Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Ingegneria
INGEGNERIA DELL'INNOVAZIONE DEL PRODOTTO
Insegnamento
MECCANICA DEI SOLIDI
IN07111250, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
INGEGNERIA DELL'INNOVAZIONE DEL PRODOTTO
IN2375, ordinamento 2017/18, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese MECHANICS OF SOLID MATERIALS
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali (DTG)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede VICENZA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile VALENTINA SALOMONI ICAR/08

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Ingegneria dei materiali ICAR/08 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 48 102.0

Calendario
Inizio attività didattiche 23/09/2019
Fine attività didattiche 18/01/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2017

Syllabus
Prerequisiti: Analisi Matematica 1, Fondamenti di algebra lineare e geometria, Fondamenti di analisi matematica 2
Conoscenze e abilita' da acquisire: * Acquisire i fondamenti teorici alla base del comportamento reale di elementi e continui bi- e tri-dimensionali, con particolare riferimento ai concetti di equilibrio e congruenza ed alla definizione di legame costitutivo;
* Acquisire le metodologie necessarie per l'analisi critica, la classificazione e l'eventuale risoluzione di travature piane;
* Essere in grado di analizzare criticamente, classificare e risolvere travature piane in maniera autonoma;
* Essere in grado di esporre in modo chiaro e articolato gli argomenti affrontati durante il corso, nonchè di analizzarli criticamente, collegarli e -qualora possibile- trasferirli in un esempio pratico.
Modalita' di esame: Prova scritta e prova orale.
* La prova scritta è articolata in una serie di esercizi relativi alla classificazione ed alla risoluzione di sistemi piani di travi, nonchè alla loro caratterizzazione tenso-deformativa. Questa prova consente di verificare le abilità più prettamente pratiche e di calcolo dello studente.
* La prova orale prevede la verifica dell'apprendimento dei concetti e degli argomenti di carattere primariamente teorico trattati durante il corso e l'approfondimento di quelli pratici nel caso in cui si siano rilevate mancanze nella prova scritta.
* Il giudizio finale proviene dal voto della prova scritta, modificato a seconda dell'esito della prova orale.
Criteri di valutazione: I criteri di valutazione si basano sull'accertamento:
- delle capacità di calcolo e risolutive per sistemi strutturali piani, nonchè primariamente dell'avvenuta acquisizione di corrette metodologie risolutive;
- delle abilità di problem-solving;
- della conoscenza e della comprensione dei concetti e degli argomenti teorici sviluppati durante il corso;
- della capacità di collegamento fra argomenti e di rielaborazione critica;
- della proprietà di linguaggio, con particolare riferimento all'acquisizione della terminologia tecnica.
Contenuti: Geometria delle aree: momenti di primo e secondo ordine, baricento, cambiamento del sistema di riferimento.
Vincoli e condizioni elementari di vincolo: vincoli semplici, doppi e tripli e loro classificazione statico-geometrica.
Classificazione statico-cinematica di sistemi di corpi rigidi: trattazione pratica, i teoremi delle catene cinematiche.
Parametri della sollecitazione per sistemi di travi piane: momento flettente, taglio, sforzo normale.
Sistemi isostatici di travi piane: strutture intelaiate, travi reticolari, travi Gerber.
Equazione della linea elastica: rotazione e curvatura.
Analisi della deformazione: tensore delle piccole deformazioni, relazioni di congruenza, stati mono-, bi- e tri-assiali di deformazione.
Analisi della tensione: vettore tensione e tensore di tensione, equazioni di Cauchy e di equilibrio indefinito, stati mono-, bi- e tri-assiali di tensione, cerchi di Mohr.
Legame costitutivo: materiale elastico, lineare, omogeneo e isotropo (legge di Hooke).
Teorema dei Lavori Virtuali: il TLV per sistemi di corpi continui e sistemi di travi (equazioni di Muller-Breslau).
Sistemi iperstatici di travi piane: risoluzione attraverso il metodo delle forze, equazione di congruenza.
Stabilità dell'equilibrio elastico: sistemi discreti e sistemi continui.
Trave di De St. Venant; analisi dello stato di sollecitazione nelle travi spaziali: sforzo normale, flessioni retta e deviata, presso-flessione, torsione, taglio.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso è strutturato in lezioni frontali. Viene stimolata l'interazione con lo studente e la sua diretta partecipazione in particolare durante lo sviluppo delle esercitazioni in aula.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: * Salomoni V., Xotta G., Pomaro B., Mazzucco G., “Esercizi di Scienza delle Costruzioni”, Libreria Progetto Ed., Padova, 2016.
Testi di riferimento:
  • Majorana, Carmelo; Salomoni, Valentina, Scienza delle costruzioniCarmelo Majorana, Valentina Salomoni. [Milano]: Novara, CittàStudi, De Agostini scuola, 2007. Cerca nel catalogo
  • Di Tommaso A., Lezioni di Scienza delle Costruzioni, Voll. I e II. Bologna: Patron Ed., 1981. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Problem based learning
  • Interactive lecturing
  • Working in group
  • Questioning
  • Problem solving
  • Active quiz per verifiche concettuali e discussioni in classe
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)
  • FTOOL

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Industria, innovazione e infrastrutture