Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
SCIENZE POLITICHE, RELAZIONI INTERNAZIONALI, DIRITTI UMANI
Insegnamento
DIRITTI UMANI
SPL1000617, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
SCIENZE POLITICHE, RELAZIONI INTERNAZIONALI, DIRITTI UMANI
SP1421, ordinamento 2008/09, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HUMAN RIGHTS
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile ELENA PARIOTTI IUS/20

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative IUS/20 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 65 160.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti: Non sono previste propedeuticità per questo insegnamento. Tuttavia, per una agevole comprensione degli argomenti in esso affrontati sono utili (a) generali capacità di analisi e sintesi; (b) una conoscenza di base dei principali eventi e processi della storia moderna e contemporanea; (c) la conoscenza della storia del pensiero politico; (d) la conoscenza delle nozioni di base del diritto pubblico.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Con il superamento dell'esame lo studente
1) acquisisce la conoscenza (a) delle categorie fondamentali e delle dinamiche relative alla concettualizzazione, alla positivizzazione ed all'internazionalizzazione dei diritti umani; (b) dei principali strumenti internazionali in materia di diritti umani e della logica sottesa al processo di codificazione dei diritti umani a livello universale e a livello regionale; (c) degli strumenti e delle categorie concettuali connessi alla giustificazione ed alla trasformazione dei diritti umani;
2) sa applicare tali conoscenze all'analisi dei processi di promozione, garanzia e implementazione dei diritti umani, nonché - anche in ottica critica - agli schemi teorici alla base della loro giustificazione ed alle funzioni assegnate ai diritti negli specifici contesti sociali e politici;
3) sa comunicare usando in modo corretto ed efficace il linguaggio giuridico e teorico proprio degli studi sui diritti umani;
4) sa riconoscere argomenti per supportare od orientare la pratica dei diritti umani.
Modalita' di esame: L'esame consiste in un colloquio orale, della durata di circa 20-30 minuti, vertente sui temi oggetto del corso.
Il colloquio si articola, di norma, in tre domande: la prima, relativa a qualsiasi parte del programma, riguarda un tema ampio e richiede di articolare la risposta collegando organicamente le conoscenze acquisite mediante un percorso teoretico; la seconda domanda è più specifica e riguarda i processi/meccanismi/ strumenti di internazionalizzazione dei diritti, anche con riferimento a questioni aperte o problematiche; la terza domanda verte su aspetti connessi alla giustificazione dei diritti umani e della pratica dei diritti umani.
In tutte le risposte gli studenti dovranno dimostrare di avere acquisito le seguenti conoscenze, competenze e abilità: conoscere il significato delle principali nozioni e categorie implicate nei temi trattati nel corso; saper utilizzare il lessico giuridico e filosofico specifico; saper applicare le categorie concettuali rilevanti acquisite. Nella risposta alla terza domanda, gli studenti dovranno saper produrre e riconoscere argomentazioni, dimostrando così di avere acquisito autonomia di giudizio e abilità comunicative, rilevanti tanto per l'analisi della pratica del diritti umani quanto per l'esercizio di attività di advocacy.
E', inoltre, possibile, su base volontaria, per gli studenti produrre, durante la frequenza al corso, un elaborato scritto su un tema concordato con la docente. In tal caso il lavoro potrà, a scelta dello studente, essere presentato durante le lezioni o durante l'esame. L'elaborato deve avere una lunghezza approssimativa di 20.000 caratteri e rispondere ai seguenti requisiti basilari di qualità: (a) essere scritto correttamente in lingua italiana o in lingua inglese; (b) individuare la questione da trattare; (c) perseguire gli obiettivi di indagine o riflessione dichiarati mediante uno svolgimento documentato e ordinato.
Lo studente disporrà, nell'arco dell'anno accademico, di sei appelli per sostenere l'esame relativo a questo insegnamento.
Criteri di valutazione: Il colloquio orale sarà valutato in trentesimi, il voto minimo e' 18, il voto massimo 30 e lode.
Attraverso il colloquio, lo studente dovrà dimostrare
(1) di avere acquisito le principali informazioni e conoscenze relative (a) alle categorie teoretiche e giuridiche implicate dalla nozione di diritti umani; (b) alla positivizzazione e ai processi evolutivi dei diritti umani, sapendosi muovere con sicurezza con riferimento alle principali fonti internazionali e comunitarie sui diritti umani;
(2) di saper (a) fare un uso corretto ed efficace della terminologia sia giuridica che teorico-filosofica propria di questo ambito di studio; (b) analizzare, valutare e produrre argomenti relativi alla giustificazione, promozione e implementazione dei diritti umani.
Qualora lo studente abbia prodotto un elaborato scritto durante lo svolgimento del corso e lo abbia o presentato a lezione o discusso durante l'esame, esso contribuirà alla votazione finale, consentendo l'attribuzione della lode, se è raggiunta la votazione di almeno 28/30 nella risposta alle domande sul programma d'esame. Affinché possa essere valutato ai fini della votazione finale, l'elaborato deve avere una lunghezza approssimativa di 20.000 caratteri e rispondere ai seguenti requisiti basilari di qualità: (a) essere scritto correttamente in lingua italiana o in lingua inglese; (b) individuare la questione da trattare; (c) perseguire gli obiettivi di indagine o riflessione dichiarati mediante uno svolgimento documentato e ordinato.
Contenuti: (1) Diritti naturali e paradigma dei diritti umani: elementi di continuità concettuale ed elementi distintivi (6 ore);
(2) la nozione giuridica di diritti umani: definizione, fonti, struttura (12 ore);
(3) nozioni propedeutiche all'analisi teorico-giuridica dei diritti umani: stato di diritto, stato costituzionale, sovranità interna ed esterna, caratteri del diritto internazionale e della Comunità Internazionale (12 ore);
(4) positivizzazione ed evoluzione dei diritti umani: meccanismi e traiettorie (5 ore);
(5) internazionalizzazione dei diritti umani: categorie filosofiche e giuridiche implicate, processi e questioni aperte attraverso il riferimento ad alcuni fondamentali ambiti (nozione di vulnerabilità; paradigmi della giustizia distributiva globale e questioni legate alla giustificazione ed al contenuto normativo dei diritti sociali; diritti culturali, diritti dei gruppi e diritti dei popoli; responsabilizzazione degli attori non statali verso i diritti umani) (20 ore);
(6) questioni connesse alla giustificazione dei diritti umani: potenzialità e limiti del linguaggio dei diritti (10 ore).
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Per ciascun blocco tematico, le lezioni si articoleranno, in ordine decrescente di intensità, attraverso:
(1) lezioni nelle quali le categorie, i concetti e i temi fondamentali sono introdotti dalla spiegazione della docente e attraverso la tecnica del questioning;
(2) "interactive lecturing": discussione in aula su quesiti posti dalla docente;
(3) "flipped-classroom": gli studenti vengono invitati a leggere individualmente dei materiali che saranno successivamente oggetto di discussione in aula;
(4) lavoro in gruppo su temi e materiali assegnati dalla docente e condivisione dei risultati in aula;
(5) lavoro di approfondimento individuale: su base volontaria, gli studenti potranno approfondire temi che risultino di loro particolare interesse e concordati con la docente, redigendo un elaborato scritto.
(6) seminari e/o laboratori con docenti, studiosi e/o esperti su temi specifici. Al fine di partecipare con profitto ed attivamente ai seminari gli studenti avranno a disposizione appositi materiali preparatori;
(6) momenti di verifica in itinere della preparazione degli studenti attraverso (a) la proposta di questionari caricati sulla piattaforma di didattica a distanza "Moodle" e la loro discussione in aula; (b) l'invito agli studenti ad elaborare mappe concettuali, per acquisire consapevolezza delle connessioni fra le categorie ed i temi affrontati nel corso.
Tutti i materiali didattici connessi alle lezioni, ai seminari/laboratori, insieme alle indicazioni utili per ulteriori approfondimenti saranno resi sistematicamente disponibili mediante la piattaforma di didattica a distanza moodle, accessibile all'indirizzo http://www.spgi.unipd.it/e-learning.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: A) A tutti gli studenti è richiesta la sicura conoscenza dei principali strumenti (fonti) internazionali in materia di diritti umani, facilmente reperibili nei siti web delle organizzazioni internazionali di volta in volta rilevanti o in apposite raccolte.

B) Gli studenti in mobilità Erasmus o di altro tipo o gli studenti stranieri che ritengano di non avere sufficiente competenza nella lingua italiana possono preparare l'esame utilizzando i seguenti testi:

Ivinson, D., Rights, Acumen, Stocksfield, U.K. (except the chapters 4 and 5), 2008.

Smith, Rhona K.M., , International Human Rights, Oxford University Press, 2010: pp. 5-188; chapter 23; and five chapters to be chosen by the student among chapters 12-22.
Testi di riferimento:
  • Pariotti E., I diritti umani: concetto, teoria, evoluzione. Padova: CEDAM, 2013. Obbligatorio per tutti gli studenti. Cerca nel catalogo
  • Facchi, A., Breve storia dei diritti umani. Bologna: il Mulino, 2007. Per i soli studenti non frequentanti, in aggiunta al testo menzionato al punto 1. il testo e' disponibile anche in edizioni successive. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Laboratory
  • Interactive lecturing
  • Working in group
  • Questioning
  • Mappe concettuali
  • Flipped classroom
  • Active quiz per verifiche concettuali e discussioni in classe
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)
  • Scrittura riflessiva

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Poverta' Zero Fame Zero Salute e Benessere Istruzione di qualita' Uguaglianza di genere Acqua pulita e igiene Energia pulita e accessibile Lavoro dignitoso e crescita economica Ridurre le disuguaglianze Agire per il clima La vita sulla Terra Pace, giustizia e istituzioni forti Partnership per gli obiettivi