Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
FILOLOGIA MODERNA
Insegnamento
ESTETICA
LE10102722, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
FILOLOGIA MODERNA (Ord. 2018)
LE0611, ordinamento 2018/19, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese AESTHETICS
Sito della struttura didattica https://www.disll.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MARCELLO GHILARDI M-FIL/04

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE10102722 ESTETICA MARCELLO GHILARDI LE0614

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative M-FIL/04 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
9 commissioni a.a. 2018-2019 01/10/2018 30/11/2019 GHILARDI MARCELLO (Presidente)
GURISATTI GIOVANNI (Membro Effettivo)
GIACOMELLI ALBERTO (Supplente)
MAGNO EMANUELA (Supplente)
TOMASI GABRIELE (Supplente)
8 estetica lm 2017 01/10/2017 30/11/2018 GHILARDI MARCELLO (Presidente)
TOMASI GABRIELE (Membro Effettivo)
GIACOMELLI ALBERTO (Supplente)
GURISATTI GIOVANNI (Supplente)
MAGNO EMANUELA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Conoscenza generale del concetto di “estetica”.
Conoscenze e abilita' da acquisire: a) conoscenza del contenuto delle opere in oggetto;
b) acquisizione del lessico specifico e delle strutture argomentative delle opere esaminate;
c) sviluppo di capacità argomentative e di analisi critica di testi e tesi filosofiche;
d) capacità di confronto interculturale tra orizzonti linguistici e tradizioni di pensiero differenti.
Modalita' di esame: L'esame si svolgerà in forma orale con discussione di una o più delle tematiche affrontate durante le lezioni e dei contenuti presenti nei testi indicati in bibliografia. La durata massima del colloquio è di circa 30 minuti, con domande aperte oltre ad analisi e commento dei testi stessi. Non sono previste prove in itinere.
Criteri di valutazione: Il voto finale risulterà dalla valutazione della prova orale e sarà determinato dai seguenti parametri:
a) livello di acquisizione delle conoscenze degli argomenti trattati nel corso e dei metodi proposti
b) organizzazione e assimilazione personale dei contenuti proposti
c) capacità di sviluppare un argomentato punto di vista personale sui contenuti
d) appropriatezza del lessico, correttezza sintattico-grammaticale nell'esposizione, corretta pronuncia dei termini in lingue classiche o straniere
e) rigore nell’analisi, spiegazione e interpretazione dei testi filosofici, abilità logico-argomentative
f) approfondimento personale-originale degli argomenti proposti
Contenuti: TITOLO DEL CORSO: Il differire del visibile
Il corso intende interrogare le nozioni di sguardo, di visibilità, di invisibile e di immagine nel confronto tra alcune posizioni particolarmente significative del pensiero moderno e contemporaneo. In particolare saranno prese in considerazione e saranno oggetto di studio la riflessione di Jacques Derrida – a partire dal saggio La différance, per indagare poi in dettaglio alcuni testi che affrontano problematiche estetiche relative al tema della visibilità – e quella di un pittore e pensatore cinese. Sulla base del confronto tra queste prospettive, obiettivo del corso sarà quello di aprire una possibilità di interrogazione interculturale sulle modalità del rapporto tra visibile e invisibile, immagine e parola, arte e filosofia, indagando l'estensione e la pretesa di universalità di tali nozioni. Il movimento decostruttivo proposto ed elaborato da Derrida verrà quindi esteso e riattivato attraverso un esercizio di decostruzione "da fuori", a partire cioè dall'esteriorità del pensiero cinese.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lettura, analisi, commento e discussione dei testi filosofici e poetici; visione e commento di immagini. La frequenza delle lezioni, benché auspicabile anche per il richiamo a lingue straniere, europee ed extra-europee, non è obbligatoria.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Gli studenti sono tenuti a portare come materiale di esame i testi di riferimento indicati (in caso, limitatamente alle pagine segnate) dei primi tre punti, e un testo a scelta tra gli ultimi due. Eventuali altri testi di approfondimento ulteriore (esclusi comunque dal materiale d'esame) saranno comunicati nel corso delle lezioni.
Testi di riferimento:
  • Derrida, Jacques, Memorie di cieco. L'autoritratto e altre rovine. Milano: Abscondita, 2003. Cerca nel catalogo
  • Derrida, Jacques, Pensare al non vedere. Milano: Jaca Book, 2016. Cerca nel catalogo
  • Shitao, Discorsi sulla pittura del Monaco Zucca Amara. Milano: Jouvence, 2014. Cerca nel catalogo
  • Jullien, François, Quella strana idea di bello. Bologna: Il mulino, 2012. Cerca nel catalogo
  • Ghilardi, Marcello, Il visibile differente. Sguardo e relazione in Derrida. Milano: Udine, Mimesis, 2012. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Interactive lecturing
  • Mappe concettuali
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Istruzione di qualita' Pace, giustizia e istituzioni forti