Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
FILOLOGIA MODERNA - FRANCESISTICA E ITALIANISTICA
Insegnamento
LETTERATURA ITALIANA MODERNA
LEN1033333, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
FILOLOGIA MODERNA - FRANCESISTICA E ITALIANISTICA
IA2451, ordinamento 2018/19, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese MODERN ITALIAN LITERATURE
Sito della struttura didattica https://www.disll.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL)
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/scienzeumane/course/view.php?idnumber=2018-IA2451-000ZZ-2018-LEN1033333-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile ELISABETTA SELMI L-FIL-LET/10

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LEN1033333 LETTERATURA ITALIANA MODERNA ELISABETTA SELMI LE0611

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Lingua e Letteratura italiana L-FIL-LET/10 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
8 1819 01/10/2018 30/11/2019 SELMI ELISABETTA (Presidente)
ZINATO EMANUELE (Membro Effettivo)
TOMASI FRANCO (Supplente)
1 1718 01/10/2017 30/11/2018 RIGONI MARIO (Presidente)
FAVARO FRANCESCA (Membro Effettivo)
MARFE' LUIGI (Membro Effettivo)
BIANCO FRANCESCA (Supplente)
TENUTA CARLO (Supplente)
TOMASI FRANCO (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Si richiede una buona conoscenza della storia della letteratura italiana dal Seicento all'Ottocento, nonché una sicura padronanza degli strumenti dell'analisi del testo (dei suoi istituti metrici, retorici e stilistici) e competenze metodologiche generali di filologia italiana.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Lo studente dovrà acquisire una coscienza critica specialistica degli sviluppi delle poetiche e delle tradizioni dei generi della letteratura italiana nell'arco cronologico compreso fra il Seicento e l'Ottocento, con particolare riferimento alle due tradizioni illustri dell'epica-'romanzo' e della tragedia, oggetto del corso di insegnamento. Dovrà, inoltre, conseguire abilità consapevoli e autonome di lettura e interpretazione dei testi, adeguate agli sviluppi del dibattito critico e filologico più recente. Rispetto ai due moduli in cui si articola il corso, lo studente dovrà acquisire un lessico critico specialistico riguardo ai concetti chiave della trattatistica tragica ed epica, del confronto fra tradizioni antiche e moderne, dei processi della intertestualità, delle pratiche della riscrittura e delle poetiche della ricezione.
Modalita' di esame: L'esame si configurerà in forma di colloquio orale atto a verificare i livelli di competenza acquisita relativamente alla conoscenza specialistica dell'evoluzione delle forme e dei generi letterari e all'analisi critica di testi-campione. Oltre alle competenze approfondite letterarie ed ermeneutiche verrà valutato, con una domanda posta a tutti gli studenti, il livello di consapevolezza filologica pertinente le questioni ecdotiche, rispetto alla costituzione, trasmissione e ricezione culturale dei testi oggetto del corso. Il colloquio verterà sulla discussione di argomenti e sull'analisi dei testi trattati in entrambi i moduli in cui si articolerà il corso: lo studente dovrà dimostrare di saper integrare criticamente le conoscenze storico-culturali, teorico-concettuali e testuali acquisite.
Criteri di valutazione: Riguardo alle strategie di verifica e ai criteri adottati nella valutazione, gli studenti verranno preliminarmente informati così da sviluppare un'adeguata coscienza di autovalutazione.
I criteri si conformano ai diversi obiettivi specialistici che s'intendono perseguire:
1. Valutazione della padronanza degli strumenti di analisi storico-critica relativi agli sviluppi delle tradizioni dei generi e delle forme letterari, del rapporto fra testo e contesto, fra codici culturali, espressivi e tipologici dell'antico e del moderno, dei caratteri della trasmissione e ricezione dei testi, degli aspetti normativi e trasgressivi con cui le poetiche e l'autocoscienza trattistica e riflessiva dei secoli, oggetto del corso, si sono rappresentate;
2. valutazione del livello di competenza terminologica e argomentativa raggiunta nell'acquisizione di un lessico critico specialistico;
3. valutazione del livello di comprensione ed autonomia ermeneutica nell'approccio agli strumenti di approfondimento critico-storiografico e filologico e nella lettura dei testi.
Contenuti: Il corso si articola in due moduli dedicati allo studio diacronico, attraverso le stagioni culturali del Barocco, dell'Arcadia, dell'Illuminismo e dell'età romantica, della fenomenologia, degli sviluppi, delle metamorfosi dei due generi illustri della tradizione classicistica (e dei diversi 'neoclassicismi' della modernità): l'epica e la tragedia. Il primo modulo ("Sviluppi, metamorfosi, smontaggio e dissoluzione dell'epica"), oltre alla definizione di un quadro generale utile ad individuare i caratteri che contraddistinsero l'ambizione epica del Seicento e del Settecento, e insieme le tipologie e le strategie narrative messe in atto nel sistema delle 'ibridazioni' e delle varietà della scrittura e delle poetiche seicentesche ('eroicomico'), procederà all'analisi di due testi esemplari:
1. L'Adone di Giambattista Marino
2. La secchia rapita di Alessandro Tassoni
Il secondo modulo ("Alla ricerca della tragedia moderna: tra spiriti di riforma e dialogo europeo")verterà sulla disamina degli snodi concettuali e culturali del dibattito sul tragico e la tragedia lungo il corso del Settecento, nei suoi rapporti contrastivi e di confronto con la teoresi e l'ideologia del classicismo francese e dei modelli europei. Si analizzeranno alcune tragedie emblematiche degli sviluppi delle poetiche tragiche, del dibattito trattatistico e dei mutamenti della sensibilità e delle concezioni del teatro fra l'Arcadia e l'età romantica:
1. GianVincenzo Gravina, Appio Claudio (nel contesto della riforma e del dibattito arcadici e con riferimento al trattato "Della tragedia");
2. Vittorio Alfieri, Virginia (con riferimento al dibattito tragico tardosettecentesco e al dialogo con il teatro antico e francese, attraverso la lettura del "Parere sulle tragedie" e della paratestualità teatrale);
3. Alessandro Manzoni, Adelchi (nel contesto del dibattito del "Conciliatore" sul teatro moderno e i suoi modelli europei).
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso è organizzato in prevalenza con lezioni frontali, ma dove si cercherà di sviluppare anche un approccio 'problem solving' con ricadute in esercitazioni mirate all'applicazione inter-dialogica e alla discussione fra gli studenti e fra il docente e gli studenti dei concetti teorici, delle metodologie di analisi e della lettura critica dei testi. Nelle lezioni iniziali il docente presenterà le categorie concettuali ed epistemologiche dirimenti per lo studio dei periodi e della fenomenologia letteraria oggetto del corso; fornirà una bibliografia estesa di riferimento e prospetterà un quadro storiografico in progress degli indirizzi critici e filologici che hanno orientato l'approccio e l'analisi delle tradizioni culturali e dei testi che verranno trattati; offrirà gli strumenti necessari per la formazione e l'accrescimento personale di un vocabolario critico specialistico relativo ai generi classicistici e moderni della tradizione epica e tragica.
Una parte delle lezioni sarà svolta secondo modalità seminariali per promuovere la discussione critica fra gli studenti, e verranno assegnati ai singoli discenti compiti euristici di analisi di testi da esporre in forma di articolato saggio critico durante le lezioni.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: I materiali didattici presentati durante il corso saranno messi a disposizione degli studenti attraverso la piattaforma moodle. I testi della bibliografia critica saranno disponibili presso la Biblioteca di Palazzo Maldura, e in parte scaricabili attraverso il web perché pubblicati in formato open access,
Testi di riferimento:
  • Giambattista Marino, Adone, a cura di Giovanni Pozzi. Milano: Mondadori, 1976. Cerca nel catalogo
  • Giambattista Marino, Adone, a cura di Emilio Russo. Milano: Classici BUR, 2013. Cerca nel catalogo
  • Alessandro Tassoni, La secchia rapita, a cura di Ottavio Besomi. Padova: Antenore, 1988. Cerca nel catalogo
  • (A cura di E. Russo), Marino e il Barocco da Napoli a Parigi. Atti del Convegno di Basilea 7-9 giugno 2007. Alessandria: Edizioni dell'Orso, 2009. Cerca nel catalogo
  • (A cura di Davide Conrieri e Pasquale Guaragnella), Lettura della Secchia rapita. Lecce: Biblioteca Barocca e dei Lumi, 2016. Cerca nel catalogo
  • (A cura di Cristina Cabani e Duccio Tongiorgi), Alessandro Tassoni. Poeta erudito diplomatico nell'Europa dell'età moderna. Modena: Panini, 2017. Cerca nel catalogo
  • GianVincenzo Gravina, Scritti critici e teorici, a cura di A. Quondam. Bari: Laterza, 1973.
  • Camilla Guaita, Per una nuova estetica del teatro: l'Arcadia di Gravina e Crescimbeni. Roma: Bulzoni, 2009. Cerca nel catalogo
  • (A cura di Gino Tellini e Roberta Turchi), Alfieri in Toscana. Firenze: Olschki, 2002. Cerca nel catalogo
  • Enrico Mattioda, Teorie della tragedia nel Settecento. Alessandria: Edizioni dell'Orso, 2016. Cerca nel catalogo
  • Alessandro Manzoni, Adelchi, a cura di Gilberto Lonardi e Paola Azzolini. Venezia: Marsilio, 1992. Cerca nel catalogo
  • Alessandro Manzoni, Adelchi, a cura di Gilberto Lonardi e Paola Azzolini. Venezia: Marsilio, 1992. Cerca nel catalogo
  • Alessandro Manzoni, Adelchi, a cura di Gilberto Lonardi e Paola Azzolini. Venezia: Marsilio, 1992. Cerca nel catalogo
  • Gilberto Lonardi, Ermengarda e il pirata. Manzoni, dramma epico, melodramma. Bologna: Il Mulino, 1991. Cerca nel catalogo