Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
CULTURE, FORMAZIONE E SOCIETÀ GLOBALE
Insegnamento
METODOLOGIE QUALITATIVE DI RICERCA SOCIALE (MOD. A)
SUP4061279, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
CULTURE, FORMAZIONE E SOCIETÀ GLOBALE
SU2090, ordinamento 2015/16, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese QUALITATIVE RESEARCH METHODOLOGY (MOD. A)
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA

Docenti
Responsabile SALVATORE LA MENDOLA SPS/07

Corso integrato di appartenenza
Codice Insegnamento Responsabile
SUP4061277 METODOLOGIE QUALITATIVE DI RICERCA SOCIALE E STORIA COMPARATA DELL' EDUCAZIONE (C.I.) CARLA CALLEGARI

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline psicologiche, sociologiche e antropologiche SPS/07 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 02/10/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2015

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus

Caratteristiche comuni al Corso Integrato

Prerequisiti: Per seguire il percorso in modo adeguato, da un alto è auspicabile
- avere dimestichezza con le basi teoriche e le sensibilità di quanto le scienze sociali hanno elaborato a proposito delle dinamiche organizzative, delle interazioni e dei rituali purché non scolasticamente intese,
dall'altro, sono necessarie le seguenti conoscenze e competenze:
- nozioni di pedagogia generale e sociale
- nozioni di storia della pedagogia a cominciare dalla modernità
- nozioni fondamentali di educazione comparata
- nozioni di storia moderna e contemporanea
- capacità di leggere un testo storico-comparativo e cogliere le informazioni principali
- capacità di orientarsi criticamente nelle problematiche della modernità e della globalizzazione
Conoscenze e abilita' da acquisire: Al termine del corso lo studente sarà in grado di:
- identificare l'aspetto deontologico del lavoro di ricerca e discutere sulle abilità da acquisire per svolgerlo
- affinare la consapevolezza delle propri sensi-abilità
- riflettere sull'epistemologia e sulle metodologie della ricerca sociale in generale e nello specifico dell'educazione comparata
- conoscere le differenze tra metodi quantitativi e qualitativi di ricerca
- sapersi destreggiare, in modo particolare, con il metodo storico-comparativo e con quello etnografico
- elaborare le conoscenze necessarie per realizzare riflessioni e indagini relative alle dinamiche delle interazioni in vari contesti di vita quotidiana
- padroneggiare gli essenziali strumenti empirici per un'analisi pedagogico-comparativa
- analizzare i documenti nazionali ed internazionali
- analizzare fonti scritte di diversi autori in modo comparativo
- dibattere esprimendosi adeguatamente con la terminologia scientifica acquisita
- applicare nei lavori di gruppo le conoscenze
Modalita' di esame: Per quanto riguarda l'insegnamento "Metodologie qualitative della ricerca sociale" la prova d'esame per i non frequentanti avverrà tramite colloquio orale.
Con i frequentanti sarà verificata l'opportunità di trovare forme di valutazione integrative o alternative a quelle tradizionali che possano offrire qualche possibilità in più di sperimentare le sensibilità delle metodologie di ricerca qualitativa ed etnografica.
Per quanto riguarda l'insegnamento "Storia comparata dell'educazione" la prova d'esame si svolgerà in forma orale.
il voto finale terrà conto dei criteri di valutazione dei docenti, oltre che della media matematica tra i due voti ottenuti nelle singole parti
Criteri di valutazione: La valutazione avrà solo parzialmente a che vedere con la classica acquisizione di nozioni e concetti. Al centro verrà posta l'avvenuta elaborazione di personali riflessioni di quanto affrontato nella preparazione d'esame.
La valutazione della preparazione dello studente verterà quindi:
- sulla comprensione e la padronanza dei contenuti, soprattutto in riferimento all'epistemologia, alle metodologie e allo specifico linguaggio delle discipline
- sulle capacità espositive
- sul senso critico del candidato in merito agli argomenti affrontati
- sull'autonomia di giudizio rispetto ai problemi affrontati a lezione e nei testi di riferimento

Caratteristiche proprie del modulo

Contenuti: L’augurio è che al termine del corso lo studente e la studentessa sappiano manifestare con consapevolezza una propria sensibilità
per le metodologie e i processi interpretativi tramite i quali ci si "accorge" delle forme delle dinamiche delle interazioni e dei rituali di vita quotidiana.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Oltre all'utilizzo del tradizionale rituale frontale - che si cercherà (insieme) di trasformare in modalità partecipate - proveremo a elaborare collettivamente un qualche percorso di tipo esperienziale.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Dopo un inquadramento generale delle sensibilità necessarie, i materiali di studio proposti suggeriscono di approfondire le questioni delle metodologie qualitative facendo particolare riferimento agli ambiti dei servizi dove le questioni delle trasformazioni culturali e formative si esprimono in modo più evidente.

Ciascun* deve portare come testi d’esame:
Becker Howard (2007) "Trucchi del mestiere", Il Mulino Bologna
e
La Mendola Salvatore (2009) "Centrato e aperto", Utet Torino

Inoltre, un testo a scelta tra:
• Righetto Elena, "Sarò anche malata, ma qui dentro ho un cuore!" Bambini in Pediatria: un'etnografia, Padova; Cleup, 2017
• Corsaro William, "La cultura dei bambini", Bologna: Il Mulino, 2003.
• Migliore, Antonietta, "Perché qualcuno sì e qualcuno no", Milano: Guerini 2006.
• Sclavi, Marianella, "Arte di ascoltare e mondi possibili", Bruno Mondadori: Milano, 2003.

Da ultimo, ciascun* scelga o una canzone, o un film, o un romanzo o una poesia o un quadro che permetta di riflettere sulle tematiche di questo modulo.

Chi proviene da scienze sociologiche o da scienze pedagogiche e ha già studiato La Mendola (2009) lo rilegga e in più porti all’esame un altro volume a scelta tra i testi di Righetto(2017), Corsaro (2003), Migliore (2006), Sclavi (2003).
Testi di riferimento:
  • Becker Howard, Trucchi del mestiere. Bologna: Il Mulino, 2007. OBBLIGATORIO PER TUTTI Cerca nel catalogo
  • La Mendola Salvatore, Centrato e aperto. Torino: UTET, 2009. OBBLIGATORIO PER TUTTI: vedi la voce "Annotazioni sui materiali di studio" Cerca nel catalogo
  • Righetto Elena, "Sarò anche malata, ma qui dentro ho un cuore!" Bambini in Pediatria: un'etnografia. Padova: Cleup, 2017. A SCELTA Cerca nel catalogo
  • Sclavi Marianella, Arte di ascoltare e mondi possibili. Milano: Bruno Mondadori, 2003. A SCELTA Cerca nel catalogo
  • Corsaro William, Le culture dei bambini. Bologna: Il Mulino, 2003. A SCELTA Cerca nel catalogo
  • Migliore Antonietta, Perché qualcuno sì e qualcuno no. Milano: Guerini, 2006. A SCELTA Cerca nel catalogo