Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze
SCIENZE GEOLOGICHE
Insegnamento
PALEONTOLOGIA
SCO2045606, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
SCIENZE GEOLOGICHE
SC1162, ordinamento 2008/09, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 12.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PALAEONTOLOGY
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Geoscienze
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile STEFANO MONARI GEO/01
Altri docenti ELIANA FORNACIARI GEO/01
ROBERTO GATTO GEO/01

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Ambito geologico-paleontologico GEO/01 12.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
Turni
ATTIVITÀ DIDATTICHE A PICCOLI GRUPPI 0.67 12 4.75 2
ESERCITAZIONE 1.08 13 14.0 4
LABORATORIO 2.0 32 18.0 5
LEZIONE 8.25 66 140.25 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 30/09/2019
Fine attività didattiche 18/01/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2008

Syllabus
Prerequisiti: Per seguire l'insegnamento con profitto sono sufficienti le normali conoscenze impartite nei corsi a carattere scientifico della scuola secondaria superiore e le nozioni di geologia acquisite nei corsi del primo anno.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Le conoscenze e abilità che il corso intende fornire allo studente sono:
- conoscenza dei principali gruppi di invertebrati fossili;
- essere in grado di classificare i fossili secondo i principi della sistematica biologica attraverso il riconoscimento e la descrizione dei caratteri morfologici diagnostici;
- essere in grado di effettuare un'analisi paleoecologica direttamente su materiale paleontologico in base alle conoscenze di paleontologia sistematica, dell'interpretazione morfo-funzionale dei caratteri e del riconoscimento dei processi tafonomici;
- essere in grado di utilizzare le informazioni dell'analisi paleoecologica per l'interpretazione degli ambienti sedimentari;
- conoscenza degli argomenti teorici e delle metodologie di analisi della paleontologia generale e del significato dei fossili nel contesto evolutivo, stratigrafico, paleoecologico e paleobiogeografico;
- essere in grado di utliizzare correttamente la terminologia specifica della paleontologia.
Modalita' di esame: L'esame è orale e consiste in un colloquio suddiviso in due parti contigue.
La prima riguarda l'analisi di un esemplare scelto tra il materiale paleontologico oggetto dell'attività di laboratorio. In particolare:
- identificazione del fossile sulla base dei suoi caratteri diagnostici e riconoscimento del gruppo tassonomico di appartenenza;
- aspetti generali del taxon, inquadramento nella gerarchia tassonomica, interpretazione morfo-funzionale dei caratteri, tendenze evolutive, significato paleoecologico e stratigrafico;
- riconoscimento dei processi tafonomici e loro interpretazione paleoambientale.
La seconda parte consiste in una discussione su uno o più argomenti di paleontologia generale quali i processi di fossilizzazione, la paleontologia evolutiva, il significato stratigrafico, paleoecologico e paleobiogeografico dei fossili.
Criteri di valutazione: L'esame ha lo scopo di valutare:
- capacità di riconoscimento dei caratteri sistematici che permettono la classificazione di materiale paleontologico visionato in laboratorio durante il corso;
- livello di conoscenza dei principali gruppi di invertebrati fossili;
- capacità di riconoscimento degli aspetti paleontologici utili all'interpretazione degli ambienti sedimentari;
- capacità di riconoscere gli aspetti che forniscono informazioni di carattere evolutivo, paleoecologico, stratigrafico e paleobiogeografico;
- livello di apprendimento e di comprensione degli argomenti teorici generali della paleontologia;
- conoscenza e corretto uso della terminologia tecnica specifica della paleontologia.
Contenuti: Introduzione al corso: struttura del corso, cenni storici, concetto di fossile, rapporti tra paleontologia, geologia e biologia. Tafonomia: composizione degli organismi viventi, processi biostratinomici, processi di fossilizzazione della materia organica e delle parti mineralizzate. Paleontologia e evoluzione: prove paleontologiche dell’evoluzione, le teorie evoluzionistiche da Lamarck ad oggi. Microevoluzione: dal rapporto genotipo/fenotipo alla speciazione. Macroevoluzione: l’origine di schemi strutturali nuovi, radiazioni adattative, convergenza, tendenze evolutive, estinzione. Paleoecologia: rapporti con l’ecologia, paleoecologia marina, zonazione degli ambienti marini, ambienti anossici. Autoecologia: fattori biologici e fattori ambientali. Sinecologia: associazione ed ecosistema, relazioni associative, struttura degli ecosistemi, associazioni viventi e associazioni fossili, coevoluzione. Esempi di analisi paleoecologica. Paleoicnologia: processi di fossilizzazione delle tracce, paratassonomia e classificazione delle tracce fossili, bioturbazione. Cenni di paleontologia stratigrafica: evoluzione e paleontologia stratigrafica, tassi di evoluzione delle specie e tempo geologico. Paleobiogeografia: modi e tempi di diffusione degli organismi, dispersione e vicarianza, unità biogeografiche e unità paleobiogeografiche, esempi di ricostruzioni paleobiogeografiche. Paleontologia sistematica: principi e metodi di classificazione degli organismi viventi, omologia e analogia, gruppi monofiletici e gruppi polifiletici. Tassonomia, paleoecologia, paleobiogeografia e valenza stratigrafica dei principali gruppi di invertebrati fossili. Cenni di micropaleontologia con riconoscimento di microfossili al microscopio. Attività pratiche di laboratorio sul riconoscimento dei fossili e sulle principali tecniche di preparazione di materiale paleontologico.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali sugli aspetti teorici dei principali argomenti di paleontologia generale e nozioni di base sull'anatomia delle parti molli e delle parti dure dei gruppi di invertebrati marini importanti in paleontologia. Attività di laboratorio: riconoscimento dei processi tafonomici e dei principali gruppi di invertebrati fossili. Attività di campagna: due escursioni.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Le lezioni vengono svolte con l'ausilio di presentazioni in formato elettronico. Le presentazioni sono fornite agli studenti all'inizio del corso. Durante il corso vengono distribuiti eventuali aggiornamenti e integrazioni.Tutto il materiale è reso disponibile sulla piattaforma Moodle.
Testi di riferimento:
  • RAFFI S. & SERPAGLI E., Introduzione alla Paleontologia. Torino: UTET, 2003. Cerca nel catalogo
  • ALLASINAZ A., Invertebrati fossili. Torino: UTET, 1999. Cerca nel catalogo
  • CLARKSON E.N.K., Invertebrate Palaeontology and Evolution. Oxford: Wiley-Blackwell, 1998. Cerca nel catalogo
  • BOARDMAN R., CHEETAM A.H. & ROWELL A.J., Fossil Invertebrates. Oxford: Wiley-Blackwell, 1987. Cerca nel catalogo
  • BENTON M.J. & HARPER D.A.T., Introduction to paleobiology and the fossil record. Oxford: Wiley-Blackwell, 2009. Cerca nel catalogo
  • COCKELL C., (ed.), An introduction to the Earth-Life System. Cambridge: Cambridge University Press, 2008. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Laboratory
  • Case study
  • Working in group
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
La vita sott'acqua La vita sulla Terra