Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Medicina e Chirurgia
ASSISTENZA SANITARIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI ASSISTENTE SANITARIO)
Insegnamento
PROMOZIONE, PROTEZIONE E PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO
MEO2043758, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
ASSISTENZA SANITARIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI ASSISTENTE SANITARIO)
ME1860, ordinamento 2015/16, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PROMOTION, PROTECTION AND PREVENTION IN WORKPLACES
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Cardio-Toraco-Vascolari e Sanità Pubblica
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede CONEGLIANO (TV)
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di ASSISTENZA SANITARIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI ASSISTENTE SANITARIO)

Docenti
Responsabile MARIA LUISA SCAPELLATO MED/44

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Scienze dell'assistenza sanitaria MED/44 3.0
CARATTERIZZANTE Scienze dell'assistenza sanitaria MED/50 2.0
CARATTERIZZANTE Scienze della prevenzione e dei servizi sanitari MED/36 1.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 60 90.0

Calendario
Inizio attività didattiche 10/02/2020
Fine attività didattiche 30/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2015

Syllabus
Prerequisiti: MEDICINA DEL LAVORO: Nozioni di anatomia e fisiologia. Elementi di epidemiologia e principali strumenti per l’analisi statistica dei dati. Conoscenze informatiche di base (insegnamenti propedeutici?)
METODOLOGIA DELLA PROFESSIONE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI: conoscenza delle patologie di origine occupazionale. Conoscenze informatiche di base. Conoscenza dell’organizzazione del lavoro in ambito sanitario.
RADIOPROTEZIONE: Conoscenze di base di chimica e biologia.
Conoscenze e abilita' da acquisire: MEDICINA DEL LAVORO: Conoscere i principali riferimenti normativi in ambito di igiene, salute e sicurezza sul lavoro e le responsabilità in capo agli attori della MEDICINA DEL LAVORO: Conoscere i principali riferimenti normativi in ambito di igiene, salute e sicurezza sul lavoro e le responsabilità in capo agli attori della prevenzione nell’ambiente di lavoro. Conoscere il modello generale di valutazione e gestione del rischio, i principali fattori di rischio lavorativi, i rischi per la salute e la sicurezza e i metodi per la loro valutazione. Acquisire la capacità di individuare misure preventive e strategie di intervento da adottare per ridurre l’esposizione al rischio. Conoscere le principali patologie professionali, le indagini clinico-strumentali per la diagnosi, gli adempimenti medico legali.
METODOLOGIA DELLA PROFESSIONE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI: conoscere i concetti base di prevenzione in ambito lavorativo; conoscere il ruolo dell’A.S. nei servizi di promozione della salute lavorativa e prevenzione delle patologie da lavoro; conoscere i requisiti formativi per il lavoro nel settore, conoscere i principali fattori di rischio per la salute dei lavoratori presenti in ambito sanitario e sviluppare competenze metodologiche e tecniche di intervento preventivo e di promozione della salute: meccanismi di azione, conoscere e discutere criticamente sulle principali misure di prevenzione e protezione.
RADIOPROTEZIONE: acquisire le norme di radioprotezione che regolano le caratteristiche dei locali in cui sono posti gli apparecchi radiologici, i requisiti professionali degli operatori autorizzati ad impiegare i raggi-x e le modalità per il loro controllo sanitario.
Modalita' di esame: MEDICINA DEL LAVORO: Esame scritto: 40 domande con risposte a scelta multipla. In casi selezionati, a giudizio del docente o su specifica richiesta motivata dello studente, sarà possibile svolgere una prova orale.
METODOLOGIA DELLA PROFESSIONE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI: prova scritta: 18 domande a risposta multipla e 3 domande aperte sui principali argomenti trattati nel corso delle lezioni.
RADIOPROTEZIONE: Prova orale.
Criteri di valutazione: MEDICINA DEL LAVORO: Ad ogni risposta esatta viene assegnato un punteggio pari a 0,78; ad ogni risposta errata – 0,25; ad ogni domanda senza risposta 0 (nel caso di risposta esatta a tutte le domande potrà essere proposta la lode qualora anche nelle prove relative agli altri due insegnamenti lo studente abbia dato prova di ottima padronanza delle materie e superato le stesse con il massimo punteggio).
METODOLOGIA DELLA PROFESSIONE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI: domande a risposta multipla: ad ogni risposta esatta viene assegnato un punteggio pari a 1; ad ogni risposta errata – 0,25; ad ogni domanda senza risposta 0. Domande aperte: massimo 4 punti per ogni domanda.
E’ previsto anche un punteggio supplementare (da 1/30 a 3/30) per la partecipazione attiva e propositiva durante le lezioni organizzate in piccoli gruppi.
RADIOPROTEZIONE: comunicati dal docente in aula.
Contenuti: MEDICINA DEL LAVORO: Definizioni, scopi, metodologia della Medicina del Lavoro. Quadro normativo di riferimento. Enti preposti alle attività di prevenzione in tema di salute e sicurezza negli ambienti di lavoro. Il modello generale di valutazione del rischio e la sua applicazione agli ambienti di lavoro come attività multistadio-polidisciplinare (svolta in collaborazione tra le diverse figure professionali dell’area sanitaria e della prevenzione) volta ad orientare e graduare gli interventi preventivi, programmare le attività di informazione, formazione e addestramento sui rischi, e programmare la sorveglianza sanitaria sui lavoratori. Elementi di igiene occupazionale per la valutazione e controllo dei rischi chimici, fisici, biologici, legati all’organizzazione del lavoro. I valori guida: principi, significato ed obiettivi. I sistemi di gestione della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro. Le principali patologie da lavoro e le indagini clinico-strumentali per la loro diagnosi. La sorveglianza sanitaria e il giudizio di idoneità alla mansione specifica. Gli infortuni e le malattie professionali nella tutela INAIL. Invalidità civile, L.104/92, L.68/99. Invecchiamento della popolazione lavorativa, medicina genere-specifica, promozione della salute nei luoghi di lavoro: nuove sfide per la medicina del lavoro.
METODOLOGIA DELLA PROFESSIONE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI: cenni D.Lgs 81/08: compiti e responsabilità degli attori della sicurezza.
Ambito di intervento dell’assistente sanitario nei servizi che si occupano della sicurezza sul lavoro: destinatari ai quali sono rivolti gli interventi, istituzioni di tutela e rapporti con le stesse.
Analisi delle attività, metodologia operativa e strumenti dell'Assistente Sanitario nei servizi che si occupano di: radioprotezione, medicina del lavoro e sorveglianza sanitaria (vaccinazioni, educazione sanitaria, organizzazione della sorveglianza sanitaria, gestione delle scadenze, certificazioni e documenti sanitari).
Valutazione e prevenzione dei rischi, protezione del lavoratore e promozione della salute lavorativa (l’analisi di infortuni con ricerca delle soluzioni più adeguate), formazione per la sicurezza sul lavoro (programmazione , classificazione dei lavoratori e dei contenuti, erogazione e valutazione).
RADIOPROTEZIONE: La Radioprotezione. Tipologia delle esposizioni alle radiazioni ionizzanti. Protezione fisica dalla radiazioni. Misure di protezione ambientale. La radioprotezione dell’operatore e del paziente. Sicurezza e protezionistica in RMN.

Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento
MEDICINA DEL LAVORO: Lezioni frontali. Esercitazioni sui metodi per la valutazione dei principali rischi lavorativi.
METODOLOGIA DELLA PROFESSIONE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI: lezioni frontali per il 40% del tempo. Nel restante tempo saranno svolte lezioni interattive mediante lavoro in piccoli gruppi per l’analisi di casi didattici e infortuni con ricerca delle soluzioni più adeguate e presentazione dei risultati in plenaria. Visione di foto, filmati e riproduzione di documentazione in uso.
RADIOPROTEZIONE: Lezioni frontali.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: MEDICINA DEL LAVORO: Lezioni frontali. Esercitazioni sui metodi per la valutazione dei principali rischi lavorativi.
METODOLOGIA DELLA PROFESSIONE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI: lezioni frontali per il 40% del tempo. Nel restante tempo saranno svolte lezioni interattive mediante lavoro in piccoli gruppi per l’analisi di casi didattici e infortuni con ricerca delle soluzioni più adeguate e presentazione dei risultati in plenaria. Visione di foto, filmati e riproduzione di documentazione in uso.
RADIOPROTEZIONE: Lezioni frontali.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: MEDICINA DEL LAVORO: Diapositive delle lezioni. Eventuale materiale selezionato dal docente e reso disponibile per gli studenti (articoli scientifici, technical report, linee guida, normativa, etc.)METODOLOGIA DELLA PROFESSIONE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI: Dispense del docente e articoli di riviste specializzate.RADIOPROTEZIONE: Materiale didattico fornito dal docente.
Testi di riferimento
MEDICINA DEL LAVORO:
• F. Tomei, S.M. Candura, N. Sannolo, P. Sartorelli, G. Costa, L. Perbellini, F. Larese Filon, P. Maestrelli, A. Magrini, G.B. Bartolucci, S. Ricci. Manuale di Medicina del Lavoro. Ed. Piccin 2018.
• Pira E., Romano C., Carrer P. Manuale di Medicina del Lavoro. Ed. Minerva Medica 2017.
• Alessio L., Apostoli P. Manuale di Medicina del Lavoro ed Igiene Industriale. Ed. Piccin 2009
METODOLOGIA DELLA PROFESSIONE PER LA TUTELA DEI LAVORATORI: pubblicazioni INAIL disponibili sul sito.
Testi di riferimento:

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Problem based learning
  • Working in group
  • Questioning

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Software INAIL, EPM

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Salute e Benessere Uguaglianza di genere Ridurre le disuguaglianze