Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
STORIA
Insegnamento
ETNOLOGIA
LEN1032882, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
STORIA
LE0600, ordinamento 2016/17, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese ETHNOLOGY
Sito della struttura didattica https://www.dissgea.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Storiche Geografiche e dell'Antichità (DISSGeA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di STORIA

Docenti
Responsabile DONATELLA SCHMIDT M-DEA/01

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LEN1032882 ETNOLOGIA DONATELLA SCHMIDT LE0604

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
BASE Antropologia, diritto, economia e sociologia M-DEA/01 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
6 2018 01/12/2018 30/11/2019 SCHMIDT DONATELLA (Presidente)
CREMONESI CHIARA (Membro Effettivo)
MILICIA MARIA TERESA (Supplente)
5 2017 01/10/2017 30/11/2018 SCHMIDT DONATELLA (Presidente)
CREMONESI CHIARA (Membro Effettivo)
MILICIA MARIA TERESA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Il Corso di Studio non prevede propedeuticità
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso si propone di fornire:
1) la conoscenza di una serie di prospettive teoriche e di approcci metodologici utili per l'osservazione,l'analisi e l'interpretazione di eventi sociali nelle società complesse;
2) l’apprendimento di strumenti capaci di decostruire discriminazioni legate in particolare alle diversità culturali e di genere ai fini di una miglior interazione sociale anche in ambito educativo e scolastico;
3) la capacità di identificare e analizzare dinamiche connesse ai fenomeni di globalizzazione (religiosa,turistica,alimentare) e di mobilità dovuta ai contesti migratori;
4) lo sviluppo della riflessività critica e di decostruzione di categorie interpretative impiegate nella quotidianità come strumenti privilegiati di ogni realtà educativa
Modalita' di esame: L'esame si svolgerà in forma orale con discussione di più tematiche affrontate durante le lezioni e i seminari. Verrà chiesto agli studenti di esporre almeno uno strumento teorico e/o metodologico utile nel decodificare la contemporaneità. Almeno un paio di domande verterà su aspetti di carattere generale derivati dalla manualistica, dalle lezioni e dai seminari; almeno un paio di domande verterà su ambiti di applicazione specifici scelti dallo studente/studentessa (per esempio educativo, migratorio, turistico, culturale ecc…)
Criteri di valutazione: Verrà valutata:
1) la conoscenza degli argomenti trattati nel corso;
2) la comprensione dei concetti e dei metodi esposti;
3) la capacità di applicare tali conoscenze alla propria esperienza accademica e personale;
4) le abilità argomentative, ovvero la pertinenza delle risposte rispetto alle domande;
5)la capacità di costruire un proprio discorso critico e riflessivo;
6) la partecipazione attiva nel corso delle lezioni e dei seminari
Contenuti: 1) Il primo modulo è di carattere propedeutico e presenta il progetto della disciplina, i concetti e i metodi che la caratterizzano e gli strumenti utili ai fini di un approccio interculturale. In particolare si affronteranno i seguenti temi: A. la cultura come elemento dinamico; il processo inculturativo; l’etnocentrismo e il relativismo culturale; il razzismo; problemi di genere; questioni identitarie; B.elementi di storia del pensiero antropologico capaci di stimolare la riflessione e il dibattito in ambito culturale (Tylor, Boas, Geertz), in ambito educativo (Benedict, Margaret Mead), in ambito sociale e relazionale (Malinowski, Mauss, Lévi-Strauss), C. nozioni di base finalizzate all’apprendimento del metodo etnografico per una sua possibile applicazione in contesti diversi (in ambito educativo, turistico, dello sviluppo sostenibile e del consumo responsabile, delle migrazioni ecc..)
2) Il secondo modulo intende avvicinare gli studenti a tematiche specifiche all'interno del discorso antropologico che permettano una lettura di pratiche e di linguaggi nel loro particolare campo di interesse: A.Processi identitari e di riconoscimento e significati delle appartenenze etnico politiche e religiose nei contesti contemporanei; B.la multiculturalità dei contesti di interazione sociale, incluse le istituzioni educative e scolastiche; C. analisi dell’evento turistico e sue modalità comunicative nella società globale; D. conoscenza dei processi relativi alle migrazioni forzate; E. significato simbolico culturale del cibo visto come strumento comunicativo.
3) Il terzo modulo (solo per coloro che hanno 9cfu) intende sollecitare gli studenti a analizzare una tematica presente nel secondo modulo guardando il contesto latino-americano e più in particolare la relazione tra la componente indigena e la società nazionale. Presenterà una modalità seminariale e partecipativa che prevede la presenza di diversi specialisti e attività di gruppo.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento:
Eventuali indicazioni sui materiali di studio:
Testi di riferimento:

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Problem based learning
  • Case study
  • Interactive lecturing
  • Working in group
  • Peer feedback
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)