Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
LINGUISTICA
Insegnamento
PSICOLOGIA DEL LINGUAGGIO
SUP7078518, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
LINGUISTICA
LE0610, ordinamento 2008/09, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PSYCHOLOGY OF LANGUAGE
Sito della struttura didattica https://www.disll.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL)
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/scienzeumane/course/view.php?idnumber=2018-LE0610-000ZZ-2018-SUP7078518-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile CLAUDIO MULATTI

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
SUP7078518 PSICOLOGIA DEL LINGUAGGIO CLAUDIO MULATTI IF0314
SUP7078518 PSICOLOGIA DEL LINGUAGGIO CLAUDIO MULATTI IA2451

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline informatiche, logico-filosofiche, psicologiche e socio-antropologiche M-PSI/01 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/09/2018
Fine attività didattiche 18/01/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2008

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
4 1819 - VESPIGNANI 01/09/2018 30/11/2019 VESPIGNANI FRANCESCO (Presidente)
SEMENZA CARLO (Membro Effettivo)
BERTOCCI DAVIDE (Supplente)
MULATTI CLAUDIO (Supplente)
POLETTO CECILIA (Supplente)
3 1920 01/10/2019 30/11/2020 VESPIGNANI FRANCESCO (Presidente)
SEMENZA CARLO (Membro Effettivo)
BERTOCCI DAVIDE (Supplente)
POLETTO CECILIA (Supplente)
2 1819 - MULATTI 01/10/2018 31/08/2019 MULATTI CLAUDIO (Presidente)
SEMENZA CARLO (Membro Effettivo)
VESPIGNANI FRANCESCO (Membro Effettivo)
BERTOCCI DAVIDE (Supplente)
POLETTO CECILIA (Supplente)
1 1718 01/10/2017 30/11/2018 MULATTI CLAUDIO (Presidente)
SEMENZA CARLO (Membro Effettivo)
BERTOCCI DAVIDE (Supplente)
POLETTO CECILIA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Il corso non richiede prerequisiti obbligatori. Sono tuttavia utili per una ottimale partecipazione al corso conoscenze di base nell’ambito della psicologia cognitiva e della metodologia.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Scopo del corso è introdurre lo studente alla psicologia del linguaggio. Il corso verterà principalmente sulla descrizione dei processi normali sottostanti la comprensione e la produzione del linguaggio. La psicologia della lettura sarà trattata nel dettaglio. Verranno brevemente discusse l’acquisizione e la patologia del linguaggio.
Largo spazio sarà dato alla metodologia e alla descrizione dei modelli teorici, con particolare attenzione alla relazione tra questi ultimi e le evidenze empiriche.
L'approccio è di tipo funzionalista, quindi tratteremo teorie svincolate dal sostrato neurale e finalizzate alla spiegazione del comportamento osservato in contesti controllati.
Verranno introdotti alcuni principi di psicologia computazionale e costruiti in aula alcuni modelli esemplificativi.
Per il termine del corso lo studente saprà riconoscere fenomeni psicolinguistici e operare inferenze a partire da questi, saprà inoltre situarli all'interno di teorie specifiche e formulare ipotesi coerenti.
Modalita' di esame: Frequentanti. L'esame è costituito da una prova scritta, in aula e su carta, composta da 40 domande a scelta multipla, da completarsi in 60 minuti. Le risposte scorrette non comportano una sottrazione di punti.

Non-frequentanti. L'esame è costituito da una prova scritta, in aula e su carta, composta da 8 domande aperte, da completarsi in 60 minuti.
Criteri di valutazione: La valutazione si baserà sulla comprensione degli argomenti svolti durante le lezioni e considerando il materiale fornito. Naturalmente, non è rilevante memorizzare i nomi degli autori o le date delle pubblicazioni (eccetto quando il nome di un autore definisce un particolare modello, es. Modello di Morton). E' invece fondamentale conoscere i modelli, il modo in cui questi dipenono dai dati e il modo in cui spiegano i dati. E' importante quindi conoscere i modelli e quindi la loro architettura e la loro dinamica di funzionamento. E', inoltre, importante conoscere le metodologie specifiche. Si valuterà, in aggiunta, la capacità dello studente di applicare in modo autonomo e consapevole quanto appreso (per esempio, valutando una possibile previsione di un modello teorico).
Contenuti: Cenni di fonetica e fonologia. [Cenni di morfologia.] L’acquisizione del linguaggio. Accesso al lessico: riconoscimento di parole presentate in modalità visiva; riconoscimento di parole presentate in modalità uditiva; produzione di parole. Accesso alla semantica. Memoria semantica: modelli. Il priming semantico. [La percezione e la comprensione delle frasi.] [La produzione di frasi.] [Il discorso.] La patologia del linguaggio (cenni). Linguaggio e processi cognitivi. Psicologia della lettura.
Le reti neurali.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali. Lettura di articoli originali. Eventuali seminari. Le lezioni avranno un carattere interattivo e aperto. Gli argomenti verranno affrontati in modo progressivo e all'interno di un coerente impianto teorico: lo studente ha quindi modo di procedere gradualmente verso una comprensione diffusa dei meccanismi e dei fenomeni oggetto del corso.

La frequenza alle lezione è vivamente consigliata, e raccomandata nel rispetto dell'art. 28, comma 1 del Regolamento carriere studenti: "Lo studente iscritto all’Università ha il diritto/dovere di frequentare le lezioni e di partecipare attivamente a tutte le attività formative previste dal Corso di studio cui è iscritto secondo le modalità previste dal Regolamento didattico del corso di studio".
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: FREQUENTANTI: il materiale di studio verrà fornito durante il corso.
NON-FREQUENTANTI: due testi di riferimento.

Consigliati per la lettura:
Cummins, R. (1996). “Significato e rappresentazione mentale”. Bologna: Il Mulino.
Jackendoff, R. (1989). “Semantica e Cognizione”. Bologna: Il Mulino.
Fodor, J. (1999). “La mente modulare. Saggio di psicologia delle facoltà”. Bologna: Il Mulino.
Testi di riferimento:
  • Cacciari, C., La psicologia del linguaggio. Bologna: Il Mulino, 2011. Obbligatorio per i non frequentanti Cerca nel catalogo
  • Scott-Phillips, Thom, Di' quello che hai in mente. Roma: Carocci, 2017. Obbligatorio per i non frequentanti Cerca nel catalogo