bologna: Edizioni Dehoniane, 2003. a cura di M.Bandini (con testo greco a fronte) Cerca nel catalogo
  • M.G.CREPALDI, Farsi Dio, farsi uomo. La salvezza tra filosofia e rivelazione nel pensiero tardo-antico. Roma: Edizioni Nuova Cultura, 2009. in E.PRINZIVALLI, Questioni di storia del cristianesimo antico I-IV sec., pp.113-151 Cerca nel catalogo
  • U.CURI, Meglio non essere nati. La condizione umana tra Eschilo e Nietzsche. Torino: Edizioni Bollati Boringhieri, 2008. Cerca nel catalogo
  • R.CHIARADONNA (a cura di), Storia della filosofia antica, IV: Dalla filosofia imperiale al tardo antico. Roma: Edizioni Carocci, 2016. Cerca nel catalogo