Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Medicina e Chirurgia
INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
Insegnamento
CRONICITA' E CONTINUITA' DELLE CURE
MEP6077197, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
ME1844, ordinamento 2014/15, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum GENERICO - SEDE DI CONEGLIANO (TV) [999CO]
Crediti formativi 3.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese CHRONIC HEALTH CONDITIONS AND CONTINUITY OF CARE
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Medicina (DIMED)
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede CONEGLIANO (TV)
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)

Docenti
Nessun docente assegnato all'insegnamento

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Scienze infermieristiche MED/45 3.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Annuale
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 3.0 30 45.0

Calendario
Inizio attività didattiche 23/09/2019
Fine attività didattiche 30/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2014

Syllabus
Prerequisiti: Lo studente dovrà possedere delle conoscenze di base su:
- Epidemiologia delle patologie croniche e loro caratteristiche
- Concetto di patologia cronica, condizione di cronicità, fragilità
Conoscenze e abilita' da acquisire: Al termine del corso lo studente dimostrerà di conoscere:
• i diversi modelli assistenziali ed organizzativi dell’assistenza nella cronicità;
• il concetto di continuità delle cure con particolare attenzione all’integrazione tra diversi professionisti e con le associazioni di volontariato per garantire la continuità nelle cure.
Modalita' di esame: Il docente comunicherà le modalità.
Criteri di valutazione: I criteri di valutazione del livello minimo accettabile verranno indicati dal docente nel contratto formativo.
Contenuti: - Il concetto di presa in carico e continuità assistenziale:
• processi di valutazione e strumenti per accertare lo stato funzionale: psicoaffettivo, cognitivo, fisico ed i bisogni assistenziali della persona;
• valutazione delle capacità della persona, famiglia o caregiver nel gestire i cambiamenti legati alla vecchiaia, alla resilienza con strategie di coping;
• educare l'anziano, la famiglia o il caregiver rispetto all'evoluzione clinica dei problemi di salute e il loro impatto sulle abilità fisiche e cognitive, alla prevenzione dei rischi e all'ambiente sicuro.
- La valutazione multidimensionale dei problemi di salute dell’anziano, acuti e cronici, epidemiologicamente frequenti (dolore, incontinenza, disfagia, malnutrizione, cadute, delirium e depressione, …) e problemi di natura sociale, adottando un approccio interprofessionale e multidisciplinare per garantire assistenza alla persona ed alla sua famiglia che miri al raggiungimento dell’autocura nella cronicità.
- Promuovere modelli organizzativi basati sulla presa in carico dell'anziano e della famiglia, garantendo la continuità di intervento durante la transizione nei diversi contesti di cura (Cronich Care Model ed il Trsitional Care Model).
- Case management e continuità assistenziale: la rete dei servizi e il coordinamento tra i nodi della rete (COT, UVMD, ADI, strutture residenziali e semiresidenziali, ….).
- Il ruolo del volontariato nella rete dei servizi.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: - Il concetto di presa in carico e continuità assistenziale:
• processi di valutazione e strumenti per accertare lo stato funzionale: psicoaffettivo, cognitivo, fisico ed i bisogni assistenziali della persona;
• valutazione delle capacità della persona, famiglia o caregiver nel gestire i cambiamenti legati alla vecchiaia, alla resilienza con strategie di coping;
• educare l'anziano, la famiglia o il caregiver rispetto all'evoluzione clinica dei problemi di salute e il loro impatto sulle abilità fisiche e cognitive, alla prevenzione dei rischi e all'ambiente sicuro.
- La valutazione multidimensionale dei problemi di salute dell’anziano, acuti e cronici, epidemiologicamente frequenti (dolore, incontinenza, disfagia, malnutrizione, cadute, delirium e depressione, …) e problemi di natura sociale, adottando un approccio interprofessionale e multidisciplinare per garantire assistenza alla persona ed alla sua famiglia che miri al raggiungimento dell’autocura nella cronicità.
- Promuovere modelli organizzativi basati sulla presa in carico dell'anziano e della famiglia, garantendo la continuità di intervento durante la transizione nei diversi contesti di cura (Cronich Care Model ed il Trsitional Care Model).
- Case management e continuità assistenziale: la rete dei servizi e il coordinamento tra i nodi della rete (COT, UVMD, ADI, strutture residenziali e semiresidenziali, ….).
- Il ruolo del volontariato nella rete dei servizi.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Indicazioni sui materiali di studio verranno specificate dal docente nel contratto formativo.
Testi di riferimento: