Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SUSTAINABLE TERRITORIAL DEVELOPMENT
Insegnamento
STRATEGIC SPATIAL PLANNING
SUP7080480, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SUSTAINABLE TERRITORIAL DEVELOPMENT
IA2447, ordinamento 2018/19, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese STRATEGIC SPATIAL PLANNING
Sito della struttura didattica https://www.dissgea.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Storiche Geografiche e dell'Antichità (DISSGeA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione INGLESE
Sede Univ. of Leuven
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di SUSTAINABLE TERRITORIAL DEVELOPMENT

Docenti
Nessun docente assegnato all'insegnamento

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative M-GGR/01 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 48 102.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti:
Conoscenze e abilita' da acquisire:
Modalita' di esame: Esiste un'ampia gamma di approcci di valutazione. Tali approcci riguardano obiettivi formativi e sommativi. Questo è in linea con i risultati di apprendimento mirati che si concentrano su conoscenze e approfondimenti, abilità applicative e comunicazione in modo equilibrato.

La varietà di approcci di valutazione è anche dovuta al fatto che i corsi sono offerti in combinazioni con diversi programmi di studio appartenenti a diverse università.

Un primo gruppo di esami sono scritti e di solito sono scritti saggi. Questo tipo di valutazione consente un approccio più creativo e orientato alla ricerca. Quando il saggio riflette le ricerche degli studenti, deve mostrare la capacità di formulare chiaramente le domande di ricerca, organizzare e condurre una ricerca, applicare metodi appropriati, essere in grado di raccogliere dati sul campo e analizzare quei dati.

Successivamente, gli studenti devono essere in grado di discutere i risultati e inserirli nel più ampio dibattito scientifico. Inoltre, la struttura e la scrittura del saggio devono essere conformi alle regole di scrittura corrette e accademiche.

In molti casi la valutazione del processo, la valutazione tra pari e/o una presentazione sono collegate alla qualità della stesura del saggio.

Un secondo gruppo di esami viene implementato in modo orale. In questo modo possono essere personalizzati e sono più interattivi. Molti corsi hanno una politica di esami orali come procedura standardizzata (domande, presentazione, peer/autovalutazione). Ciò consente agli studenti di esprimersi in modo attivo e dialogico.

Gli esami orali sono particolarmente adatti per testare la comprensione/intuizioni e l'applicazione della conoscenza in quanto incoraggiano gli studenti a produrre una comunicazione chiara e a manifestare le proprie attitudini personali. Per quanto riguarda i saggi, una valutazione orale integrativa consente un approccio più creativo e orientato alla ricerca.

Le valutazioni intermedie sono generalmente utilizzate in modo formativo per fornire agli studenti feedback tempestivi, mentre le valutazioni finali sono utilizzate in modo sommativo. I risultati della valutazione dei pari possono influenzare il voto finale di un individuo.
Criteri di valutazione:
Contenuti: Attraverso una combinazione di letture selezionate, conferenze ex cathedra e analisi critica di interventi strategici selezionati, gli studenti vengono introdotti nelle radici della strategia e della pianificazione strategica, i problemi e le sfide da affrontare dalla pianificazione strategica, il suo contesto, i nuovi discorsi emergenti su pianificazione, le differenze con la pianificazione tradizionale (pianificazione dell'uso del territorio, pianificazione generale), pianificazione strategica, il processo di cambiamento e la pratica della pianificazione strategica.

Le discussioni in classe sugli impatti dei sistemi di valori e sui paradigmi mutevoli nella pianificazione strategica sul prodotto in uscita, sul processo e sul pianificatore stesso mirano a rendere lo studente consapevole del ruolo altamente politico della pianificazione e lo introdurre in argomenti selezionati (come relazioni di potere, diversità etica, ecc.).

Gli interventi strategici rilevanti (che possono variare da un brownfield urbano al trasporto pubblico regionale) saranno trattati attraverso un modello fisso. In questo modo, gli aspetti critici dei vari interventi sono evidenziati in modo analogo.

Il quadro teorico e pratico stabilito fornirà criteri per il modello e per un feedback teorico sull'analisi degli interventi strategici.

Un'introduzione alle tecniche di pianificazione analitica, implementazione, comunicazione e rappresentazione (inclusa una chiara comprensione di dove, quando e come queste potrebbero essere utilizzate) e le abilità combinate con OPS devono fornire agli studenti le competenze tecniche e strumentali necessarie per implementare le conoscenze accumulate e comprensione in studio.

Le questioni sostanziali sollevate diventeranno argomenti di riflessione teorica durante questo corso (architettura dei processi, programmazione, ricerca analitica e esplorativa, tipi di piani, definizione, strategie, ecc.).
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento:
Eventuali indicazioni sui materiali di studio:
Testi di riferimento: