Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
LINGUE, LETTERATURE E MEDIAZIONE CULTURALE
Insegnamento
ANTROPOLOGIA CULTURALE
LE17100348, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
LINGUE, LETTERATURE E MEDIAZIONE CULTURALE (Ord. 2016)
SU2294, ordinamento 2016/17, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese CULTURAL ANTHROPOLOGY
Sito della struttura didattica https://www.disll.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile PAOLO GRASSI M-DEA/01

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE17100348 ANTROPOLOGIA CULTURALE PAOLO GRASSI LE0613
LE17100348 ANTROPOLOGIA CULTURALE PAOLO GRASSI LE0611
SUP8084479 ANTROPOLOGIA CULTURALE PAOLO GRASSI IA2451
LE17100348 ANTROPOLOGIA CULTURALE PAOLO GRASSI LE0610
SUP8084397 ANTROPOLOGIA CULTURALE (A) PAOLO GRASSI IA2451

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative M-DEA/01 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti: Il programma dell'insegnamento è disegnato considerando le finalità del percorso triennale in Linque, Letterature e Mediazione culturale e gli obiettivi formativi contenuti nella declaratoria ministeriale del Decreto n. 616 del 10 Agosto 2017 (allegato A) inerente all'ottenimento dei 24cfu come requisiti d'accesso al concorso per la formazione degli insegnanti. L'obiettivo del corso è duplice: introdurre all'antropologia culturale come progetto di conoscenza critico, disciplina istituzionalizzata e pratica professionale e iniziare gli studenti e le studentesse, in vista di un loro possibile orientamento alla didattica delle lingue e della letteratura, a pratiche discorsive e relazionali, che, attraverso il prisma della riflessività antropologica, favoriscano in se stessi e nei loro futuri studenti il rispetto delle diversità. Il corso non solo avvierà ai principali temi dell’antropologia culturale, ma sosterà anche in particolare sulle loro connessioni con il linguaggio, la comunicazione e la letteratura. Verranno quindi compiute diverse incursioni nel campo dell’antropologia linguistica, ossia il campo dell’antropologia che studia il linguaggio nelle società umane. Nel corso delle lezioni saranno gettate le basi per la comprensione della diversità culturale, della natura socioculturale delle appartenenze e allo stesso tempo delle dinamiche socio-politiche come della loro naturalizzazione. Particolare attenzione sarà rivolta alle intersezioni esistenti tra linguaggio e categorie sociali quali "razza”, “classe”, “etnia”, “genere” e alle modalità attraverso cui il linguaggio produce relazioni sociali contribuendo a mantenere ineguaglianze o a contestarle
Conoscenze e abilita' da acquisire: Alla fine del percorso gli studenti saranno capaci di comprendere le pratiche di ricerca (fieldwork), le operazioni intellettuali (mediazioni teoriche) e le conoscenze prodotte (monografie etnografiche) nello sviluppo storico della disciplina; sapranno applicare al contesto educativo l'approccio decostruttore e inclusivo dello sguardo e dell'ascolto antropologico. Più in particolare: sapranno riconoscere i problemi teorico-metodologici relativi alla lettura dei processi identitari propri alle società multiculturali con particolare attenzione alla funzione del linguaggio; cogliere la pertinenza delle categorie utilizzate dall’antropologia linguistica con particolare riguardo ai fenomeni dell’esclusione e della disuguaglianza, del sessismo, del razzismo e della convivenza multiculturale e multi-religiosa; integrare nella loro esperienza i contributi della ricerca antropologica per interpretare i legami sociali, educativi e istituzionali; orientarsi nel sapere antropologico in modo da ampliare autonomamente i propri dispositivi analitici (“saper divenire”); sviluppare la riflessività critica, epistemologica e politica, al cuore dell’apprendere ad apprendere del gesto antropologico in ordine a rendere la realtà scolastica, la classe e il sistema istituzionale ad essa intrecciato, il locus privilegiato della critica culturale e dell’innovazione sociale.
Modalita' di esame: Preparazione di un dossier di lavoro (portfolio) durante la durata del corso per i frequentanti e sua discussione orale. Dossier e discussione orale peseranno rispettivamente il 60% e il 40% della valutazione finale. Istruzioni per la redazione del dossier saranno date all’inizio del corso.
I non frequentati dovranno aggiungere un testo opzionale tra quelli presenti in bibliografia (si consiglia di contattare il docente per essere orientati nella scelta).
Criteri di valutazione: I criteri di valutazione con cui verrà effettuata la verifica delle conoscenze e delle abilità acquisite sono:
- Pertinenza, completezza, accuratezza, coerenza e profondità dell’elaborato scritto (dossier);
- Proprietà del linguaggio antropologico in sede di discussione orale;
- Pertinenza e coerenza espositiva in sede di discussione orale.
Contenuti: Il corso si struttura in due moduli. Il primo modulo introdurrà i concetti chiave dell’antropologia culturale, il secondo si focalizzerà sulla comunicazione umana.
Modulo 1: Pensare l’alterità
A) L’antropologia culturale oggi (Testo di riferimento: Elementi di antropologia, Parte prima, cap. 1, 2, 3 e Dispensa a cura del docente)
B) La nozione di cultura, indagata nel suo più ampio senso etnografico, negli aspetti dinamici e processuali, nelle componenti materiali, relazionali e virtuali (Testo di riferimento: Dispensa a cura del docente).
C) La rilevanza della componente culturale nella definizione dell’essere umano in un'ottica di superamento di categorie troppo rigide (es. questione sesso/genere), naturalizzanti e talvolta desuete (es. razza), benché persistenti sulla scena politica e nei contesti sociali (Testo di riferimento: Elementi di antropologia, Parte seconda, cap. 1, Dispensa a cura del docente).
D) La diversità culturale nelle pratiche, negli immaginari e nei diversi modi oggi culturalmente determinati, di pensare, conoscere e categorizzare la realtà (Testo di riferimento: Elementi di antropologia, Parte seconda, cap. 2, 3, Parte quarta, cap. 1, 2, 3).
E) La comunicazione umana (Testo di riferimento: Elementi di antropologia, Parte terza, cap. 1, 2, 3).
F) Diversità, disuguaglianze e gerarchie nelle relazioni sociali, di parentela e di genere; nei rapporti fra generazioni e fra classi sociali. Tematiche utili al fine di garantire il riconoscimento e l’inclusione sociale (Testo di riferimento: Elementi di antropologia, Parte quinta, cap. 1, 2, 3, Parte sesta, cap. 1, 2, 3).
G) Le dinamiche sociali connesse ai processi di globalizzazione, alla mobilità e ai contesti migratori che determinano interazioni fra individui portatori di elementi culturali specifici (Testo di riferimento: Dispensa a cura del docente).
H) Nozioni di base finalizzate all’apprendimento del metodo etnografico (Esercitazioni laboratoriali nel corso delle lezioni).
Modulo 2: Linguaggi e luoghi di esperienza
A) La comunicazione umana e la diversità linguistica (Testo di riferimento: Comunicare, cap. 1 e 2).
B) Linguaggio e potere (Testo di riferimento: Dispensa a cura del docente)
C) Linguaggio, genere e sessualità (Testo di riferimento: Dispensa a cura del docente)
D) Canali di comunicazione: vista e suoni (Testo di riferimento: Comunicare, cap. 3 e 4).
E) Creatività, arti e artefatti (Testo di riferimento: Elementi di antropologia, Parte ottava, cap. 1, 2, 3, Comunicare, cap. 5).
F) Antropologia e letteratura (Testo di riferimento: Dispensa a cura del docente)
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso si svolge secondo la modalità di lezioni frontali, active learning, interactive lecturing, portfolio (dossier di lavoro). Gli studenti saranno chiamati a partecipare attivamente alle lezioni. I due moduli vedranno dunque alternare lezioni frontali e laboratoriali (simulazione di un’osservazione partecipante, conduzione di un’intervista, registrazione audio-visuale, trascrizione di interazioni), discussioni in plenaria, esercizi individuali e di gruppo; utilizzo della piattaforma moodle.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Testi di riferimento per l’esame:
Fabietti, U., Elementi di antropologia culturale, Mondadori, Milano 2015.
Finnegan, R., Comunicare. Le molteplici modalità dell'interconnessione umana UTET, Milano 2009.

Altri testi di riferimento:
Altri testi (stralci di saggi, video, articoli di giornale) saranno utilizzati durante il corso e raccolti dal docente in una dispensa. Parte della dispensa potrà essere personalizzata a seconda degli interessi personali e professionali degli studenti.

Ahearn, L.A., Living Language: An Introduction to Linguistic Anthropology, Wiley-Blackwell, Hoboken, New Jersey, Stati Uniti, 2017 (Second edition).
Augé, M., “L’anthropologie et l’écriture”, in Studi di Sociologia, 46 (1), pp. 7-13, 2008,
Barton, D., and Uta P. (eds.), The Anthropology of Writing: Understanding Textually Mediated Worlds, London, Continuum, 2010.
Biscaldi A., Etnografia della responsabilità educativa, Archetipo libri, Bologna, 2013.
Bourgois, P., Cercando rispetto. Drug economy e cultura di strada, DeriveApprodi, Roma, 2005.
Duranti, A., (Edited by). A Companion to Linguistic Anthropology. Wiley-Blackwell, Hoboken, New Jersey, 2004.
Evans-Pritchard, E.E., I Nuer un'anarchia ordinata, Franco Angeli, Milano, 2002.
Fava, F., In campo aperto. L’antropologo nei legami del mondo, Meltemi, Milano 2017.
Malinowski, B., Argonauti del Pacifico occidentale: riti magici e vita quotidiana nella società primitiva, Bollati Boringhieri, Torino, 2004.
Piasere L., A scuola. Tra antropologia e educazione, Seid editori, Firenze, 2010
Sobrero, A., Il cristallo e la fiamma. Antropologia fra scienza e letteratura, Carocci, Bologna, 2009
Wulff, H., The Anthropologist as Writer: Genres and Contexts in the Twenty-First Century, Bergan Books, London, 2016
Testi di riferimento:

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Nell’erogazione dell’attività formativa particolare attenzione verrà dedicata a:Promuovere la riflessione critica in aula;Condurre discussioni in plenaria e in gruppi di lavoro in aula;- Utiliz

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Uguaglianza di genere Ridurre le disuguaglianze Pace, giustizia e istituzioni forti